Cronaca

L’azienda imolese Emc è tra i fornitori del colosso canadese dell’aviazione Bombardier

L’azienda imolese Emc è tra i fornitori del colosso canadese dell’aviazione Bombardier

Alla Emc quella telefonata dal Canada proprio non se l’aspettavano. L’ufficio acquisti del colosso Bombardier, con sede a Montréal e famoso nel mondo per i suoi aerei antincendio Canadair, stava cercando macchine lucidatrici per realizzare le lussuose finiture interne del nuovo modello Global 7000, il jet privato più grande al mondo. E forse, i prodotti realizzati in via Brodolini facevano proprio al caso loro. “E’ una storia che potrebbe avere per titolo L’ape che incanta l’elefante” esordisce con soddisfazione Ivano Coveri, amministratore unico di Emc, dove oggi lavorano 29 dipendenti.

Bombardier, invece, di dipendenti ne conta circa 66 mila e nel 2016 ha realizzato un fatturato di 16,3 miliardi di dollari. Oltre agli aerei costruisce treni e con la sua divisione trasporti è presente anche in Italia, a Roma, Palermo e Vado Ligure. “Forse ci hanno visti a qualche fiera del settore – ipotizza Coveri – anche se non si sono presentati ai nostri commerciali. Di solito, i tecnici di aziende così grandi e con alle spalle un ufficio acquisti imponente, non vogliono apparire, per non essere disturbati. Comunque ci hanno contattato loro per avere un’offerta. Oltre a noi erano in ballo altre due imprese italiane e una tedesca. E alla fine hanno scelto noi. Mi piace pensare che siamo stati scelti per avere presentato la miglior tecnologia e finitura per i loro lussuosi arredi”.

Tra settembre e ottobre i tecnici Emc sono partiti per il Québec per consegnare e installare due linee automatiche con macchine Rotoplus. “Queste – dettaglia il produttore – consentono di ottenere finiture di altissima qualità su vernici e una rifrazione della luce vicina a quella degli specchi. Tra i nostri clienti abbiamo chi produce ad esempio pianoforti, pannelli per cucine e bagni. Se gli specchi riflettono il 100 per cento della luce, i prodotti trattati con le nostre macchine si avvicinano al 98 per cento”.

Il bireattore, presentato in anteprima al Las Vegas a inizio ottobre, inizierà a solcare i cieli nella seconda metà di quest”anno. Al momento sono in costruzione otto esemplari, quattro dei quali ordinati nel 2011 dalla compagnia australiana AvWest. Per l’assemblaggio e per completare gli interni, la compagnia canadese ha inaugurato in novembre un Centro d’eccellenza costato 65 milioni di dollari e annunciato l’assunzione di mille lavoratori specializzati, operai, artigiani e ingegneri, da impiegare tra Montréal e Toronto. Con un’autonomia di 13 mila chilometri, il jet potrà trasportare 8 passeggeri da Londra a Singapore e da Dubai a New York senza scalo. I mobili e i rivestimenti, in cui ci si potrà quasi specchiare, saranno installati nelle quattro lussuose suite, più spaziose del 20% rispetto alla media, che comprendono anche una camera da letto matrimoniale, una cucina super accessoriata e una zona relax per l’equipaggio. Tutti gli spazi, inoltre, sono dotati di connessione Internet ultraveloce. Oltre a essere il jet privato più grande al mondo sarà anche uno dei più costosi. Per acquistarlo serviranno infatti oltre 60 milioni di dollari.

Nella foto: l”amministratore unico di Emc Ivano Coveri (primo a destra) con lo staff dell”azienda imolese alla Fiera di Hannover

Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast