Motosapiens

Donne e motori, un binomio che cambia

Donne e motori, un binomio che cambia

Donne e motori non è più il binomio di una volta, con le moto guidate dagli uomini e le donne, poco vestite, a reggere l’ombrello. Lo dimostrano il crescente numero di donne in moto, la sempre più grande attenzione delle case motociclistiche a proporre moto di bassa cilindrata o depotenziate (non per sminuire le donne, ma per proporre mezzi per tutti i giorni) e, non ultimo, le scelte di Le Mans Series e Formula1 di pensionare le ombrelline.

Da qualche anno moto e velocità non sono più un dominio maschile: negli ultimi anni i nomi di Maria Herrera e Ana Carrasco hanno riempito le pagine di MotoGp e Superbike con le loro imprese e determinazione, perchè forse è vero che ci vuole più forza d’animo, per le donne, per raggiungere le massime serie. Ed è ancora purtroppo vero che certe centaure di tutti i giorni non si azzardano ancora a coronare il proprio sogno di avere una moto con la quale uscire nella vita di tutti i giorni o nei weekend. O addirittura, viaggiare in moto, macinare chilometri, come invece ha deciso di fare Arianna Lenzi “La Bionda sulla Honda” che sabato 10 marzo sarà ospite di Motosapiens, insieme al motoviaggiatore Wizz, allo store Dainese Bologna, per raccontare cosa, come, quando e tutti i dettagli che compongono la libertà di un viaggio in moto.

Il mondo cambia costantemente (se non proprio velocemente). Non a caso nel libro “Storie della buonanotte per bambine ribelli” c’è una favola dedicata a Lella lombardi, prima donna in F1; sua la frase di libertà “Preferisco avere un incidente che innamorarmi. Ecco quanto amo le corse”. In rappresentanza delle due ruote al femminile, nel libro, c’è invece la storia della campionessa americana di motocross Ashley Fiolek.

Ma chi è stata la prima donna italiana in moto? La pioniera delle donne motocicliste fu Vittorina Sambri, italiana che nei primi anni del Novecento ha sfidato gli uomini in sella a una Borgo 500 monocilindrica con la quale “bastonava” spesso i colleghi maschi. Fra i motociclisti dell’epoca si diffuse la diceria che Vittorina in realtà fosse un uomo “perchè portava soltanto i pantaloni”. Ma l’invidia è una cattiva maestra di storia!

 

>>> L’EVENTO SUL VIAGGIO CON LA MOTOVIAGGIATRICE “LA BIONDA SULLA HONDA” <<<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast