Castel Guelfo

Sport 18 giugno 2018

«Miglio del tiglio», a Castel Guelfo vittoria e record per Luis Matteo Ricciardi

Sabato scorso è andato in scena a Castel Guelfo «Il miglio del tiglio», gara per la prima volta in notturna sempre sulla distanza di 1609,34 metri, organizzata da Radioimmaginaria con la collaborazione tra le altre del Guelfo Basket e patrocinata dal Comune di Castel Guelfo.

La vittoria è andata a Luis Matteo Ricciardi (Acquadela Bologna) che con il tempo di 4”27”” ha centrato anche il record della manifestazione che apparteneva ad Abdelhamid Ez Zahidy assente però per motivi di studio. Tra le donne, invece, successo per Lara Gualtieri (Atletica 85 Faenza) con il tempo di 5”16””, a soli tre secondi dal record rosa della manifestazione.

Nel «Piccolo miglio», corsa riservata ai giovanissimi dai 10 ai 15 anni sulla medesima distanza e percorso degli adulti, primo posto per Samuele Masotti (Acquadela Bologna) in 5”20””. Infine oltre duecento partecipanti hanno preso parte alla maratona senza cronometro “Contro il bullismo” di sette chilometri e cinquecento metri.

r.s.

Nella foto: il vincitore Luis Matteo Ricciardi

«Miglio del tiglio», a Castel Guelfo vittoria e record per Luis Matteo Ricciardi
Cronaca 18 giugno 2018

A Castel Guelfo l’antizanzare nebulizzato protegge bar, bocce e parco giochi

Alzi la mano chi non è mai stato infastidito dal ronzio di una zanzara o, peggio ancora, dal prurito dopo essere stato punto. A Castel Guelfo la caffetteria Settecento e il circolo Arci, in collaborazione con la ditta Edera ambiente, hanno cercato una soluzione alternativa per i clienti del bar e i giocatori dei vicini campi da bocce e nei giorni scorsi hanno posizionato un sistema automatico antizanzare (Freezanz) che utilizza una miscela di oli essenziali naturali antizanzara.

In pratica, il liquido corre lungo un tubicino quasi invisibile e, tramite 29 ugelli, viene nebulizzato negli orari ritenuti più critici. «Non uccide le zanzare, bensì è un “disabituante”, ossia serve per farle allontare perché emana un odore sgradevole per questi insetti, ma non per l’uomo» spiega Danilo Brintazzoli di Edera ambiente, che ha installato l’impianto.

«L’idea è venuta a Luca Righini della caffetteria Settecento e come Arci abbiamo deciso di collaborare – spiega il presidente di Arci Castel Guelfo, Ruggero Morini -. In pratica, l’impianto è stato installato sia a protezione dell’area esterna del bar, sia lungo il perimetro della recinzione dei due campi da bocce a due metri d’altezza. In questo modo, riesce a proteggere anche il vicino parco giochi dove spesso ci sono anche famiglie e bambini».

Impianti di questo genere stanno prendendo piede soprattutto negli ultimi anni. «Vengono installati ad esempio in ristoranti e campeggi, ma anche in giardini privati – dice Brintazzoli -. L’impianto può essere portatile, e si parte da un costo di 400 euro, mentre per macchinari fissi dai 1.500 euro in su». (gi.gi.) 

Nella foto un particolare del tubo e uno degli ugelli che nebulizzano il prodotto antizanzare

A Castel Guelfo l’antizanzare nebulizzato protegge bar, bocce e parco giochi
Sport 15 giugno 2018

«Il miglio del tiglio» in notturna, a Castel Guelfo anche una corsa anti-bullismo

Sono 1.609 metri di corsa lungo il viale che porta a Castel Guelfo per la nona edizione de «Il miglio del tiglio», in programma domani e organizzata da Radioimmaginaria con la collaborazione di Run Tune Up, Asd Ghinelli, Passo Capponi, Polisportiva Gito, Guelfo Basket, Sapori di casa Max, il patrocinio del Comune di Castel Guelfo e Città Metropolitana di Bologna.

Rispetto alle edizioni precedenti questa volta la gara sarà in notturna, con partenza alle ore 20 dal primo tiglio del lungo viale che accompagnerà i partecipanti all’interno del castello. Prevista la partecipazione di atleti impegnati a conquistare la vittoria e migliorare la prestazione sul percorso ottenuta nella precedente edizione da Hamid Ez-Zahidy, portacolori dell’Atletica Blizzard, con il tempo di 4’28”18 e da Isabella Morlini, Atletica Reggio, nella prova femminile del 2016, in 5’13”.

La gara principale sarà preceduta alle 17.30 dalla maratona «Contro il bullismo» di 7,5 km e alle 19.30 dal «Piccolo miglio», sulla medesima distanza di 1.609 metri, riservata ai giovanissimi dai 10 ai 15 anni. 

r.s.

Nella foto: «Il miglio del tiglio»

«Il miglio del tiglio» in notturna, a Castel Guelfo anche una corsa anti-bullismo
Cronaca 4 giugno 2018

Un mercato contadino nasce in zona Montecanale a Castel Guelfo

Inaugurerà alle ore 15.30 di domani il mercato contadino Montecanale promosso dall’Amministrazione comunale di Castel Guelfo in collaborazione con Cia, Coldiretti, Confagricoltura e Ugc-Cisl. Come si evince dal nome, l’area individuata è a Poggio Piccolo, più precisamente in zona Montecanale, nel parcheggio a lato di via San Carlo, dove c’è ad esempio la pasticceria. «Ho sempre avuto l’idea di creare un mercato del genere, l’idea è piaciuta in Giunta e di recente abbiamo approvato il regolamento» motiva il vicesindaco Claudio Franceschi. A onor del vero, un mercato analogo era partito la scorsa estate in via della Concia, davanti alla sede della Cia, «ma restava più nascosto e non aveva avuto molto successo – dice Franceschi -. Ora abbiamo coinvolto tutte le associazioni di categoria e l’abbiamo spostato nel parcheggio in zona Montecanale».

Comunque sia, il nuovo mercato, che si svolgerà sempre al martedì pomeriggio, si estenderà su un’area di 240 metri quadri e sarà composto al massimo da otto bancarelle da 30 metri quadri ciascuna. Come periodo di svolgimento è stato individuato quello da marzo a novembre, ma con orari differenziati nel corso dell’anno. Nei mesi di ottobre, novembre e marzo sarà in vigore l’orario invernale dalle 15 alle 18, mentre da aprile a settembre sarà aperto dalle 16 alle 19. «Pensiamo sia una buona posizione per intercettare i lavoratori della zona industriale e quelli che percorrono la via San Carlo – aggiunge Franceschi -. Abbiamo completato il bando per assegnare i posteggi e per ora partiremo con otto produttori, dei quali due di Castel Guelfo e gli altri sei del circondario imolese».

Ma cosa sarà possibile acquistare? Nella delibera approvata in Consiglio comunale è indicato un lungo elenco in cui compaiono prodotti agricoli vegetali e animali non trasformati oppure trasformati destinati all’alimentazione umana (frutta, verdura, farine, succhi, pasta, cereali, latte, yogurt, formaggi, uova, salumi, sottolio, confetture, miele, olio, aceto, passate, dolci, funghi, tartufi, castagne, vini, liquori, piante, fiori, carni fresche o confezionate sottovuoto, prodotti della pesca, ecc…), ma anche erbe officinali, prodotti derivati da attività di artigianato connesse all’agricoltura e relativi alla cura della persona. Al mercato contadino Montecanale sarà possibile anche organizzare degustazioni dei prodotti e fare attività didattiche, dimostrative e di promozione.

gi.gi.

L”articolo completo su «sabato sera» del 31 maggio.

Nella foto (di Massimo Golfieri): il mercato ortofrutticolo di Imola

Un mercato contadino nasce in zona Montecanale a Castel Guelfo
Cronaca 30 maggio 2018

Bibliotecario per un giorno, a Castel Guelfo bella iniziativa rivolta ai più piccoli

Se hai dagli 8 ai 13 anni a Castel Guelfo puoi avere la possibilità, per un giorno, di vestire i panni del bibliotecario. Il tuo compito, ad esempio, sarà quello di consigliare così libri o film che ti sono piaciuti, riordinare scaffali e registrare i prestiti.

L”iniziativa è in programma tutti i lunedì e venerdì mattina dalle 9:30 alle 12:30 dall” 11 giugno al 21 luglio e occorre la prenotazione.

Per informazioni: Biblioteca di Castel Guelfo Via Gramsci 22 tel: 0542/53460 biblioteca@comune.castelguelfo.bo.it

r.c.

Nella foto: Castel Guelfo

Bibliotecario per un giorno, a Castel Guelfo bella iniziativa rivolta ai più piccoli
Cronaca 29 maggio 2018

Spogliatoi di via Volta a Castel Guelfo, grezzo da finire entro il 2019

Lo scheletro degli spogliatoi di via Volta è così da anni. Si tratta del primo stralcio dei nuovi campi sportivi, un intervento da 760 mila euro che il Comune inserì nella convenzione stipulata con Scr Costruzioni Generali e Immobiliare Ecologia in cambio del via libera al piano particolareggiato dell’area artigianale di via dell’Agricoltura a Poggio Piccolo.

Dopo la posa dei pilastri portanti e dei muri esterni, però, la crisi economica ha investito le due ditte e il cantiere è fermo dal 2014. Così il Comune ha deciso di riscuotere le fideiussioni, ossia 238 mila euro a metà tra le due imprese. Finora è riuscito a incassare 118 mila euro che si riferiscono ai lavori in capo a Immobiliare Ecologia. Per quanto riguarda Scr Costruzioni Generali la questione è complessa. «La finanziaria con cui aveva stipulato la fideiussione (Airone Spa) risulta fallita – dice il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Claudio Franceschi -. Ci siamo rivolti all’ente nazionale che fa fronte in caso di fallimento delle finanziarie che stipulano le fideiussioni. Purtroppo sono procedure lente».

In attesa di capire se e quando arriveranno questi soldi, il Comune ha inserito nel piano triennale dei lavori i 118 mila euro che ha già in cascina più altri 70 mila di risorse proprie «per finire il tetto, tamponare e intonacare i muri, verniciare e mettere gli infissi in modo da completare il grezzo – dice Franceschi -. Vogliamo ultimare i lavori entro la primavera 2019». Di realizzare i nuovi campi sportivi, un’opera faraonica di questi tempi, non si parla più da un pezzo. In alternativa, l’immobile potrebbe servire «come magazzino o sede di associazioni» abbozza Franceschi.

gi.gi.

Nella foto: gli spogliatoi di via Volta

Spogliatoi di via Volta a Castel Guelfo, grezzo da finire entro il 2019
Cronaca 29 maggio 2018

Una nuova pista di atletica per gli studenti delle scuole di via Basoli a Castel Guelfo

Buona notizia per gli studenti che frequentano la scuola elementare e la media Papa Giovanni Paolo II di via Basoli a Castel Guelfo. Il Comune, infatti, ha deciso di realizzare una pista di atletica che potranno utilizzare gli alunni per allenarsi. «La scuola ce la chiede da tempo – motiva il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Claudio Franceschi -. Finora, infatti, per allenarsi in vista dei giochi della gioventù, utilizzavano gli impianti sportivi di Imola».

La pista verrà costruita adiacente alla recinzione della scuola, dove oggi c’è un’area verde. «Sarà lunga 100 metri e avrà sei corsie realizzate con un manto sintetico, più la buca per il salto in lungo con la sabbia – dettaglia Franceschi -. Lo studio tecnico Massari, che ha curato la progettazione, ha realizzato e ci ha donato anche un plastico che mostra come sarà».

Complessivamente, tra progettazione e lavori veri e propri, l’intervento avrà un costo di 95 mila euro che sarà coperto con risorse proprie dell’ente locale che derivano dall’avanzo di bilancio. «Come Amministrazione pensiamo sia giusto investire nello sport perché è un’attività che va incentivata anche per contrastare la tendenza all’obesità e la sedentarietà». Fatta la progettazione, ora dovrà essere pubblicato il bando per affidare i lavori e poi si potrà partire con l’intervento. «L’obiettivo è ultimare tutto al più tardi entro la primavera del 2019, prima della fine del nostro mandato» conclude Franceschi.

gi.gi.

Nella foto: il vicesindaco Claudio Franceschi mostra il plastico della pista di atletica

Una nuova pista di atletica per gli studenti delle scuole di via Basoli a Castel Guelfo
Sport 8 maggio 2018

Aspettando la Superbike… al Castel Guelfo The Style Outlets giochi, premi e una mini-pista per bambini

Mancano pochi giorni al Campionato Mondiale di Superbike che sbarcherà a Imola dall”11 al 13 maggio. Nell”attesa al Castel Guelfo The Style Outlets da oggi fino a giovedì 10 è in arrivo il WorldSBK Warm Up Tour, iniziativa che avvicinerà i fan al mondo delle due ruote a alla corsa che infiammerà l”autodromo Enzo e Dino Ferrari.

In pratica un truck (camion) sarà allestito all”ingresso centrale e sarà il fulcro di tante attività dedicate alle famiglie e ai bambini come schermi giganti, giochi per tutte le età e una mini-pista per far provare ai più piccoli le emozioni della gara. L”evento permetterà inoltre ai partecipanti di vincere premi, biglietti e gadget della Superbike proprio alla vigilia del weekend motoristico imolese.

r.s.

Nella foto: la tappa spagnola del WorldSBK Warm Up Tour 

Aspettando la Superbike… al Castel Guelfo The Style Outlets giochi, premi e una mini-pista per bambini
Cronaca 7 maggio 2018

Nuova raccolta dei rifiuti a Castel Guelfo, gli informatori ambientali spiegano casa per casa

E” partita la campagna di comunicazione casa per casa per informare i cittadini sulle nuove modalità per effettuare la raccolta differenziata a Castel Guelfo. Gli informatori ambientali, che nelle prossime quattro settimane busseranno alle porte, sono cinque. Il loro compito sarà quello di spiegare le nuove modalità di raccolta, distribuire l’opuscolo informativo e il kit necessario, ossia due tessere elettroniche per aprire i cassonetti (cosiddetta carta smeraldo), la pattumiera per l’organico con una scorta di sacchi compostabili e un rotolo di sacchetti da 30 litri per l’indifferenziato, della dimensione giusta per l’imboccatura degli appositi contenitori.

Come riconoscere gli informatori? Ciascuno indosserà una pettorina gialla con la dicitura «assistente smeraldo» e un cartellino di riconoscimento fornito da Hera. In nessun caso possono accettare denaro e la consegna dei materiali può essere effettuata sulla soglia di casa, senza necessità di entrare all’interno. Se ci sono dubbi, è comunque possibile chiamare e chiedere conferma al servizio clienti gratuito Hera (800999500), attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 22 e il sabato dalle ore 8 alle 18, che dispone dell’elenco completo dei nominativi, a disposizione anche delle forze dell’ordine.

Le immagini degli informatori ambientali sono anche sul sito di Hera (www.gruppohera.it, sezione clienti, nella pagina dedicata ai servizi ambientali di Castel Guelfo). Dopo alcuni passaggi senza trovare nessuno in casa, gli informatori lasceranno un avviso con le indicazioni per ritirare direttamente il materiale.A questo proposito, verrà organizzato uno sportello temporaneo per il ritiro diretto dei materiali da parte delle utenze non trovate in casa e, a partire dal 9 giugno, sarà attivo uno sportello permanente a Castel Guelfo a cui rivolgersi per le tessere in caso di smarrimento, furto, mancato funzionamento, nuova attivazione, cessazione.La distribuzione interesserà complessivamente circa 2.370 utenze, di cui circa un sesto sono attività produttive.

I nuovi contenitori saranno posizionati a partire da giugno e per le prime settimane, fino al 30 luglio compreso, rimarranno comunque aperti per favorire un passaggio graduale al nuovo servizio. Dal giorno seguente, invece, sarà necessario utilizzare le tessere nominative per aprirli.Il sistema sarà molto simile a quello appena introdotto a Castel San Pietro e a Dozza e che, a breve, interesserà anche Mordano. In pratica, gli attuali contenitori saranno sostituiti da cassonetti per l’indifferenziato con calotta, cassonetti per plastica e lattine, carta e cartone, sfalci e potature, organico e, infine, una campana per il vetro. Ad esclusione di quest’ultima, si apriranno solo con la tessera nominativa. La nuova raccolta toccherà tutto il territorio di Castel Guelfo, frazioni e campagne comprese. Per le attività produttive che hanno grandi quantitativi di rifiuti sarà comunque possibile richiedere ulteriori contenitori in base al fabbisogno. (gi.gi.) 

Nelle foto gli informatori ambientali di Hera

Nuova raccolta dei rifiuti a Castel Guelfo, gli informatori ambientali spiegano casa per casa
Cronaca 2 maggio 2018

Sacchetti fuori dai cassonetti, a Castel Guelfo controlli e sanzioni delle Cgam

A Castel Guelfo è aumentato il fenomeno degli abbandoni dei rifiuti fuori dai cassonetti. «Abbiamo avuto un incremento di sacchetti lasciati all’esterno dall’estate del 2017, quando i nuovi contenitori della raccolta differenziata sono stati posizionati anche a Sesto Imolese e a Sasso Morelli perché persone residenti in quella zona utilizzavano i nostri ancora aperti – dice Federico Cenni del Corpo Guardie ambientali metropolitane (Cgam), che effettuano i controlli in convenzione con il Comune -. Le situazioni più critiche sono a Casa Bettola, ossia via di Dozza e dintorni e in via Fantuzza. In quest’ultima, per un periodo abbiamo anche posizionato una telecamera, che è servita più che altro come deterrente».

Individuare i responsabili, però, non è semplice. «E’ successo in due o tre casi e solo uno era di Castel Guelfo – prosegue Cenni -. La sanzione è stata di 60 euro. Ora speriamo che con l’introduzione dei nuovi cassonetti dal mese di giugno la situazione migliori». Le postazioni caleranno da 51 a 31, i contenitori saliranno da 127 a 186. Il Comune per il nuovo sistema di raccolta pagherà «12.779 euro all’anno per i primi cinque anni per l’investimento iniziale più 11.764 euro all’anno in più come costo di gestione del servizio» dettaglia il sindaco, Cristina Carpeggiani. L’ente locale, a differenza di Dozza, non sembra intenzionato a introdurre da subito la tariffa puntuale, con la quale si paga (anche, ma non solo) in base all’indifferenziato conferito. «Servono 6-8 mesi di verifica prima di decidere quale tariffa applicare, deciderà l’Amministrazione che verrà dopo di noi nel 2019» conclude Carpeggiani.

gi.gi.

Nella foto: la situazione a Casa Bettola in via di Dozza e dintorni

Sacchetti fuori dai cassonetti, a Castel Guelfo controlli e sanzioni delle Cgam

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast