Motosapiens

Motociclisti senza etichetta: quando la moto è vita

Motociclisti senza etichetta: quando la moto è vita

Nell’immaginario comune i motociclisti sono tipi atletici, sportivi, impavidi. Ma motociclismo non è solo sport e professione, è soprattutto passione. Una passione che non conosce limiti e supera gli ostacoli. Perchè la moto è vita.

Il mondo del motociclismo è pieno di piccoli esempi di come questa passione possa superare le difficoltà ed essere parte di una rinascita. Lo dimostra, ad esempio, la storia di Maximilian Sontacchi, motociclista vittima di un incidente proprio sulle due ruote che lo ha costretto su una sedia a rotelle. Un episodio drammatico che però non gli ha tolto nè la passione per la moto, nè la voglia di continuare ad assaporare quella libertà che le due ruote sanno regalare ai veri appassionati. Nonostante il grande ostacolo della disabilità e contrastando giorno per giorno le difficoltà cui è costretto, Max è tornato in moto ed ha fondato il proprio team, il Bura Racing team, con cui scendere in pista e competere tanto contro altri motociclisti disabili quanto contro piloti normodotati di tutta Europa. Il team sostiene anche altri piloti con disabilità che vogliono tornare sulle due ruote nonostante l’ostacolo fisico con un progetto solidale che si chiama “Ri-mettiamoci in moto”.

Di acrobazie, salti, adrenalina è invece fatto lo spettacolo dei DaBoot, team ma anche famiglia di motociclisti che con la moto fa faville. Uno spettacolo non solo spettacolare, ma che ha anche scopo terapico. Il team infatti promuove una vera e propria mototerapia, progetto nato nel 2012 che consiste nel condividere la passione e l’adrenalina con ragazzi disabili, per trasmettere il senso di libertà e la gioia del mondo di cui fanno parte, quello delle moto, appunto, coinvolgendo i ragazzi con disabilità e facendoli diventare, per qualche istante, dei veri riders. Un progetto del tutto simile a quello di Mattia Cattapan e il suo Kart Cross, dal nome Crossabili, che mira a dare la possibilità anche ai disabili di essere protagonisti di sport a motore.

Innumerevoli sono poi i gruppi e i motoclub che fra gli scopi associativi, oltre alla passione per la moto e lo stare insieme condividendo le tante sfumature di una medesima grande passione, inseriscono fini benefici e solidali. Un esempio su tutti è quello del Distinguished Gentleman’s Ride, non solo un raduno ma una vera marcia motociclistica mondiale che si svolge ogni anno a settembre per sensibilizzare e raccogliere fondi per la ricerca sul cancro alla prostata e la prevenzione del suicidio maschile. Un evento  che ogni anno coinvolge centinaia di città di tutto il mondo e che a Bologna è abbracciato e portato avanti dal motoclub Modern Classic che raccoglie appassionati di moto classiche e cafe racer (ma per l’evento mondiale e benefico sono invitati tutti i tipi di moto e motociclisti! Nel 2017 hanno preso parte alla marcia mondiale sulle due ruote oltre settantamila bikers!!). Parteciperà ufficialmente anche il motoclub Chapter Harley di Bologna.

Piccoli grandi esempi di un motociclismo senza etichette, senza confini, che sarà protagonista il prossimo 21 aprile a Bologna!

L’EVENTO: Motociclisti senza etichette-Life is a morotcycle. Un’occasione per immergersi letteralmente in questo diverso e ricco mondo del motociclismo e per conoscere dal vivo le realtà qui raccontate è rappresentato dall’evento Motociclisti senza etichette-Life is a motorcycle che va in scena il prossimo sabato 21 aprile dalle 17 al centro Meridiana di Casalecchio di Reno.

Un pomeriggio di motociclismo oltre gli standard e gli stereotipi, un motoraduno aperto a tutti ma davvero tutti i motociclisti e le moto che dalle 17.30 potranno sistemarsi nella nuova piazza del centro commerciale e godere, insieme, di tanti ospiti, musica, esibizioni e mostra di moto.

Per partecipare con la propria moto è obbligatorio mandare la richiesta di iscrizione alla mail bluiris@bluiris.it entro e non oltre il 19 aprile. Tutti i motociclisti con moto al seguito avranno diritto ad un buono per un apericena per la sera stessa. L’intero evento ha, inevitabilmente, uno scopo solidale: gli incassi saranno interamente devoluti ad una associazione del mondo solidale dei bikers.

Il programma. Alle 17.30 welcome bikers; alle 17.45 presentazione progetto Crossabili con Mattia Cattapan del Kart Cross; alle 18.15 presentazione progetto Mototerapia dei DaBoot con Alvaro Dal Farra; alle 18.30 presentazione del progetto Ri-mettiamoci in moto del Bura Racing Team con Maximilian Sontacchi;alle 19 presentazione del motoraduno Distinguished Gentleman’s Ride; alle 19.20 consegna donazione e apericena per gli iscritti; alle 20.30 concerto del gruppo Anthera; alle 21 saluti, rombi e abbracci!

mi.mo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast