Castel Guelfo

Cronaca 29 maggio 2018

Spogliatoi di via Volta a Castel Guelfo, grezzo da finire entro il 2019

Lo scheletro degli spogliatoi di via Volta è così da anni. Si tratta del primo stralcio dei nuovi campi sportivi, un intervento da 760 mila euro che il Comune inserì nella convenzione stipulata con Scr Costruzioni Generali e Immobiliare Ecologia in cambio del via libera al piano particolareggiato dell’area artigianale di via dell’Agricoltura a Poggio Piccolo.

Dopo la posa dei pilastri portanti e dei muri esterni, però, la crisi economica ha investito le due ditte e il cantiere è fermo dal 2014. Così il Comune ha deciso di riscuotere le fideiussioni, ossia 238 mila euro a metà tra le due imprese. Finora è riuscito a incassare 118 mila euro che si riferiscono ai lavori in capo a Immobiliare Ecologia. Per quanto riguarda Scr Costruzioni Generali la questione è complessa. «La finanziaria con cui aveva stipulato la fideiussione (Airone Spa) risulta fallita – dice il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Claudio Franceschi -. Ci siamo rivolti all’ente nazionale che fa fronte in caso di fallimento delle finanziarie che stipulano le fideiussioni. Purtroppo sono procedure lente».

In attesa di capire se e quando arriveranno questi soldi, il Comune ha inserito nel piano triennale dei lavori i 118 mila euro che ha già in cascina più altri 70 mila di risorse proprie «per finire il tetto, tamponare e intonacare i muri, verniciare e mettere gli infissi in modo da completare il grezzo – dice Franceschi -. Vogliamo ultimare i lavori entro la primavera 2019». Di realizzare i nuovi campi sportivi, un’opera faraonica di questi tempi, non si parla più da un pezzo. In alternativa, l’immobile potrebbe servire «come magazzino o sede di associazioni» abbozza Franceschi.

gi.gi.

Nella foto: gli spogliatoi di via Volta

Spogliatoi di via Volta a Castel Guelfo, grezzo da finire entro il 2019
Cronaca 29 maggio 2018

Una nuova pista di atletica per gli studenti delle scuole di via Basoli a Castel Guelfo

Buona notizia per gli studenti che frequentano la scuola elementare e la media Papa Giovanni Paolo II di via Basoli a Castel Guelfo. Il Comune, infatti, ha deciso di realizzare una pista di atletica che potranno utilizzare gli alunni per allenarsi. «La scuola ce la chiede da tempo – motiva il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Claudio Franceschi -. Finora, infatti, per allenarsi in vista dei giochi della gioventù, utilizzavano gli impianti sportivi di Imola».

La pista verrà costruita adiacente alla recinzione della scuola, dove oggi c’è un’area verde. «Sarà lunga 100 metri e avrà sei corsie realizzate con un manto sintetico, più la buca per il salto in lungo con la sabbia – dettaglia Franceschi -. Lo studio tecnico Massari, che ha curato la progettazione, ha realizzato e ci ha donato anche un plastico che mostra come sarà».

Complessivamente, tra progettazione e lavori veri e propri, l’intervento avrà un costo di 95 mila euro che sarà coperto con risorse proprie dell’ente locale che derivano dall’avanzo di bilancio. «Come Amministrazione pensiamo sia giusto investire nello sport perché è un’attività che va incentivata anche per contrastare la tendenza all’obesità e la sedentarietà». Fatta la progettazione, ora dovrà essere pubblicato il bando per affidare i lavori e poi si potrà partire con l’intervento. «L’obiettivo è ultimare tutto al più tardi entro la primavera del 2019, prima della fine del nostro mandato» conclude Franceschi.

gi.gi.

Nella foto: il vicesindaco Claudio Franceschi mostra il plastico della pista di atletica

Una nuova pista di atletica per gli studenti delle scuole di via Basoli a Castel Guelfo
Sport 8 maggio 2018

Aspettando la Superbike… al Castel Guelfo The Style Outlets giochi, premi e una mini-pista per bambini

Mancano pochi giorni al Campionato Mondiale di Superbike che sbarcherà a Imola dall”11 al 13 maggio. Nell”attesa al Castel Guelfo The Style Outlets da oggi fino a giovedì 10 è in arrivo il WorldSBK Warm Up Tour, iniziativa che avvicinerà i fan al mondo delle due ruote a alla corsa che infiammerà l”autodromo Enzo e Dino Ferrari.

In pratica un truck (camion) sarà allestito all”ingresso centrale e sarà il fulcro di tante attività dedicate alle famiglie e ai bambini come schermi giganti, giochi per tutte le età e una mini-pista per far provare ai più piccoli le emozioni della gara. L”evento permetterà inoltre ai partecipanti di vincere premi, biglietti e gadget della Superbike proprio alla vigilia del weekend motoristico imolese.

r.s.

Nella foto: la tappa spagnola del WorldSBK Warm Up Tour 

Aspettando la Superbike… al Castel Guelfo The Style Outlets giochi, premi e una mini-pista per bambini
Cronaca 7 maggio 2018

Nuova raccolta dei rifiuti a Castel Guelfo, gli informatori ambientali spiegano casa per casa

E” partita la campagna di comunicazione casa per casa per informare i cittadini sulle nuove modalità per effettuare la raccolta differenziata a Castel Guelfo. Gli informatori ambientali, che nelle prossime quattro settimane busseranno alle porte, sono cinque. Il loro compito sarà quello di spiegare le nuove modalità di raccolta, distribuire l’opuscolo informativo e il kit necessario, ossia due tessere elettroniche per aprire i cassonetti (cosiddetta carta smeraldo), la pattumiera per l’organico con una scorta di sacchi compostabili e un rotolo di sacchetti da 30 litri per l’indifferenziato, della dimensione giusta per l’imboccatura degli appositi contenitori.

Come riconoscere gli informatori? Ciascuno indosserà una pettorina gialla con la dicitura «assistente smeraldo» e un cartellino di riconoscimento fornito da Hera. In nessun caso possono accettare denaro e la consegna dei materiali può essere effettuata sulla soglia di casa, senza necessità di entrare all’interno. Se ci sono dubbi, è comunque possibile chiamare e chiedere conferma al servizio clienti gratuito Hera (800999500), attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 22 e il sabato dalle ore 8 alle 18, che dispone dell’elenco completo dei nominativi, a disposizione anche delle forze dell’ordine.

Le immagini degli informatori ambientali sono anche sul sito di Hera (www.gruppohera.it, sezione clienti, nella pagina dedicata ai servizi ambientali di Castel Guelfo). Dopo alcuni passaggi senza trovare nessuno in casa, gli informatori lasceranno un avviso con le indicazioni per ritirare direttamente il materiale.A questo proposito, verrà organizzato uno sportello temporaneo per il ritiro diretto dei materiali da parte delle utenze non trovate in casa e, a partire dal 9 giugno, sarà attivo uno sportello permanente a Castel Guelfo a cui rivolgersi per le tessere in caso di smarrimento, furto, mancato funzionamento, nuova attivazione, cessazione.La distribuzione interesserà complessivamente circa 2.370 utenze, di cui circa un sesto sono attività produttive.

I nuovi contenitori saranno posizionati a partire da giugno e per le prime settimane, fino al 30 luglio compreso, rimarranno comunque aperti per favorire un passaggio graduale al nuovo servizio. Dal giorno seguente, invece, sarà necessario utilizzare le tessere nominative per aprirli.Il sistema sarà molto simile a quello appena introdotto a Castel San Pietro e a Dozza e che, a breve, interesserà anche Mordano. In pratica, gli attuali contenitori saranno sostituiti da cassonetti per l’indifferenziato con calotta, cassonetti per plastica e lattine, carta e cartone, sfalci e potature, organico e, infine, una campana per il vetro. Ad esclusione di quest’ultima, si apriranno solo con la tessera nominativa. La nuova raccolta toccherà tutto il territorio di Castel Guelfo, frazioni e campagne comprese. Per le attività produttive che hanno grandi quantitativi di rifiuti sarà comunque possibile richiedere ulteriori contenitori in base al fabbisogno. (gi.gi.) 

Nelle foto gli informatori ambientali di Hera

Nuova raccolta dei rifiuti a Castel Guelfo, gli informatori ambientali spiegano casa per casa
Cronaca 2 maggio 2018

Sacchetti fuori dai cassonetti, a Castel Guelfo controlli e sanzioni delle Cgam

A Castel Guelfo è aumentato il fenomeno degli abbandoni dei rifiuti fuori dai cassonetti. «Abbiamo avuto un incremento di sacchetti lasciati all’esterno dall’estate del 2017, quando i nuovi contenitori della raccolta differenziata sono stati posizionati anche a Sesto Imolese e a Sasso Morelli perché persone residenti in quella zona utilizzavano i nostri ancora aperti – dice Federico Cenni del Corpo Guardie ambientali metropolitane (Cgam), che effettuano i controlli in convenzione con il Comune -. Le situazioni più critiche sono a Casa Bettola, ossia via di Dozza e dintorni e in via Fantuzza. In quest’ultima, per un periodo abbiamo anche posizionato una telecamera, che è servita più che altro come deterrente».

Individuare i responsabili, però, non è semplice. «E’ successo in due o tre casi e solo uno era di Castel Guelfo – prosegue Cenni -. La sanzione è stata di 60 euro. Ora speriamo che con l’introduzione dei nuovi cassonetti dal mese di giugno la situazione migliori». Le postazioni caleranno da 51 a 31, i contenitori saliranno da 127 a 186. Il Comune per il nuovo sistema di raccolta pagherà «12.779 euro all’anno per i primi cinque anni per l’investimento iniziale più 11.764 euro all’anno in più come costo di gestione del servizio» dettaglia il sindaco, Cristina Carpeggiani. L’ente locale, a differenza di Dozza, non sembra intenzionato a introdurre da subito la tariffa puntuale, con la quale si paga (anche, ma non solo) in base all’indifferenziato conferito. «Servono 6-8 mesi di verifica prima di decidere quale tariffa applicare, deciderà l’Amministrazione che verrà dopo di noi nel 2019» conclude Carpeggiani.

gi.gi.

Nella foto: la situazione a Casa Bettola in via di Dozza e dintorni

Sacchetti fuori dai cassonetti, a Castel Guelfo controlli e sanzioni delle Cgam
Sport 29 aprile 2018

Basket C Gold, Castel Guelfo «saluta» con onore i play-off

Finisce al primo turno l”avventura play-off di Castel Guelfo che, dopo la beffa casalinga in gara-2, non ripete l”exploit del primo match in casa della Salus e perde 76-62 sul parquet bolognese.

Dopo un primo quarto equilibrato è nel secondo parziale che i padroni di casa prendono il largo e, complici le difficoltà offensive dei gialloblù, piazzano il break decisivo. Nel secondo tempo la squadra di coach Serio non demorde ma non riesce più a ricucire lo strappo e alla sirena il sogno della semifinale svanisce.

A pesare, soprattutto, le scarse percentuali dall”arco dei gialloblù (solo il 27%).

d.b.

Tabellino

Salus-Prosic 76-62 (19-16, 36-25, 59-45)

Salus: Amoni 11, Tugnoli 3, Stojkov 20, Polverelli 10, Percan 16, Veronesi 4, Arletti, Trentin 8, Savio 2, Gebbia, Branzaglia 2. All. Fili.

Castel Guelfo: Grillini 12, Musolesi 14, Pieri 4, Govi 5, Trombetti 11, Bernabini 4, Cacciari ne, Rebeggiani, Santini ne, Casagrande 10, Degli Esposti Castori, Baccarini 2. All. Serio.

Nella foto: i guelfesi Grillini e Baccarini

Basket C Gold, Castel Guelfo «saluta» con onore i play-off
Sport 26 aprile 2018

Basket C Gold, sirena play-off amara questa volta per Castel Guelfo. Decisiva gara-3

Chi di beffa ferisce….di beffa perisce. Se in gara-1 Castel Guelfo aveva vinto a pochi secondi dal termine con la tripla di Grillini, in gara-2 la Salus firma il successo per 77-75 al palaMarchetti sulla sirena grazie ai due punti di Amoni.

Bolognesi sempre avanti nel primo tempo con i guelfesi costretti a rincorrere già dal primo quarto. Grillini e Trombetti provano a rispondere agli scatenati Amoni e Percan, ma il distacco dei gialloblù si assesta attorno alla doppia cifra. E” nell”ultimo parziale che la squadra di Serio ricuce lo strappo e impatta sul 75-75 con i liberi di Casagrande e la tripla di Baccarini dopo un antisportivo fischiato agli ospiti. Lo stesso Baccarini, però, fallisce poi i liberi del sorpasso e il più esperto Amoni consegna ai suoi una vittoria che porta la serie sull”1-1.

Tutto si deciderà in gara-3 in programma domenica 29 (ore 18) in casa della Salus.

d.b.

Tabellino

Prosic-Salus 75-77 (17-24, 32-47, 51-64)

Castel Guelfo: Grillini 18, Musolesi 10, Pieri 3, Govi 4, Trombetti 15, Bernabini 8, Cacciari ne, Rebeggiani ne, Santini ne, Casagrande 9, Degli Esposti Castori, Baccarini 8. All. Serio.

Salus: Amoni 20, Tugnoli 11, Stojkov 13, Polverelli 6, Percan 16, Veronesi 3, Arletti ne, Trentin 8, Savio, Gebbia ne, Branzaglia ne. All. Fili.

Nella foto: coach Serio

Basket C Gold, sirena play-off amara questa volta per Castel Guelfo. Decisiva gara-3
Cronaca 26 aprile 2018

Rifiuti, il Comune di Castel Guelfo ricorre al Tar contro Atersir

Castel Guelfo ha deciso di far ricorso al Tar dell’Emilia Romagna contro la delibera 2018 del Consiglio d’ambito dell’Agenzia territoriale dell’Emilia Romagna per i servizi idrici e rifiuti (Atersir). In sostanza si tratta del documento che stabilisce i Pef (i Piani economici finanziari) sui quali viene poi calcolata la Tari di cittadini e imprese.

Il Comune di Castel Guelfo, in effetti, è tra quelli che ormai già da diversi anni ha sollevato il problema (anche incalzato dalle opposizioni) del disallineamento tra quanto indicato nei Pef e i rendiconti del gestore per il servizio di raccolta e smaltimento, ossia le fatture di Hera Spa. Complessivamente, per Castel Guelfo si parla di somme pagate in eccesso (sovracopertura) pari a «circa 580 mila euro, dei quali 250 mila nel 2013, 230 mila nel 2014 e 100 mila nel 2015 – dettaglia il sindaco, Cristina Carpeggiani -. Nel 2016, invece, non abbiamo sovracoperture, mentre per il 2017 non abbiamo ancora visto il conguaglio. Abbiamo deciso di impugnare il Pef perché non è congruo, non c’è traccia di alcune compensazione o restituzione di quanto pagato in eccesso da Castel Guelfo in precedenza e, cosa non secondaria, le voci che lo compongono non sono espresse in maniera chiara».

La logica parrebbe quella di una perequazione di Atersir per evitare bollette astronomiche alle zone montane o calmierare le spese di gestione, ma sui parametri utilizzati manca trasparenza. «Il direttore di Atersir Vito Belladonna ha detto chiaramente che le sovra e sotto coperture si compensano in un equilibrio d’ambito, ma se viene inserita una cifra per i comuni disagiati va detto chiaramente – continua Carpeggiani -. Il ricorso è un atto dovuto, a tutela dei nostri cittadini. Passati i cinque anni, se non interveniamo, potremmo essere passibili di danno erariale…».

Tutto ciò per il Comune, quindi per i cittadini ma soprattutto per le aziende (sulle quali a Castel Guelfo è spalmato dal 60 al 70% dei costi della Tari), si traduce nell’aver pagato qualcosa in più del dovuto rispetto ai reali costi di gestione del servizio. «In ogni caso, in questi anni non ci sono stati aumenti della Tari – precisa Carpeggiani -. Anzi, nel 2018 è previsto un calo dell’1,1% per le utenze domestiche e dello 0,69% per quelle non domestiche».

gi.gi.

Approfondimenti su «sabato sera» in edicola dal 25 aprile.

Nella foto: il sindaco di Castel Guelfo Cristina Carpeggiani

Rifiuti, il Comune di Castel Guelfo ricorre al Tar contro Atersir
Sport 22 aprile 2018

Basket C Gold, la tripla di Grillini sulla sirena regala a Castel Guelfo il successo in gara-1 play-off

Castel Guelfo ribalta ogni pronostico in gara-1 play-off ed espugna 67-66 il campo della Salus con un Trombetti da doppia doppia (15 punti e 12 rimbalzi).

Dopo un primo tempo fantastico e solo 4 punti concessi agli avversari nel secondo quarto, i ragazzi di coach Serio subiscono la rimonta dei padroni di casa che si materializza con il +1 di fine terzo periodo (48-47). Negli ultimi 10 minuti però regna l”equilibrio, i guelfesi vanno sotto di 5 a 12 secondi dalla sirena, ma Grillini con due «bombe», l”ultima allo scadere, regala ai suoi una vittoria memorabile.

Gara-2 è in calendario giovedì 26 (ore 21) al palaMarchetti. Vincere per i gialloblù vorrebbe dire raggiunge il traguardo delle semifinali e proseguire il sogno.

d.b.

Tabellino

Salus-Prosic 66-67 (12-12, 16-29, 48-47)

Salus: Tugnoli 5, Stojkov 14, Trentin 12, Polverelli 7, Percan 13, Amoni 15, Veronesi, Arletti ne, Savio, Gebbia ne, Branzaglia. All. Fili.

Castel Guelfo: Grillini 14, Musolesi 13, Pieri, Govi 6, Trombetti 15, Bernabini 3, Bernardi ne, Rebeggiani ne, Santini ne, Casagrande 9, Degli Esposti Castori, Baccarini 7. All. Serio.

Nella foto: Alessandro Trombetti

Basket C Gold, la tripla di Grillini sulla sirena regala a Castel Guelfo il successo in gara-1 play-off
Cultura e Spettacoli 19 aprile 2018

Lo psicoterapeuta Alberto Pellai parla di educazione e nativi digitali a Castel Guelfo

I bisogni educativi delle nuove generazioni sono cambiati e a volte non si sa come comportarsi. Le risposte ai dubbi su questo tema potranno venire dall”incontro Generazione 2.0 – Sfide educative per genitori di nativi digitali, condotto da Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta dell”età evolutiva.

Alle ore 18, sede Arci, via 2 Giugno 6/a a Castel Guelfo. Info: biblioteca@comune.castelguelfo.bo.it

r.c.

Nella foto: (tratta dalla pagina facebook personale): Alberto Pellai

Lo psicoterapeuta Alberto Pellai parla di educazione e nativi digitali a Castel Guelfo

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast