Sport

Basket C Silver: sogni e ambiziosi di Olimpia Castello, Virtus Medicina e Grifo Imola

Basket C Silver: sogni e ambiziosi di Olimpia Castello, Virtus Medicina e Grifo Imola

Con l’uscita ufficiale del girone si sta avvicinando a grandi passi anche la nuova stagione di C Silver (esordio il 7 ottobre) dove, oltre alla ripescata Olimpia Castel San Pietro, sarà presente anche la Virtus Medicina e la Grifo Imola. Le altre saranno Novellara, San Giovanni in Persiceto, Molinella, Forlimpopoli, Castelfranco Emilia, Casalecchio, Borgo Panigale, Granarolo, Reggio Emilia, Santarcangelo, Fortitudo, Castenaso e Zola Predosa.

Olimpia Castello. Dopo lo scotto della retrocessione e il jolly del ripescaggio, i castellani ripartono con un progetto ambizioso, come testimonia l’ingaggio dell’esperto tecnico Marco Regazzi, in uscita dopo 7 anni dalla Raggisolaris Faenza di serie B. «Castel San Pietro era una delle opzioni che avevo – ha confermato il coach imolese -, ma sia per la vicinanza da casa che per le sensazioni positive trasmesse dall’ambiente, ho deciso di accettare questa sfida personale in una piazza che in passato ha vissuto periodi bui. Io e il diesse Simone Corazza abbiamo avuto carta bianca sugli acquisti, pur dovendo rispettare un budget prefissato. Abbiamo centrato gli obiettivi che avevamo in mente e agli acquisti inaspettati di Benedetti e Sangiorgi, poi, si sono aggiunte alcune chicche come Trombetti e Mazza. La preparazione partirà il 22 agosto e dovremo essere bravi a trovare un sistema di gioco su misura per un gruppo così ambizioso».

Virtus Medicina. Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi ma poi ritornano. A dire il vero è passato solo un anno dal suo addio, ma Massimiliano Curti non ha mai dimenticato i colori gialloneri, decidendo così di tornare su quella panchina che è stata sua per cinque anni (dal 2012 al 2017). «E’ stato un corteggiamento lungo – ha ammesso Max -, iniziato durante la scorsa stagione. Ci ho messo un po’ a decidere, perché la mia idea era quella di smettere per sempre, ma non è stato poi così difficile tornare in una famiglia dove sono stato bene e dove è perfetto allenare. L’ultimo campionato è stato particolare, visto che in pochi punti o si era nei play-off o nei play-out. Alla fine la salvezza è arrivata, ma si era concluso un ciclo e per questo motivo abbiamo rivoluzionato il roster. L’obiettivo, comunque, sarà quello di provare a vincere questa C Silver, anche se la concorrenza sarà spietata». 

Grifo Imola. La vittoria nel derby play-out contro l’Olimpia Castello nel finale della scorsa stagione era stato l’epilogo più dolce dopo un’annata vissuta sulle montagne russe e costellata da momenti negativi e infortuni importanti. Dopo lo scampato pericolo è arrivata la riconferma di coach Palumbi che, per il terzo anno consecutivo, siederà così sulla panchina imolese. «E’ stato semplice trovare un accordo – ha confermato il tecnico -, perché tra me e la società c’è un rapporto di piena fiducia, rimasto intatto anche nelle sconfitte. Ogni anno, però, bisogna mettersi in discussione, anche se nello sport le cose cambiano molto velocemente. L’obiettivo è quello di consolidarci in questa categoria e raggiungere la salvezza, magari senza soffrire come l’anno scorso. Più di così, comunque, non possiamo fare con i nostri mezzi e dovremo cercare di crescere per riuscire ad ottenere il miglior risultato possibile».

d.b.

L”articolo completo su «sabato sera» del 2 agosto.

Nella foto: Marco Regazzi, allenatore dell”Olimpia Castello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast