Ozzano dell’Emilia

Sport 24 aprile 2018

Basket C Gold, i Flying Ozzano vincono anche gara-2 e volano in semifinale play-off

Tutto facile per i Flying Ozzano che vincono anche gara-2 a Pontevecchio con il punteggio di 85-61 e si qualificano per le semifinali dove attenderanno una tra Castel Guelfo e Salus.

Sul parquet bolognese le «Palle Volanti» hanno lasciato solo le briciole ai padroni di casa andando subito avanti nel punteggio a fine primo quarto per poi non venire più ripresi. Nel secondo tempo, infatti, non c”è più stata partita e la squadra di coach Grandi ha meritato a pieno il passaggio del turno. L”unico neo tra le statistiche biancorosse riguarda la scarsa precisione ai liberi, mitigata alla grande dalle prestazioni del trio Agusto-Dordei-Corcelli.

d.b.

Tabellino

Pontevecchio-Laco 61-85 (17-24, 33-43, 48-72)

Pontevecchio: Gianninoni 4, De Gregori 18, Bonaiuti 3, Nanni, Di Rauso 6, Folli 4, Mantovani 2, Minerva 3, Buriani, Bergami 13, Berti 8, Vetere. All. Carretto.

Ozzano: Folli 5, Chiusolo 8, Corcelli 17, Dordei 14, Agusto 15, Masrè 4, Morara 8, Lalanne 2, Magagnoli 6, Agriesti 4, Martini 2. All. Grandi. 

Nella foto (dalla pagina facebook dei Flying Ozzano): Nunzio Corcelli

Basket C Gold, i Flying Ozzano vincono anche gara-2 e volano in semifinale play-off
Sport 22 aprile 2018

Basket C Gold, i Flying Balls si aggiudicano gara-1 play-off

I Flying Balls partono bene nel primo turno play-off vincendo gara-1 contro Pontevecchio per 77-65. Grandi protagonisti Dordei, Chiusolo e Agusto che hanno chiuso alla sirena con rispettivamente 15, 14 e 13 punti.

La sofferenza per i ragazzi di coach Grandi dura solo il primo quarto poi i biancorossi  nel secondo periodo alzano l”asticella, soprattutto in difesa, e mettono in campo il loro basket, chiudendo la pratica già a fine terzo quarto. 

Gara-2 è in programma martedì 24 (ore 21.30) a campi invertiti e per Ozzano sarà già l”occasione per chiudere la serie.

d.b.

Tabellino

Laco-Pontevecchio 77-65 (22-25, 36-34, 59-47)

Ozzano: Folli 6, Chiusolo 15, Corcelli 7, Dordei 15, Agusto 13, Masrè 3, Morara 6, Lalanne 6, Magagnoli 1, Zambon ne, Agriesti, Martini 6. All. Grandi. 

Pontevecchio: Gianninoni 20, De Gregori 2, Bonaiuti 5, Nanni 7, Di Rauso 8, Folli 12, Mantovani 2, Minerva, Buriani 3, Bergami 2, Berti 4, Vetere ne. All. Carretto.

Nella foto: Mario Chiusolo

Basket C Gold, i Flying Balls si aggiudicano gara-1 play-off
Cronaca 20 aprile 2018

Un parcheggio o una targa per ricordare l'artista ozzanese Gina Negrini

Il parcheggio cosiddetto «ex Coop» di via Aldo Moro, nei pressi della rotonda di via Allende, potrebbe essere intitolato alla partigiana combattente, scrittrice e artista ozzanese Gina Negrini. A poche decine di metri dal monumento per la Resistenza, inserito nell’omonimo parco pubblico, c’è infatti un parcheggio per il quale è previsto il rifacimento del manto d’asfalto nel corso del mese di maggio, un intervento da 14 mila euro. «L’amministrazione sta prendendo in considerazione l’idea di intitolare quel largo a Gina Negrini una volta terminati i lavori di rifacimento – conferma il sindaco Luca Lelli -. Pur non essendo trascorsi dieci anni dalla sua morte, confidiamo che la Prefettura di Bologna possa accogliere comunque la nostra richiesta».

La legge numero 1.188 del 1927, infatti, prevede che l’intitolazione di nuove strade e piazze pubbliche, così come la realizzazione di monumenti commemorativi, possa essere fatta soltanto per persone decedute da almeno dieci anni e, comunque, dopo aver ottenuto l’autorizzazione del prefetto. Gina Negrini è venuta a mancare nel 2014, «appena» quattro anni fa. «Esistono però casi, nel bolognese, dove tale requisito non è stato inderogabile» dice speranzoso il sindaco. Ma se questo non fosse possibile per via dei pochi anni trascorsi dalla morte, l’Amministrazione comunale ha anche un piano B. La Giunta, infatti, ha pensato ad un’iscrizione commemorativa da inserire nel parco di via Don Minzoni, non lontano dalla casa di Gina. Una soluzione che potrebbe essere «consona allo spirito artistico di Gina» afferma la figlia Flavia Valentini. L’ex-partigiana infatti, oltre che alla scrittura, si è dedicata a lungo alla pittura e «non ha mai nascosto l’amore per le colline ozzanesi» prosegue la figlia. Una delle due opzioni sarà scelta nei prossimi giorni. «Accetteremo di buon grado l’una o l’altra soluzione» chiosa la Valentini.

ti.fu.

L”articolo completo e i due libri di Gina Negrini pubblicati da Bacchilega Editore  su «sabato sera» del 19 aprile.

Nella foto: l”artista ozzanese ed ex partigiana Gina Negrini

Un parcheggio o una targa per ricordare l'artista ozzanese Gina Negrini
Cronaca 18 aprile 2018

La frazione di Ponte Rizzoli avrà la sua prima farmacia

Anche la frazione ozzanese di Ponte Rizzoli a breve avrà la sua farmacia. Ad aprirla saranno le medicinesi Chiara Cavina ed Erica Tosetto assieme ad Eva Gavagni di Conselice. Le tre farmaciste nel 2013 hanno partecipato al concorso su base regionale e, al terzo interpello, sono riuscite ad aggiudicarsi la possibilità di aprire una sede lungo gli Stradelli Guelfi. «Nei mesi scorsi abbiamo chiesto anche qualche parere su un gruppo Facebook al quale sono iscritti molti residenti di Ozzano Emilia – dice Eva Gavagni –. In tanti ci hanno detto che gli sarebbe piaciuto e poi ci ha contattato anche il sindaco Luca Lelli, che è stato sempre molto disponibile».

In effetti, per il Comune di Ozzano è sicuramente un bel colpo, dato che da tempo sperava di trovare qualcuno interessato. A onor del vero, già alla prima chiamata nel 2016, altre tre farmaciste si erano aggiudicate quella sede, ma, dopo aver visto i locali, non si erano più fatte vive. «Siamo molto soddisfatti, si tratta di un bel servizio per Ponte Rizzoli – dice il sindaco, Luca Lelli –. Tra l’altro, sono tutte persone che già vivono o comunque lavorano in zona, al contrario delle aggiudicatarie precedenti che venivano da fuori regione…».

Cavina, 37 anni, per un periodo ha lavorato in una farmacia di Budrio, poi nel 2010 assieme a una socia ha aperto la parafarmacia nel centro commerciale Medicì di via Licurgo Fava. Tosetto, 40 anni e anche lei medicinese, dal 2003 lavora per la farmacia comunale Centrale di Medicina, mentre Gavagni, 37 anni, nel 2008 ha iniziato a lavorare nella farmacia comunale appena aperta a Budrio da Sfera Srl. «Siamo amiche da tempo, ci siamo conosciute mentre studiavamo all’Università di Bologna – raccontano –. Pensiamo che Ponte Rizzoli possa avere un bacino d’utenza ampio, che include ad esempio anche le frazioni di Osteria Nuova e Prunaro. Inoltre, è una strada di forte passaggio sia per i pendolari del lavoro, sia per chi va al mare. Siamo mamme e non volevamo allontanarci troppo da casa».

La nuova farmacia, che si chiamerà «Ponte Rizzoli», sarà la terza all’interno del territorio comunale di Ozzano e sorgerà ai civici 14-16 di via Pedagna, nei locali precedentemente occupati dalla pizzeria d’asporto. «Ovviamente ci sarà il servizio di prenotazioni Cup e l’autoanalisi, ma abbiamo in mente anche altre cose, dipenderà molto da cosa ci chiederà la gente – abbozza Cavina –. L’intenzione, sarebbe di aprire intorno a metà maggio, dal lunedì al sabato, ma verremo inserite nella turnazione dei festivi soltanto il prossimo anno».

gi.gi.

L”articolo completo su «sabato sera» del 12 aprile.

Nella foto: le farmaciste Erica Tosetto, Eva Gavagni e Chiara Cavina

La frazione di Ponte Rizzoli avrà la sua prima farmacia
Cronaca 16 aprile 2018

Dehors, a Ozzano niente Tari giornaliera se si assume almeno un lavoratore

Novità importante in vista della stagione estiva. Nei giorni scorsi, infatti, il Consiglio comunale di Ozzano Emilia ha approvato una modifica al regolamento della Tari, la tassa sui rifiuti, con il voto favorevole di tutti i consiglieri presenti, compreso il gruppo di minoranza Uniti per Ozzano, e l’astensione dei consiglieri del Movimento 5 stelle.

In sostanza, le attività commerciali che esercitano la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande e che allestiscono temporaneamente, per un periodo comunque inferiore a 183 giorni all’anno, spazi all’aperto annessi ai loro locali (i cosiddetti dehors), sono esentate dal pagamento della tassa giornaliera sui rifiuti se dimostrano di avere assunto, nel medesimo periodo, almeno un lavoratore con contratto a tempo determinato. Nel caso di occupazione di suolo privato, fermo restando il verificarsi di tutti i requisiti richiesti, verrà applicata una riduzione forfetaria corrispondente all’importo della tassa giornaliera su suolo pubblico o di uso pubblico.

Lo «sconto» dipende ovviamene dalla metratura del dehor, che può oscillare dai 25 ai 50 metri quadrati. In soldoni, il risparmio per i titolari dei pubblici esercizi potrà variare dai 200 ai 400 euro. «Purtroppo il rispetto dei vincoli di bilancio non ci consente di  muoverci come vorremmo – commenta il sindaco, Luca Lelli – . E’ comunque un segnale importante che l’Amministrazione comunale vuole dare e speriamo che le attività commerciali che rientrano nei requisiti richiesti ne possano usufruire a vantaggio di lavoratori, seppure stagionali, di Ozzano». 

r.c.

Nella foto: un esempio di dehor

Dehors, a Ozzano niente Tari giornaliera se si assume almeno un lavoratore
Cronaca 9 aprile 2018

L'ufficio postale di Ozzano è chiuso per lavori, al suo posto arriva il… camper

L’ufficio postale di Ozzano Emilia di via Papa Giovanni XXIII resterà chiuso da oggi fino al 23 aprile a causa di alcuni lavori di ristrutturazione. Però da domani, 10 aprile, sarà disponibile un ufficio postale mobile dislocato sempre in via Papa Giovanni XXIII che dovrebbe ovviare il disagio per i cittadini.

Lo rende noto Poste Italiane che spiega come la struttura mobile, una specie di camper, rimarrà operativa fino a sabato 21 aprile ed è dotata di tre sportelli in grado di soddisfare sia le esigenze di prodotti postali sia quelle di servizi finanziari. Gli orari saranno quelli soliti dell”ufficio postale: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.20 alle 19.05 e il sabato dalle ore 8.20 alle 12.35.

Per i servizi di consulenza finanziaria, però, dalle Poste dicono che occorrerà “rivolgersi all’ufficio postale di Osteria Grande in via Emilia Ponente (aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 13.35 e il sabato dalle 8.20 alle 12.35)”.

L’ufficio postale riaprirà nella sua sede solita a partire da martedì 24 aprile.

L'ufficio postale di Ozzano è chiuso per lavori, al suo posto arriva il… camper
Sport 8 aprile 2018

Basket C Gold, i Flying Ozzano rispondono a Imola e riconquistano il secondo posto

Vittoria importante per i Flying Ozzano che in un colpo solo conquistano 87-64 il derby contro San Lazzaro e si riprendono il secondo posto rispondendo subito alla vittoria della Vsv Imola di venerdì.

Con un Folli strepitoso da 28 punti le «Palle Volanti» mettono già le cose in chiaro a fine primo quarto e conducono il match fino alla sirena finale. Il predominio biancorosso è apparso netto in ogni angolo del campo. Rimbalzi, percentuali al tiro e assist sono dati che testimoniano questo, anche se l”unico neo possono essere state le troppe palle perse. Un”inezia, comunque, in una gara sentita sul fronte rivalità e importante per il campionato che i Flying hanno vinto con assoluto merito.

Nel prossimo turno, ultimo di regular season, in programma sabato 14 (ore 21) Ozzano ospiterà Bertinoro per blindare una volta per tutte il secondo posto in classifica e aspettare la prima rivale nei play-off che occuperà la settima posizione in griglia.

d.b.

Tabellino

San Lazzaro-Laco 64-87 (17-32; 32-50; 51-71)

San Lazzaro: Lolli 14, Fabbri 14, Mellara 3, Allodi 9, Guazzaloca 9, Baietti, Annunzi ne, Quadrelli 4, Rossi 7, Naldi 2, Rosa 1, Mazzini 1. All. Bettazzi.

Ozzano: Folli 31, Chiusolo 5, Corcelli 7, Dordei 14, Agusto 8, Masrè 5, Morara 9, Lalanne ne, Magagnoli 8, Zambon, Agriesti, Martini. All. Grandi.

Nella foto (dalla pagina facebook dei Flying Ozzano): Matteo Folli, autore di 31 punti

Basket C Gold, i Flying Ozzano rispondono a Imola e riconquistano il secondo posto
Sport 7 aprile 2018

Caccia alla traccia speciale, bimbi dai 6 ai 10 anni ai «Gessi Bolognesi»

Domani al Parco dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa torna l’attività gratuita «Caccia alla traccia speciale», rivolta ai bambini dai 6 ai 10 anni. Attraverso un percorso facile si partirà per una escursione naturalistica guidata alla ricerca di «nuove tracce». Il ritrovo è alle ore 15 alla chiesa di Sant’Andrea, in via Sant’Andrea 34 a Ozzano Emilia (dalla via Emilia percorrere la strada Tolara di Sopra in direzione Settefonti, svoltando a destra in via del Florio e ancora a sinistra lungo la via Sant’Andrea). In caso di maltempo l’attività verrà svolta all’interno del centro visite di Villa Torre. Si raccomanda di indossare calzature tipo trekking e abbigliamento adeguato.

Per informazioni si può telefonare al numero 051-6254821 oppure mandare una mail a info.parcogessi@ enteparchi.bo.it (numero di posti limitato).

r.s.

Nella foto: il centro visite di Villa Torre

Caccia alla traccia speciale, bimbi dai 6 ai 10 anni ai «Gessi Bolognesi»
Cronaca 7 aprile 2018

Iniziati i lavori per il miglioramento sismico della materna Rodari di Ozzano

Sono partiti lunedì 26 marzo i lavori per il miglioramento sismico della scuola materna comunale Rodari di Ozzano Emilia. Ad aggiudicarsi l’intervento, su ben 206 domande arrivate all’Unione dei Comuni delle Valli Savena-Idice, è stata la ditta salernitana Edil Tors, proponendo un ribasso del 26,12% e l’intervento avrà un costo di 320 mila euro (Iva esclusa)Nello specifico, «l’azienda interverrà sulle fondazioni e sui muri con fibre di carbonio e rinforzi – dettaglia l’assessore ai Lavori pubblici, Mariangela Corrado -. Inoltre, nell’occasione, verrà rivisto l’impianto fognario, sistemato il giardino e il marciapiede pubblico antistante l’edificio, nei punti più rovinati».

Tanto per rinfrescare la memoria, i primi sopralluoghi risalgono alla fine del 2016, a seguito di segnalazioni su crepe e fessurazioni nelle pareti della scuola. Un anno fa il Comune ha affidato una caratterizzazione della pericolosità sismica dell’area al geologo Samuel Sangiorgi, alla quale è seguita l’affidamento diretto per l’esecuzione di verifiche tecniche e di sicurezza sismica all’ozzanese Raggi&Partners di via dell’Industria. Gli esiti, in effetti, hanno fatto emergere varie problematiche, legate principalmente alle strutture di fondazione, già oggetto di interventi di consolidamento in passato, dato che il terreno risente in modo importante di movimenti stagionali. Ma non solo. «Sono state riscontrate grosse carenze, in particolare nei locali relativi all’ampliamento dell’edificio – aggiunge l’assessore -. Si tratta di criticità non rilevabili a occhio nudo e quindi non legate alla presenza di lesioni e fessure, ma frutto di simulazioni tramite software per calcoli strutturali che mostrano come possano diventare pericolose in caso di sisma».

Da qui la scelta di intervenire non più solo sul consolidamento delle fondazioni, ma anche per il miglioramento sismico dell’intero edificio. L’Amministrazione comunale aveva anticipato lo spostamento delle classi presso altri plessi del territorio per tutto l’anno scolastico 2017-18, in modo da evitare disagi. In sintesi, i più piccoli della sezione verde, quelli del primo anno, sono all’asilo nido Fresu, quelli del secondo anno (sezione azzurra) presso la scuola materna Cavalier Foresti di Maggio e, infine, i più grandi della sezione gialla sono al centro per le famiglie L’Abbraccio presso il polo scolastico Il Girotondo. La speranza delle famiglie è quella di poter iniziare il prossimo anno scolastico già nella scuola riqualificata in via Galvani. Il cronoprogramma, però, parla di sei mesi di tempo per completare i lavori, ergo la scadenza è fissata al 21 settembre. «Ci stiamo confrontando con la ditta per capire se fosse possibile conciliare l’apertura della scuola con la fine dei lavori – dice la Corrado -. La nostra intenzione sarebbe quella, ma sapremo qualcosa di più preciso tra un mesetto».

gi.gi.

L”articolo completo su «sabato sera» del 5 aprile.

Nella foto: il cantiere alla scuola materna «Rodari»

Iniziati i lavori per il miglioramento sismico della materna Rodari di Ozzano
Cronaca 31 marzo 2018

Partiti i lavori agli spogliatoi dei campi da calcio di Ozzano

Sono partiti la scorsa settimana i lavori di consolidamento degli spogliatoi realizzati negli anni Sessanta, che sono a servizio dei campi da calcio di via dello Sport, in gestione alla Polisportiva Ozzanese. Un’opera attesa da tempo, da quando, nell’ottobre del 2016, una parte era stata dichiarata inagibile per la presenza di crepe ben visibili. «Il sottosuolo è argilloso e mancava un’adeguata fondazione» spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Mariangela Corrado.

Da quel momento, i calciatori si sono «adattati» utilizzando anche gli spogliatoi a servizio del vicino campo da baseball, che sospende l’attività nei mesi più freddi, da ottobre a marzo. «Si tratterà sostanzialmente di consolidare le fondazioni, realizzare micropali e rinforzare le pareti verticali con fibre di vetro – dettaglia l’assessore Corrado -. Contestualmente, sostituiremo le piastrelle e le docce».

Complessivamente, si tratta di un’opera da 190 mila euro, interamente finanziata dal Comune di Ozzano. Ad aggiudicarsi i lavori, con un ribasso del 23%, è stata la ditta Tekna Immobiliare Srl di Portici, in provincia di Napoli, che avrà tre mesi di tempo per completare l’intervento. Durante i lavori, e ricominciata la stagione del baseball, «verranno posizionati tre container provvisori per consentire ai calciatori di cambiarsi mentre la ditta lavorerà sui vecchi spogliatoi».

gi.gi.

Nella foto: l”esterno degli spogliatoi di via dello Sport a Ozzano

Partiti i lavori agli spogliatoi dei campi da calcio di Ozzano

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast