Articoli dell'autore: Redazione Sabato Sera

Pillole 5 gennaio 2017

Lo sciopero delle donne alla Cogne

Lo sciopero delle donne alla Cogne

Lo sciopero delle donne alla Cogne

IMOLA
Una rara immagine di donne in sciopero. Sono le lavoratrici della Cogne che, nel 1947, sfilarono in centro a Imola per chiedere maggior impegno per l’occupazione e per la produzione.

Lo sciopero delle donne alla Cogne
Foto 4 gennaio 2017

Medicina a Capodanno ha bruciato… la violenza contro le donne

MEDICINA
Capodanno particolare a Medicina. Come da tradizione è culminato con il rogo del vecchione, cioè di ciò che si vuole lasciare alle spalle per guardare al futuro con speranza. E quest’anno è toccato alla violenza contro le donne: “Il 2016 è stato anno bisestile e sempre per tradizione il vecchione è rappresentato dalla donna – spiega Amerigo Setti presidente della Pro Loco di Medicina – quest’anno, in accordo con l’Associazione “Per le Donne” e grazie al lavoro dei volontari Riccardo Benelli e Marisa Galli, è stata raffigurata una donna purtroppo vittima di violenza. Lasciare questa immagine all’anno vecchio vuole essere di buon auspicio affinché l’anno a venire non porti più violenza sulle donne”.

Ai piedi della “vecchia” è stato posto lo striscione fatto dagli studenti del liceo Giordano Bruno e dell’istituto Canedi in occasione della fiaccolata dell’8 marzo scorso contro la violenza sulle Donne.

Medicina a Capodanno ha bruciato… la violenza contro le donne
Foto 3 gennaio 2017

Capodanno con fuochi e applausi a Imola e Castel San Pietro

IMOLA-CASTEL SAN PIETRO
L’arrivo del 2017 è stato festeggiato con i fuochi d’artificio a Imola e a Castel San Pietro.

La Rocca di Imola è stata lo scenario di un vero e proprio spettacolo pirotecnico-musicale al quale hanno assistito davvero migliaia di persone culminato con un lungo e spontaneo applauso finale. Con i fuochi che nel gran finale illuminavano a giorno il cielo stellato e la rocca, sulle emozionanti note di Ennio Morricone dal film “Il buono, il brutto e il cattivo”. Il tema scelta era Caterina, signora di Imola, indomita guerriera e carismatica personalità che legò in maniera indelebile il proprio nome a queste terre. Dopo i fuochi la festa è continuata al mercato ortofrutticolo con la musica di Natale Zero Pare.

A Castel San Pietro protagonisti i comici Zelig, Henry Zaffa, Duo Torri, Fra’ Gaudenzio e Osvaldo Fresia, che al termine dello spettacolo al Cassero si sono recati nella piazza di fianco al teatro, e tra vin brulè e panettoni hanno continuato a divertire il pubblico con le loro battute. A mezzanotte hanno preso il via i fuochi d’artificio dalla torre del Cassero caratterizzati dalla suggestiva cascata di luce. La mattina dell’1 gennaio la città si è poi svegliata con i tradizionali auguri del Corpo bandistico che ha suonato lungo le strade della città e in piazza XX Settembre, dove i cittadini hanno brindato al nuovo anno con il saluto dell’Amministrazione Comunale.

Foto di Isolapress

Capodanno con fuochi e applausi a Imola e Castel San Pietro

SPECIALE GOCCE DI MUSICA 2018

Cerca

PROMO

Seguici su Facebook

PROMO

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast