Castel San Pietro Terme

Cronaca 31 luglio 2018

Colpi con la tecnica dell’abbraccio, divulgata la foto della ladra, una vittima anche a Castel San Pietro

C’è anche un castellano di 76 anni tra le vittime della ventinovenne, domiciliata a Bologna ma residente in Romania, finita agli arresti domiciliari nei giorni scorsi per essersi resa responsabile di vari colpi avvenuti con la tecnica dell’abbraccio.

Tecnicamente si parla di furti con destrezza. Solitamente a metterla in atto sono delle ragazze che avvicinano alla vittima prescelta (di solito una persona anziana, uomo o donna) e, con la scusa di chiedere l’orario o delle indicazioni stradali, l”abbracciano per ringraziarla, sfilandole nel contempo orologio, anelli o collanine. Per chi la subisce si tratta non solo di un furto ma di uno sgradevole raggiro.

Per quanto riguarda il castellano, era stato derubato del suo orologio nei pressi della stazione ferroviaria lo scorso 25 giugno, ma ha riconosciuto la ladruncola soltanto pochi giorni fa quando i carabinieri di Casalecchio di Reno ne hanno divulgato la fotografia (ma non il nome) dopo averla arrestata mentre stava cercando di mettere a segno l’ennesimo colpo all’uscita di una chiesa.

Da quel momento, ai militari sono arrivate decine di telefonate di persone che sostenevano di averla riconosciuta come la donna che li aveva derubati con la tecnica dell’abbraccio. Finora, sono sette le denunce formalizzate, tra cui quella del castellano, ma per i carabinieri i casi potrebbero essere molti di più e invitano a mettersi in contatto con la stazione di Casalecchio di Reno (tel. 051/570199) per avere ulteriori dettagli.

Nella foto grande un”immagine d”archivio, l”altra è la ventenne arrestata

Colpi con la tecnica dell’abbraccio, divulgata la foto della ladra, una vittima anche a Castel San Pietro
Sport 26 luglio 2018

Futsal, il Bar Aurora si è aggiudicato la 28ª edizione del «Cicceria» di Castel San Pietro

La 28ª edizione del trofeo Trattoria Cicceria si è chiuso con la vittoria del Bar Aurora, che in finale ha battuto 4-3 il Gut Birreria&Cucineria. Vittoria di misura quella dei neri di mister Fabbri, al termine di un incontro dalle mille emozioni, con buon ritmo e belle giocate, a beneficio del numeroso pubblico presente al Casatorre. Per i vincitori hanno segnato Signorini (2) ed El Madi (2), con la rete decisiva di quest’ultimo quasi allo scadere, mentre i rivali hanno risposto con Spadoni e Zanoni (2), mancando il 4-4 con la traversa di Grelle sulla sirena.

Giuliano Giordani, assessore ai Lavori e Patrimonio Pubblico, oltre alle squadre finaliste, ha premiato il capocannoniere Matteo Spadoni (Gut), mentre Alessandro D’Errico, responsabile regionale Figc per il calcio a 5, ha consegnato a Luca Albertazzi (Bar Aurora) il trofeo per il miglior portiere. Il premio Renzo Cerè per il miglior giocatore è andato a Marco Cavina del Bar Basket.

r.s.

Tabellino

Bar Aurora – Gut Birreria&Cucineria 4-3 (3-0)

Bar Aurora: Albertazzi, Caria, Elmanaoui, Miscioscia S., Cammarata, Dolcetti, Mariani, El Madi, Signorini. All. Fabbri.

Gut: Paciaroni, Spadoni, Baraccani, Spada, Ferrara, Greco, Zanoni, Grelle, Nesca. All. Caprara.

Marcatori: 6’ Signorini (A), 7’ El Madi (A), 8’ Signorini (A); 2’ s.t. Spadoni (G), 5’ Zanoni (G), 13’ Zanoni (G), 20’ El Madi (A).

Nella foto: il Bar Aurora con la coppa

Futsal, il Bar Aurora si è aggiudicato la 28ª edizione del «Cicceria» di Castel San Pietro
Cronaca 25 luglio 2018

Emilia 4 vince l'American Solar Challenge. Un'Onda Solare partita da Castel San Pietro

A Castel San Pietro sono in tanti a festeggiare il successo di Emilia 4, l’auto ha vinto l’American Solar Challenge nella categoria per auto multiposto, la competizione riservata ai veicoli solari sviluppati dalle università di tutto il mondo, Emilia 4 è stata progettata dall’Università di Bologna, finanziata dalla Regione con circa 1 milione di fondi europei e costruita dal team castellano Onda Solare. «C’è davvero molto di Castel San Pietro in questa vittoria – ha commentato il sindaco di Castello, Fausto Tinti  –, complimenti a Mauro Sassatelli e al suo grandissimo team, in particolare al pilota Ruggero Malossi, dipendente insostituibile del nostro Comune».

In effetti l’idea dell’auto solare è nata nel 2003 nella piccola officina di Sassatelli in via Flavio Gioia a Castello e da allora di strada ne ha fatta tanta. «Siamo un’associazione di appassionati che nel tempo si è allargata sempre di più – conferma Sassatelli –. Claudio Rossi, docente di Macchine elettriche dell’Università di Bologna ha capacità e passione smisurate, si dedica anima e corpo a questo progetto, con uno straordinario spiegamento di uomini e mezzi». Dopo 2700 chilometri attraverso le Montagne Rocciose, dal Nebraska all”Oregon, il team Onda Solare, ha chiuso il percorso conquistando anche due premi speciali, quello per la miglior meccanica e uso dei compositi e quello per il miglior progetto della batteria. Precisazione non da poco per un veicolo e tecnologie che si vogliono passare all”utilizzo vero e proprio sulla strada.

Il veicolo, l”unico a quattro posti tra quelli in gara, ha un aspetto simile a quello di un”auto tradizionale ma per muoversi utilizza l’energia di un asciugacapelli. Con due motori elettrici posizionati dentro alle ruote, è alimentata da cinque metri quadrati di pannelli solari ad alto rendimento collegati a batterie al litio di ultima generazione. «Emilia 4 stata l’unica a non aver avuto bisogno di ricaricare le batterie – rivendica Sassatelli -. In Oregon siamo saliti fino a quota 2500 metri sulle Montagne Rocciose utilizzando solo l’energia del sole».

Quella di Emilia 4 era l’unica squadra europea in una gara che non è una passeggiata. «Dei 24 veicoli che hanno partecipato alle prove, solo 13-14 sono stati ammessi alla gara su strada nelle due categorie» racconta il pilora Malossi. A bordo si alternavano sempre quattro persone, su un equipaggio di otto.

Oltre agli italiani, c’erano australiani, canadesi, russi e tutti gli altri erano americani, fra cui anche il secondo e il terzo classificati. Prossimo appuntamento per Emilia 4 sarà il World Solar Challenge in Australia, a ottobre 2019. (r.c.)

Altre foto e particolari sul “sabato sera” del 26 luglio.

Nelle foto grande il team di Onda Solare con la coppa della vittoria; Emilia 4 in gara (dalla Pagina Facebook di Onda Solare)

Emilia 4 vince l'American Solar Challenge. Un'Onda Solare partita da Castel San Pietro
Cronaca 23 luglio 2018

Controlli stradali, a Castel San Pietro meno sanzioni per chi è senza assicurazione o revisione auto

«Questo tipo di controlli per noi non sono più una novità e, dopo tre anni, è evidente il calo delle sanzioni. Negli utenti c’è più consapevolezza di essere controllati». Leonardo Marocchi, referente della polizia municipale per il territorio di Castel San Pietro, commenta così il dato sulle multe che derivano dalle telecamere leggi-targa, apparecchiature in grado sia di individuare veicoli rubati che circolano su strada, sia di «pizzicare» in tempo reale chi viaggia senza assicurazione o con la revisione scaduta, pericolosi per sé e per gli altri veicoli che circolano nei paraggi, soprattutto in caso di incidente.

Sul Sillaro sono stati i primi nel 2015 a installare questo tipo di dispositivi. Inizialmente le telecamere erano tre (in via Ca’ Bianca nei pressi della rotonda sotto alla via San Carlo, in corrispondenza della rotonda all’inizio degli Stradelli Guelfi e sulla via Emilia a Osteria Grande, poco prima del confine con Ozzano Emilia dove c’è il ponte sul torrente Quaderna). Di recente, invece, si sono aggiunti l’occhio elettronico lungo via Cova vicino al cavalcavia che passa sopra ai binari ferroviari e nei pressi dell’incrocio tra via Ca’ Bianca e via San Biagio.

Nel 2015 le sanzioni sono partite dal mese di settembre (106 per mancata revisione e 29 per assenza di assicurazione). L’anno in cui sono avvenute più multe è però il 2016, quando gli agenti hanno pizzicato 48 veicoli sprovvisti di assicurazione e ben 305 non in regola con la revisione periodica.

Nel 2017, infatti, ci sono state 134 multe per mancata revisione e 27 legate all’assenza dell’assicurazione. Ancora inferiori le multe del 2018 (18 per mancata revisione e 9 prive di assicurazione). (gi.gi.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 19 luglio

Controlli stradali, a Castel San Pietro meno sanzioni per chi è senza assicurazione o revisione auto
Cronaca 20 luglio 2018

Ladri in azione a Osteria Grande, rubate undici bici da corsa da Dalfiume Cicli

Razzia di bici ai danni di Dalfiume Cicli, azienda specializzata in realizzazione di telai, riparazione e vendita di via Piemonte a Osteria Grande. E” successo verso le 3 nella notte. I ladri hanno prima forzato le inferriate che proteggono le vetrate, poi, usando un crick, le hanno ridotte in frantumi. Una volta all”interno, si sono impossessati del registratore di cassa e di undici biciclette da corsa. Il colpo, stando ad una prima stima, si aggirerebbe sui 12 mila euro.

Il negozio è collegato ad un allarme che, scattando, ha allertato alcuni residenti nei paraggi che hanno chiamato il 112. Alcuni di loro hanno detto di aver visto cinque persone caricare le due ruote a bordo di un furgone e poi fuggire via. Ora spetterà ai carabinieri cercare di risalire all”identità dei ladri. Per farlo stanno visionando anche le telecamere della videosorveglianza.

Non è la prima volta che Dalfiume Cicli subisce la spiacevole visita dei ladri. Cinque anni fa approfittarono di una notte con un forte temporale per coprire il rumore per forzare l”ingresso e fuggirono con ben tredici bici. (gi.gi.)

Immagine dalla Pagina Facebook di Dalfiume Cicli

Ladri in azione a Osteria Grande, rubate undici bici da corsa da Dalfiume Cicli
Cultura e Spettacoli 20 luglio 2018

L'Estonian Sinfonietta porta in scena musica di film come Seven o Tempi Moderni

Una serata con il cinema e le sue musiche. L”Arena di Castel San Pietro ospita alle 21.30 l’Estonian Sinfonietta, l”orchestra composta da professionisti del Nord Europa che si sono esibiti nelle più note sale europee, il cui organico varia a seconda del repertorio e che ha come primi violini Maano Männi e Arvo Leibu. Nell”ambito dell”Emilia Romagna Festival, brani da Pachelbel a Chaplin saranno accompagnati da proiezioni di stralci di film sullo schermo: scorreranno così film di vario genere, da Seven di David Fincher a Tempi Moderni di Charlie Chaplin, con la musica in primo piano sia come parte della colonna sonora dei film che come evocatrice di ambienti.

Il programma delle musiche, eseguite dal vivo, è il seguente: Canone in re di Johann Pachelbel da Gente comune, Divertimento fa maggiore KV 138 di Wolfgang Amadeus Mozart da Atto di forza, Adagio per archi op. 11 di Samuel Barber da Il favoloso mondo di Amélie, Aria da Suite n. 3 BWV 1068 di Johann Sebastian Bach da Seven, Suite di Veljo Tormis da Spring, Romance op. 97 di Dmitri Shostakovich da Gadfly, Suite di Bernard Herrmann da Psycho, Libertango di Astor Piazzolla da Frantic, Circus di Sergei Dreznin dalla colonna sonora di Isaak Dunayevsky di Circus, Valse di Lepo Sumera da Spring Fly, Smile da Tempi Moderni di Charles Chaplin.

Ingresso libero (in caso di maltempo, al teatro Cassero).

Nella foto l’Estonian Sinfonietta

L'Estonian Sinfonietta porta in scena musica di film come Seven o Tempi Moderni
Cronaca 19 luglio 2018

Osteria Grande, l'impegno di Regione e Città Metropolitana per la tangenziale

Castel San Pietro chiede da tempo il prolungamento della Complanare fino a Osteria Grande, frazione da 5.000 abitanti che, negli ultimi anni, sta facendo fatica a trattenere aziende sul territorio anche per via dei pochi collegamenti con la grande viabilità.

Da qui la necessità di invitare l’assessore regionale alle Infrastrutture, Raffaele Donini, e il consigliere delegato alla Viabilità per la Città metropolitana, Marco Monesi, al Consiglio comunale castellano di lunedì 16 luglio per discutere sulle infrastrutture di viabilità alla presenza anche degli esponenti della Consulta di Osteria Grande, i quali hanno consegnato un documento per sottolineare la necessità di interventi.

«Noi da sempre chiediamo l’allungamento della Complanare fino a Osteria Grande – rimarca il sindaco, Fausto Tinti -. Inoltre, è prioritario realizzare il sistema tangenziale di Osteria Grande, a partire dalla rotonda all’incrocio tra gli Stradelli Guelfi e via San Giovanni».

Un impegno in tal senso è arrivato dall’assessore Donini: «Regione e Città metropolitana possono impegnarsi per destinare una quota dello stanziamento dei prossimi fondi strutturali comunitari. Ci siamo già impegnati a reperire, forse già nel 2020, i 18 milioni necessari per completare la Trasversale di Pianura tra Villa Fontana e Budrio e lavoreremo per inserire ulteriori 3 milioni per la tangenziale di Osteria Grande». (gi.gi.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 19 luglio

Nella foto l”assessore Raffaele Donini interviene in Consiglio comunale

Osteria Grande, l'impegno di Regione e Città Metropolitana per la tangenziale
Cronaca 18 luglio 2018

Raccolta rifiuti, a Castello la differenziata arriva al 77%. Il sindaco Tinti: «Risultato oltre le aspettative»

La raccolta differenziata a Castel San Pietro è aumentata di 25 punti percentuali arrivando, nei primi due mesi di attivazione nelle nuove Isole Ecologiche Base, al 77%. La riorganizzazione dei servizi di raccolta dei rifiuti urbani, promossa dall’Amministrazione comunale in collaborazione con Hera, si sta avvicinando a grandi passi all’obiettivo del 79% entro il 2020, stabilito dalla Regione Emilia-Romagna per i comuni di pianura come appunto Castel San Pietro Terme. «Un risultato oltre le aspettative – commenta il sindaco Fausto Tinti– il cui merito va esclusivamente a tutti i castellani che si sono dimostrati ancora una volta straordinari e pronti al cambiamento. I dati confermano la scelta vincente dell”Amministrazione Comunale, frutto anche del lavoro puntuale svolto da una struttura tecnica preparata con la supervisione costante e attenta dell”assessore Cenni».

In maggio e giugno la raccolta differenziata ha raggiunto una media del 77%, a fronte del 52% negli stessi mesi del 2017. Nelle 150 Isole Ecologiche di Base collocate sul territorio comunale, l’indifferenziato è più che dimezzato, rispetto al sistema precedente. Mettendo a confronto i risultati della raccolta carta a sacco di maggio/giugno 2017 con quelli della raccolta carta nei nuovi cassonetti con il coperchio blu negli stessi due mesi del 2018, si registra un aumento del 65% (da 50 tonnellate si è passati a quasi 83). Vetro, plastica e lattine sono cresciuti del 68%.Tra maggio e giugno, inoltre, sono state conferite dai castellani 272 tonnellate di organico, quasi 3 volte e mezzo l’organico raccolto nell’intero 2017, mentre il verde e le potature sono incrementate da 202 a 315 tonnellate. «Abbiamo capito fin da subito che la città stava rispondendo in modo importante – ha commentato l”assessore all”Ambiente Tomas Cenni – e che il nuovo sistema era fondamentalmente compreso da cittadini e imprese. Nei prossimi mesi continueremo insieme a Hera il monitoraggio delle IEB e i controlli sul territorio per sanzionare gli abbandoni e per essere sempre pronti ad intervenire per affrontare le eventuali criticità che i cittadini ci dovessero segnalare».

Entro l’estate, infine, verrà potenziata anche la raccolta stradale dell’olio alimentare con ulteriori tre contenitori che saranno posizionati da Hera a Poggio Grande davanti alle scuole, a Palesio in via Montecalderaro 131 e a Osteria Grande davanti al centro civico.

r.c.

Nella foto: l”isola ecologica base in via Scania

Raccolta rifiuti, a Castello la differenziata arriva al 77%. Il sindaco Tinti: «Risultato oltre le aspettative»
Cronaca 18 luglio 2018

La pittrice bolognese Sandra Fiumi firma il piatto della 67ª Sagra della Braciola di Castel San Pietro Terme

Il piatto celebrativo della 67a Sagra della Braciola di Castel San Pietro Terme porta la firma di una pittrice bolognese. Sandra Fiumi è l”artista, esperta anche di ceramica, vincitrice del concorso lanciato dal Comune castellano per scegliere l’immagine che comparirà sul piatto abbinato alla celebre sagra che si svolgerà il 9 settembre prossimo.

La scelta del disegno vincente è stata compiuta dalla giuria del concorso, presieduta dall”assessore alla Cultura di Castel San Pietro Terme, Fabrizio Dondi e composta da Gianni Buonfiglioli, Marilena Manzitti e Andrea Franzoni.

«Il disegno vincitore – spiega l”assessore Dondi – raffigura uno scorcio molto rappresentativo del centro storico di Castel San Pietro Terme e questo corrisponde a una delle caratteristiche richieste dal bando  La giuria l’ha molto apprezzato e da qui è nata l’idea, per i prossimi anni, di indicare nel bando come richiesta principale di riprodurre proprio scorci del centro storico o altri angoli del nostro territorio, dopo diversi anni in cui i soggetti più rappresentati dai vincitori del concorso erano stati soprattutto legati alla Carrera, al castrato o al miele. Si potrebbe così arrivare nel tempo ad avere una collezione di piatti che andranno a raccontare attraverso il disegno i luoghi più suggestivi e significativi del territorio comunale».

Sandra Fiumi, che sarà premiata nel corso della serata “Castello in dvd”, in programma il 30 agosto all’Arena, è nata e vive a Bologna. Appassionata di pittura sin dall’adolescenza, è stata introdotta ai primi segreti delle tecniche creative nello studio dello zio Mario Fiumi. Ha frequentato la scuola d’arte del maestro Demetrio Casile dal 2003 al 2007. Nel 2004 ha partecipato al corso di disegno con modelle dal vivo realizzato presso l’atelier di Demetrio Casile. Nel 2008 ha frequentato un corso di ceramica di base e un corso di ceramica con lavorazione al tornio, durante i quali ha appreso le tecniche di lavorazione dell’argilla, la centratura, la tornitura, la tecnica del colombino e delle lastre, l’incisione, la decorazione, la smaltatura e cottura dell’argilla. Dal 2015 corso di pittura a Bologna con il maestro Stefano Manzotti. L’artista ha esposto le sue opere pittoriche in mostre personali e collettive in diverse sale espositive di Bologna e provincia, fra le quali anche una personale a Castel San Pietro nel 2008.

Oltre al piatto della Sagra Castellana della Braciola 2018, sul quale comparirà la sua illustrazione, la vincitrice riceverà anche articoli per la pittura o la grafica del valore di 300 euro, offerti in collaborazione con l”associazione turistica Pro Loco. Il piatto di quest”anno si può già prenotare rivolgendosi alla stessa Pro Loco (via Ugo Bassi 19 – tel. 051 6954135).

Nell”albo d”oro del concorso, partito nel 2011, l”artista bolognese succede a Maurizio Boiani, vincitore della prima edizione dedicata al 170° anniversario dell”Unità d”Italia e di quella del 2017; Chiara Capitani (2012, sul tema “Ritroviamoci a Castello: una città che partecipa”); Luca Dalla (2013, edizione dedicata ai 60 anni della Carrera Autopodistica, 2015 e 2016); Giorgia Ferrari (2014, tema “Castel San Pietro Terme è…”).

Nelle foto Sandra Fiumi con l”assessore Fabrizio Dondi e l”illustrazione vincente

La pittrice bolognese Sandra Fiumi firma il piatto della 67ª Sagra della Braciola di Castel San Pietro Terme
Cronaca 17 luglio 2018

Un supermercato al posto della concessionaria, a Castello il gruppo Pam investe sulla via Emilia

Un supermercato al posto di una concessionaria d’auto. Così si trasformerà l’area lungo la via Emilia a Castel San Pietro, di fronte al distributore Agip, nei pressi dell’incrocio con via Cova. Nei giorni scorsi, infatti, è stato demolito il fabbricato esistente. Ad acquistare e a riqualificare quell’area è il gruppo veneto Pam. L’intervento è suddiviso in due stralci distinti. Il primo, quello che riguarda l’area più vicina alla via Emilia, è destinato al nuovo supermercato, un fabbricato da 1.600 metri quadrati, dei quali 1.200 dedicati al punto vendita e i restanti al magazzino, che sarà più arretrato rispetto alla strada. All’ingresso, infatti, è previsto un parcheggio da 108 posti auto, dei quali due destinati ai disabili. Per quanto riguarda la viabilità, «l’accesso delle auto dei clienti avverrà dalla via Emilia, mentre sul retro, in via Archimede, è previsto un accesso per il caricoscarico merci, ma anche i camion dovranno uscire dal parcheggio dalla via Emilia» dettaglia Angelo Premi, dirigente dell’ufficio tecnico comunale castellano.

Vedendo la partenza spedita dei lavori, tutto lascia presumere che l’intenzione sia quella di finire in tempi brevi. Come detto, l’intervento prevede anche un secondo stralcio per la realizzazione di residenziale nell’area che resterà vuota alle spalle del supermercato, con accesso da via Archimede. Qui potranno essere realizzate palazzine da due o tre piani al massimo e, complessivamente, una ventina di appartamenti. Inoltre, sono previsti 21 posti auto più uno per disabili e un tratto di pista ciclabile, che non verrà realizzato bensì monetizzato assieme agli altri oneri di urbanizzazione previsti (270 mila euro in tutto), ergo sarà poi l’ente locale a dover realizzare il pezzetto di ciclabile in fregio al fabbricato. Per il momento, comunque, i tempi per la costruzione della parte residenziale non sono ancora stati definiti. «Siamo soddisfatti perché in questo modo si riqualifica un’area che, dopo esser stata per lungo tempo destinata a delle concessionarie di auto, da molti anni non veniva più utilizzata» commenta il sindaco, Fausto Tinti.

Dal canto suo, il gruppo Pam per il momento preferisce non scendere troppo nei dettagli e, tramite l’ufficio stampa, si limita a dire che «Castel San Pietro è un comune, come altri in Emilia Romagna, in cui Pam Panorama ha intenzione di svilupparsi». Il gruppo Pam (acronimo di Più a meno) complessivamente in Italia conta 684 punti vendita, 9.500 collaboratori e un fatturato di 2,4 miliardi di euro. Tra questi, di recente hanno inaugurato quello a Ozzano lungo la via Emilia e quello in via I Maggio a Imola. Sempre in via I Maggio, ma a Toscanella di Dozza, inaugurerà invece il prossimo 20 luglio.

gi.gi. 

L”articolo completo su «sabato sera» del 12 luglio.

Nella foto (Isolapress): il vecchio fabbricato della concessionaria

Un supermercato al posto della concessionaria, a Castello il gruppo Pam investe sulla via Emilia

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast