Imola

Sabato Sera TV 29 marzo 2018

Il Duathlon Sprint fa tappa a Imola. Corsa e bici tra autodromo e Parco delle Acque. IL VIDEO

Domenica 15 aprile all”interno dell”autodromo di Imola e del Parco delle Acque Minerali si correrà il 1^ Duathlon Sprint, organizzato dall”Imola Triathlon.

Dovrebbero essere più di 200 gli atleti al via che si contenderanno la vittoria finale. La gara partirà al mattino e vedrà una frazione iniziale di corsa di 5 km che anticipa i 20 km (4 giri) in bici sulla pista del famoso circuito imolese, prima del gran finale con i restanti 2.5 km sempre adatta ai podisti.

r.s.

Foto tratta dalla pagina facebook dell”Imola Triathlon

Il Duathlon Sprint fa tappa a Imola. Corsa e bici tra autodromo e Parco delle Acque. IL VIDEO
Cronaca 29 marzo 2018

Olimpiadi della multimedialità, terzo posto per Francesca Rignanese del Paolini

Francesca Rignanese, della classe 5ªG Sistemi informativi aziendali dell’Istituto Paolini di Imola, si è classificata al terzo posto alle Olimpiadi internazionali della multimedialità che si sono tenute a Melfi dal 22 al 24 marzo e a cui hanno partecipato oltre 200 studenti appartenenti a scuole italiane e straniere.

L’iniziativa, giunta quest’anno alla ventesima edizione, è organizzata dall’Istituto d’istruzione superiore Federico II di Svevia, in collaborazione col ministero della Pubblica istruzione. Attraverso la competizione vengono verificate competenze e abilità sia nella costruzione di un messaggio multimediale che nella gestione di strumenti informatici e telematici. Oltre a Francesca Rignanese, la rappresentanza imolese comprendeva anche Alessandro Cappello e Lorenzo di Palma, accompagnati dalla docente Maria Gargallo.

r.c.

Nella foto: da sinistra l”insegnante Maria Gargallo insieme agli studenti Lorenzo di Palma, Francesca Rignanese e Alessandro Cappello

Olimpiadi della multimedialità, terzo posto per Francesca Rignanese del Paolini
Cultura e Spettacoli 29 marzo 2018

Musei Civici imolesi, le aperture a Pasqua e Pasquetta

Per chi vuole passare una Pasqua e una Pasquetta alternativa o magari fare una gita fuori porta può venire a Imola a visitare i Musei Civici che, per l”occasione, saranno aperti nei due giorni di festa.

Domenica 1 e lunedì 2 aprile, infatti, porte aperte al pubblico a palazzo Tozzoni (via Garibaldi, 18 e viale Rivalta, 93) per la mostra «Ricerche di stile. Gli archivi Mazzini a Palazzo Tozzoni» organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola e già visitata finora da 10.000 persone. Sarà, quindi, l”ultima occasione per vedere l”esposizione dei 150 abiti opera dei maggiori stilisti italiani. Orari: dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Nelle due giornate, alle ore 17, si terrà una visita guidata gratuita. 

Il Museo di San Domenico (via Sacchi, 4) e la Rocca Sforzesca (piazzale G. Delle Bande Nere), invece, saranno, come ogni anno, chiusi al pubblico nel giorno di Pasqua, mentre effettueranno un’apertura straordinaria per Pasquetta. Orari: dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. 

Per informazioni: Comune di Imola – Musei Civici di Imola – via Sacchi, 4. Tel. 0542/602609. E-mail: musei@comune.imola.bo.it – www.museiciviciimola.it

r.c.

Nella foto: alcuni abiti della mostra a palazzo Tozzoni

Musei Civici imolesi, le aperture a Pasqua e Pasquetta
Economia 28 marzo 2018

Mobilitazione dei lavoratori Mediaworld per la riorganizzazione aziendale

Oltre ai lavoratori dei centri commerciali e dei supermercati mobilitati contro le aperture festive, nei prossimi giorni potrebbero incrociare le braccia anche i dipendenti dei negozi Mediaworld, compreso quello di Imola.

Otto ore di sciopero in modo articolato e improvviso sono state proclamate dai lavoratori con il sostegno di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs dell’Emilia Romagna «contro la decisione unilaterale dell”azienda (Mediamarket) di trasferire i dipendenti dei punti vendita in chiusura e delle aree interessate da contratto di solidarietà». 

In Emilia Romagna ci sono oltre 350 lavoratori e dieci punti vendita che fanno capo a Mediamarket, che sta attraversando una crisi e una riorganizzazione aziendale con chiusure e contratti di solidarietà su tutto il territorio nazionale. Il Mediaworld imolese, in verità, «al momento non è coinvolto ma solo perché ha già subito la ristrutturazione con il dimezzamento dello spazio vendita e una diminuzione del personale» precisano dalla Cgil imolese. 

Mediamarket da tre anni ha annunciato «di voler unificare la rete vendita e l’online attraverso l’omnicanalità, ma abbiamo assistito solo alla confusione organizzativa e al peggioramento delle condizioni di lavoro e, conseguentemente, al peggioramento del servizio – spiegano i sindacati regionali -. Il conto degli errori fatti viene impropriamente presentato ai lavoratori».

La lista dei problemi secondo Filcams, Fisascat e Uiltucs parte dallo «spostamento improvviso della sede, l’annuncio della fine del contratto di solidarietà, la chiusura improvvisa di Grosseto e di Milano Centrale, le minacce di trasferimento, la mancanza di informazioni sul bilancio e su quali siano gli altri negozi che non hanno la sostenibilità economica, la riduzione delle maggiorazioni domenicali insieme all’eliminazione del bonus».

r.c.

Nella foto il negozio Mediaworld di Imola

Mobilitazione dei lavoratori Mediaworld per la riorganizzazione aziendale
Sport 28 marzo 2018

Lotta, l'Usil conquista quattro medaglie ai tricolori Mixed Martial Arts

Domenica scorsa si sono svolti, a Roma, i campionati italiani di Mixed Martial Arts (Mms) e l’Usi Lotta è riuscita a portare a casa ben quattro medaglie, di cui tre del metallo più prezioso.

Hanno messo al collo l”oro, infatti, Alex Bertinazzi nei 61 kg della classe A Junior, Lorenzo Geminiani nei 66 kg classe C senior e Marwan Zin Eddin fra i Veterani, nella categoria 70 kg riservata ad atleti con oltre 50 anni. Lo stesso atleta ha poi conquistato anche l”argento tra gli over 35.

r.s.

Nella foto: i medagliati imolesi insieme, primo da destra, all”olimpionico Minguzzi

Lotta, l'Usil conquista quattro medaglie ai tricolori Mixed Martial Arts
Cultura e Spettacoli 28 marzo 2018

Un viaggio di degustazioni per soddisfare il palato e la mente. Questo è Voluptates 2018. IL VIDEO

Si è svolto lo scorso weekend al Museo Civico di San Domenico di Imola la quindicesima edizione di Voluptates, l”evento enogastronomico che ha permesso alla tanta gente presente di viaggiare con il palato e con la mente attraverso un vero e proprio tour tra i vigneti italiani ed europei e alcune preilbatezze culinarie. Non potevano, infine, mancare alcuni piatti «storici» del Ristorante San Domenico che ben si accompagnavano alle bollicine versate nei calici.

r.c.

Nella foto (Isolapress): un momento dell”evento

Un viaggio di degustazioni per soddisfare il palato e la mente. Questo è Voluptates 2018. IL VIDEO
Cronaca 28 marzo 2018

Nella chiesa di Nostra Signora di Fatima i funerali del pensionato travolto da un furgone in retromarcia

Si terranno domani, giovedì 29 marzo, alle ore 10.30 presso la chiesa di Nostra Signora di Fatima, i funerali di Graziano Santandrea, il pensionato morto la scorsa settimana a causa dell”urto con un furgone in manovra.

L”incidente è avvenuto all’interno dell’area privata de La Tozzona in via Punta. Santandrea, 68 anni, come ricostruito dalla polizia municipale, è stato investito dal camion di un fornitore che aveva appena fare una consegna al bar del centro sociale. Il mezzo si trovava oltre la sbarra carrabile e stava effettuando una retromarcia per uscire nel parcheggio. Santandrea è stato urtato ed è caduto a terra, battendo la testa. L’ambulanza l’ha trasportato all”ospedale ma l’intervento dei sanitari è stato inutile. Come di prassi, gli agenti hanno sottoposto all”alcoltest il conducente del furgone, un 58enne di Casalecchio, che è risultato negativo.

r.c.

Nella foto il luogo dell”incidente

Nella chiesa di Nostra Signora di Fatima i funerali del pensionato travolto da un furgone in retromarcia
Cronaca 28 marzo 2018

CiboAmico, a Imola donati oltre 1.300 pasti nel 2017

CiboAmico, il progetto del Gruppo Hera, nato nel 2009 per promuovere la lotta allo spreco alimentare ed il recupero dei pasti preparati ma non consumati nelle sue mense aziendali, è attivo anche a Imola

Qui lo scorso anno sono stati recuperati 1.360 pasti ed a gestire le eccedenze alimentari c”ha pensato la onlus locale Comunità Papa Giovanni XXIII che, dopo averle ritirate, le ha distribuite quotidianamente all’ente beneficiario, ovvero la Casa Famiglia di pronta accoglienza S. Clemente di Imola. Nel 2017 il valore economico dei pasti donati da Hera ha superato i 5.500 euro, un risparmio che ha permesso alla onlus di investire le risorse in altri progetti.

In totale sono cinque le mense aziendali interessate (oltre a Imola anche Bologna, Granarolo dell”Emilia, Rimini e Ferrara), sei le onlus coinvolte e otto le strutture beneficiarie in aiuto di circa 140 persone in difficoltà. In totale, nel 2017, sono stati oltre 12.570 i pasti recuperati per una somma di 54.500 euro che, dall”inizio del programma, permettono di arrivare così a quota 80.000 pasti dal valore di circa 327.000 euro.

r.c.

Nella foto (dalla sito di Hera): il logo del progetto

CiboAmico, a Imola donati oltre 1.300 pasti nel 2017
Cronaca 28 marzo 2018

GinS Food, gusto e salute anche al ristorante. Il commento dell'Ausl di Imola

Mangiare in modo salutare ed equilibrato anche fuori casa? Ora si può. GinS Food, infatti, è un progetto regionale promosso dai Servizi di Igiene degli Alimenti e Nutrizione che ha lo scopo di facilitare le scelte alimentari anche quando non si è seduti nella propria tavola. Il progetto è stata avviato, in forma sperimentale, anche sul territorio imolese grazie all”adesione di alcune associazioni di categoria e alla collaborazione con il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari dell’Università di Bologna (sede di Cesena) e ha portato alla formazione di una ventina di ristoratori locali che potranno così inserire, all’interno del menù del loro esercizio, piatti salutari e gustosi, oltre che dall”alta qualità nutrizionale.

Nell”unità operativa di Igiene e Sanità pubblica dell’Ausl di Imola, se ne occupano una nutrizionista, la dottoressa Antonella Capucci ed una dietista, la dottoressa Chiara Cenni. «Da sempre il nostro servizio si occupa di sicurezza alimentare, di formazione degli alimentaristi e di supporto e validazione alla creazione dei menù delle mense scolastiche ed ospedaliere – spiega Gabriele Peroni, direttore della UOC Igiene e sanità pubblica dell’Ausl di Imola – e negli anni sono state numerose le iniziative di promozione di stili alimentari sani. Negli ultimi mesi, sulla scorta del progetto regionale e delle attività collegate alla realizzazione locale del piano per la prevenzione, abbiamo avviato questo nuovo progetto che, dopo una prima fase pilota, è oggi pronto per essere lanciato e disseminato. Non deve sfuggire la pluralità di obiettivi che ci si propone: da un lato la sensibilizzazione degli operatori della ristorazione rispetto alla possibilità di fare proposte che coniughino gusto ed equilibrio nutrizionale, dall’altro la finalità educativa e di orientamento ad uno stile di consumo corretto per la cittadinanza”.

Attenzione, però. Mangiare sano, infatti, non significa per forza rinunciare a qualcosa ma piuttosto seguire le innovazioni o rivisitare i piatti classici sempre tenendo un occhio ai principi fondamentali della salute. «Mangiare sano è una questione di equilibrio – spiega la dottoressa Antonella Capucci – Si può mangiare di tutto, ma in giusta quantità e in modo bilanciato nell’arco della giornata e della settimana. Questo progetto vuole dimostrare che anche chi è costretto o semplicemente preferisce mangiare fuori casa, può trovare piatti gustosi ed equilibrati e magari riproporli nel proprio menù domestico».

I ristoratori del territorio, una volta definito il «menù salutare» ed avere firmato un accordo con l’Ausl di Imola, potranno fregiare il proprio locale con la vetrofania «GinS food gusto in salute» che segnala la partecipazione al progetto.

r.c.

Nella foto: il logo del progetto

GinS Food, gusto e salute anche al ristorante. Il commento dell'Ausl di Imola
Cronaca 28 marzo 2018

RestArt 2017, «Noi Giovani» dona materiale alle società sportive della palestra Ravaglia

L’associazione «Noi Giovani», dopo il successo della quinta edizione del festival RestArt (dal 22 al 24 settembre scorso), è tornata in via Kolbe, nel quartiere Cappuccini, per donare, grazie ad una parte del ricavato, cinque palloni da basket e una cassetta del pronto soccorso alle società sportive che si allenano alla palestra Ravaglia. «La donazione è stata anche occasione per focalizzare di nuovo l’attenzione sui problemi della zona- spiega Vincenzo Rossipresidente di Noi Giovani-. E’ da rivedere l’illuminazione del parco pubblico di via Kolbe, mentre l’interno della palestra Ravaglia necessita del rifacimento del parquet e di un rinnovo dell’impianto di illuminazione. La palestra Ravaglia è anche utilizzata dagli oltre mille studenti dell’Istituto Tecnico Alberghetti di Imola, dunque è un complesso sportivo molto importante per la città, a cui va posta maggiore attenzione». 

RestArt ha permesso la realizzazione di numerose opere di street art per mano di molti artisti arrivati a Imola da tutta Italia. Tra le pareti che hanno un volto ci sono anche le facciate, appunto, della palestra dell”Itis, luogo frequentato da molte realtà sportive imolesi come l”International Basket Imola, l”Asd Judo Imola e l”Unione Sportiva Imolese Lotta. «Ringraziamo l’associazione Noi Giovani e tutti coloro che hanno preso parte alla realizzazione del festival RestArt – afferma Vito Ponzi dell’Asd Judo Imola-. non solo per questa donazione, ma per aver dato vita ad un evento che ha reso molto più bella la palestra e per aver dato occasione alle società sportive di lavorare assieme per l’educazione e la formazione dei giovani».

Soddisfazione filtra anche dall’International Basket e dall’Unione Sportiva Imolese Lotta, rappresentata dal campione olimpico Andrea Minguzzi. «Siamo molto grati per questa donazione – conclude Fulvio Zavagli, direttore tecnico dell”International -. I palloni da basket sono il nostro strumento fondamentale, ma siamo ancora più contenti per quanto è stato fatto a RestArt 2017, evento che per noi è stata occasione di festa, collaborazione e sviluppo».

d.b.

Nella foto: la donazione dei palloni e della cassetta del pronto soccorso

RestArt 2017, «Noi Giovani» dona materiale alle società sportive della palestra Ravaglia

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast