Arcella, parrocchia compra terreno

IMOLA
Ufficialmente si chiama giardino Cardinal Staffa, ma tutti lo conoscono come il parco dell’Arcella, dal nome della chiesina che si trova all’angolo tra via San Francesco e via Tribbioli costruita nel 1978. Ora qualcosa cambierà perché in quell’area verde sorgerà una nuova struttura religiosa in un’area di 1.200 metri quadri recentemente acquistata dalla parrocchia di Croce Coperta (che, oltre all’omonima chiesa e a quella dell’Arcella, comprende anche il convento dei frati Cappuccini), nello specifico dallo storico parroco don Guido Gambetti, prima di mancare nel giugno di quest’anno. La chiesa vecchia nasceva come struttura temporanea e oggi non è più conforme alle normative vigenti. “La parrocchia ha deciso di acquistare dal Comune, che è proprietario dell’area verde, uno spazio di 1.200 metri quadri, circa un quinto dell’intero giardino, per costruire una nuova chiesa e poi abbattere a sue spese quella vecchia – ha spiegato l’assessore alla Pianificazione territoriale e urbanistica, Davide Tronconi -. Abbiamo venduto il terreno per 60 mila euro. E’ un’operazione che ci convince perché quella struttura religiosa è un punto di ritrovo importante per il quartiere. La parrocchia ha comprato un quadrato che, sempre affacciandosi su via San Francesco, confina con l’adiacente nido Fontanelle. Durante l’assemblea pubblica organizzata dal forum Cappuccini, alla quale hanno partecipato anche Tronconi e il dirigente del settore Urbanistica, Fulvio Bartoli, è però emersa la possibilità di trovare una nuova collocazione per la chiesa. “Alcuni cittadini – conferma l’assessore – hanno detto che nella posizione individuata ci sono alberi e panchine, piace agli anziani d’estate perché è fresca. Sia noi che don Andrea Querzè (attuale parroco di Croce Coperta, ndr) ci siamo resi disponibili a parlarne assieme. Ricostruire nell’area dove c’è già l’attuale struttura, non sarebbe un problema”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *