Aviaria, indennizzi per gli allevamenti

IMOLA – MORDANO – REGIONE
Al via il pagamento degli indennizzi agli allevatori che a causa dell’epidemia di influenza aviaria hanno avuto animali abbattuti, così come uova e mangimi distrutti. I primi mandati di pagamento sono già partiti. Complessivamente si tratta di oltre 9 milioni di euro e i risarcimenti interessano sia le aziende in cui sono stati riscontrati focolai del virus, sia quelle in cui gli abbattimenti sono stati realizzato solo a scopo precauzionale, per arginare il contagio. Le aziende interessate sono 19 e sono tutte concentrate tra Ravenna, Ferrara e Bologna. Particolarmente colpita l’area del circondario imolese con ben 10 allevamenti, cui andranno risorse per oltre 6 milioni di euro. Sei invece le aziende del ravennate che riceveranno complessivamente 841 mila euro, mentre ai tre allevamenti del ferrarese andranno 2 milioni e 400 mila euro.
E’ la Regione che in base alla normativa che regola tale tipo di risarcimenti, liquida agli allevatori, con risorse stanziate da Stato e Unione europea. Il calcolo dei danni diretti viene fatto sulla base dei listini ufficiali indicati dalle disposizioni in materia. Diverso e più complesso l’iter per il riconoscimento dei danni indiretti, legati alla mancata movimentazione e dunque commercializzazione degli animali e delle uova. La stima emersa in seguito alla consultazione delle associazioni di categoria si aggira intorno ai 15 milioni di euro. Tali dati devono essere valutati dal ministero delle Politiche agricole e poi inviati a Bruxelles, cui spetta l’ultima parola. In occasione della precedente epidemia di aviaria che ha colpito l’Emilia Romagna nel 2006 anche tale tipo di danno ottenne un riconoscimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *