Bva cerca ingegneri per un progetto top-secret

OZZANO EMILIA
Tra le diciassette imprese ammesse ad un bando di finanziamento regionale destinato a chi nel prossimo triennio effettuerà investimenti e assumerà personale, c’è l’ozzanese Bva. Fondata negli anni ’70 a Bologna, Bva è specializzata nella costruzione di stampi per componenti in materiale plastico destinati alle industrie produttrici di beni di largo consumo, cosmetiche, medicali e automotive. Tra i prodotti che escono dagli stampi Bva ci sono, ad esempio, i tappi dei detersivi per i piatti Svelto, i tappi degli shampoo Manetti & Roberts, le «gabbie» dei deodoranti Wc net, ma anche coperchi per le vaschette di yogurt e margarina o raccordi in Pvc per acqua e gas.

Nel 2010 l’azienda è stata acquisita da un gruppo di imprenditori che, nel giro di pochi anni, ha risollevato una realtà in ginocchio a causa della crisi del settore conseguente anche allo spostamento delle produzioni in Cina. La nuova proprietà è riuscita nell’arco di pochi anni a far lievitare il fatturato e a raddoppiare i posti di lavoro. Alla storica attività di costruzione stampi, nel 2012 è stata aggiunta l’attività di stampaggio a iniezione di materie plastiche, mentre due anni fa, per accompagnare la costante crescita, l’azienda si è trasferita nella zona industriale Quaderna, in un nuovo stabilimento produttivo da 8.500 metri quadri in via Lombardia. I fattori alla base di questo sviluppo sono molteplici.

In serbo, però, c’è dell’altro ed è qui che si inserisce la decisione di partecipare al bando regionale, nella categoria relativa ai programmi di investimento ad elevato contenuto tecnologico che possano dare occupazione a più di 50 addetti, dei quali almeno il 40% laureati. Il progetto presentato alla Regione riguarda un processo di plastificazione ancora top-secret sul quale l’azienda punta molto, tanto che prevede un ampliamento dell’attività e ipotizza l’assunzione di ulteriori 58 addetti soprattutto ingegneri meccanici junior, con conoscenza dei materiali termoplastici, e non solo.

Altri particolari sul “sabato sera” in edicola dal 4 agosto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *