Motosapiens

Sono dunque faccio: motociclisti in prima linea per la sicurezza delle strade

Sono dunque faccio: motociclisti in prima linea per la sicurezza delle strade

Oggigiorno non basta più asserire che cogito ergo sum, penso dunque sono. Con il crescere del numero di abitanti della Terra si moltiplicano anche i problemi da dover affrontare… Dal troppo inquinamento alla crescente usura e alla mancata manutenzione delle strade dove gli utenti circolano ogni giorno. Una problematica da non sottovalutare soprattutto se si viaggia sulle due ruote, perché per una moto una buca può rappresentare un pericolosissima ostacolo, una causa di incidenti finanche mortali.

Penso dunque sono, sono dunque faccio. Non si tratta di una nuova filosofia bensì di un pizzico di sano spirito civico che può migliorare non solo la propria giornata ma perfino la vita di qualcuno. Dove non arrivano, per colpa o purtroppo, le amministrazioni pubbliche è bene che il cittadino che si accorge di un possibile pericolo su strada lo segnali debitamente ed adeguatamente alle forze dell’ordine.

La lista delle segnalazioni che è bene fare per la sicurezza degli utenti a due ruote (ma non solo) è lunga:

  • buca
  • presenza di terra o altro materiale sdrucciolevole
  • tombino troppo infossato o rialzato
  • macchia di carburante o olio sull’asfalto
  • cordoli non visibili o non segnalati
  • bocciardatura non segnalata da appositi cartelli di lavori in corso
  • dossi non segnalati o non a norma

Alcune associazioni e realtà motociclistiche hanno aderito ad un progetto comune per la diffusione dello spirito civico e del materiale utile per le segnalazioni di pericoli sul manto stradale. Si tratta di un semplice modulo (in foto) da compilare e consegnare ad un comando di forze dell’ordine, vigili, carabinieri, polizia municipale.. Fra e associazioni che si occupano quotidianamente della divulgazione di buone pratiche per la sicurezza dei motociclisti, come l’Associazione Motociclisti Incolumi, c’è anche Motorlab-Idee in movimento, asd bolognese già protagonista del progetto Adotta un DR46 per la messa in sicurezza delle curve pericolose mediante l’applicazione di Guard Rail salva-motociclisti.

 

Sei, dunque fai.

mi.mo

1 Comment

  • L’assunto filosofico è più che condivisibile, e l’iniziativa più che nobile!
    Trovo però il modulo cartaceo un po’ arcaico. Sarebbe meglio puntare su mezzi tecnologici (app, web) più comodi (non ho bisogno di cercare il comando di Polizia più vicino), veloci (la segnalazione può arrivare direttamente ed istantaneamente all’ufficio competente più vicino) ed efficaci (la possibilità di allegare documentazione come ad esempio foto georeferenziate).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast