A Castel del Rio si accendono le Feste rinascimentali, con il rogo della strega

CASTEL DEL RIO
Da diciassette anni Michela Sartori ogni estate viene ingiustamente accusata di essere una strega, condannata al rogo e bruciata. Inevitabile per la giovane regista e attrice che interpreta la strega delle Feste rinascimentali di Castel del Rio che quest’anno si svolgeranno da oggi sabato 15 fino a domenica 16 luglio.

In pratica vengono ricostruiti l’epoca e i fasti del 1500, durante la signoria Alidosi, con duelli, danze, spettacoli, giochi, animazioni e ricostruzioni storiche. In entrambe le giornate nel retro di palazzo Alidosi si terrà inoltre la Sagra della gnoccata, con piatti tipici dell’Appennino tosco-emiliano.

Poi c’è la rievocazione della cattura, processo e condanna di una donna accusata di stregoneria, uno spettacolo che emoziona i visitatori, previsto per le 22.30 di domenica. “Si tratta di un episodio ispirato ad una storia vera trovata da Brunello Morara negli Archivi storici di Imola – racconta Sartori -. Lucrezia Manfredo Geminiani da Valmaggiore, al tempo degli Alidosi, cercava di aiutare gli altri con le erbe, ma fu invece accusata di stregoneria…”.

L’intervista completa alla strega delle Feste rinascimentali di Castel del Rio è su “sabato sera” del 13 luglio.

Il programma della manifestazione, invece, è su “AppU”, l’app di “sabato sera” con tutti gli appuntamenti del Circondario.

Nella foto: la “strega” Michela Sartori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *