Calcio

Calcio 13 agosto 2018

Nulla in… Palio a Siena, ma lo 0-0 sta stretto all’Imolese

Non c’era nulla in… Palio. Ma c’era la continuazione di un percorso di crescita in vista del campionato. Dopo le due partite di Coppa tra Carrara e Benevento, l’Imolese è tornata in Toscana per un’amichevole di lusso contro il Siena.
La partita è finita 0-0, che sta più stretto agli uomini di Dionisi rispetto ai padroni di casa (sbagliato anche un rigore da Jukic), forse ancora storditi per la mancata serie B.
Nell’Imolese out Belcastro (infiammazione al ginocchio, al suo posto Tattini), mentre partono in panchina i neo-acquisti Lanini e Zommers. Il Siena di mister Mignani è sceso in campo con un 4-3-1-2, con la coppia Gliozzi – Neglia davanti e Lorenzo Di Livio (figlio di Angelo, ex «soldatino» della Juventus) alle loro spalle, pronto a svariare su tutto il fronte offensivo.
Siena – Imolese 0-0 (0-0)
Siena: Nardi, Brumat, Lomolino, Damian, Solini, Rossi, Di Livio, Arrigoni, Gliozzi, Vassallo (c), Neglia. All. Mignani (a disp. Cefariello, Nassi, Imperiale, Romagnoli, Bonechi, Cristiani, Bulevardi, Fontana, Perri, Cianci, Pane, Cecconi).
Imolese: Rossi (dal 73’ Zommers); Ciofi (dal 46’ Patrignani), Boccardi, Carini (dal 60’ Checchi), Sereni (dal 60’ Tissone); Valentini (c) (dal 67’ Giannini), Carraro, Bensaja; Tattini (dal 46’ Rinaldi); De Marchi, Jukic (dal 60’ Lanini). All. Dionisi (a disp. Zommers, Patrignani, Checchi, Tissone, Giannini, Rinaldi, Lanini, Dekanosidze, De Gori).

Nulla in… Palio a Siena, ma lo 0-0 sta stretto all’Imolese
Calcio 24 marzo 2018

Imolese, bel sabato, sperando che serva

Giornata di sole, neppure troppo fredda e soprattutto 3-1 al Fiorenzuola, davanti ad una tribuna gremita da circa 800 persone. Molti ragazzi del settore giovanile, tanti addetti ai lavori e in più l’ingresso gratuito hanno favorito l’idea brillante del presidente Spagnoli.

A questo punto bisogna attendere la partita tra Mezzolara e Rimini di domani per valutare quanto potrà servire lo scontro diretto di giovedì prossimo in riva all’Adriatico. Se i biancorossi dovessero vincere anche a Budrio, la squadra di Gadda lotterà per mantenere il secondo posto in classifica, altrimenti questo campionato potrebbe ancora riservare sorprese.

Contro i neri piacentini l’Imolese si è schierata con un 4-1-3-2 ed ha iniziato fortissimo, andando in rete al 6’ grazie ad una azione di Titone sulla sinistra che ha ottenuto un calcio d’angolo. Borrelli dalla bandierina l’ha messa perfettamente sulla testa di Checchi, che l’ha infilata in rete dal secondo palo. I rossoblù continuano a creare, ma il raddoppio viene sfiorato solo da Ferretti di testa che colpisce male facendo rimbalzare il pallone prima a terra. Al 36’ poi arriva il gol che l’Imolese cronicamente subisce ad ogni partita. Cross dalla destra e testa di Bigotto che non lascia scampo a Rossi.

Nella ripresa diventa protagonista (in negativo) il portiere ospite. Dopo 9’ un lancio lungo di Carraro mette Valentini in condizioni di spedire la palla in gol di testa. Due minuti dopo Titone ruba palla con la punta del piede al portiere, se la alza e infila di testa. Da lì in avanti zero occasioni e tutti a casa.

Gadda dunque ha schierato Rossi in porta, quindi difesa a 4 con i centrali Checchi e Boccardi, Boccadamo terzino destro e Guatieri a sinistra. Carraro (mascherato per un problema al naso e quindi infortunato nella ripresa per un risentimento muscolare) davanti alla difesa, poi centrocampo con Valentini al centro, affiancato dai laterali Garattoni e Borrelli, infine Titone e Ferretti all’attacco. Nella ripresa sono subentrati Pellacani (al 24’ per l’infortunato Carraro), Pittarello (al 27’ per Ferretti), Franchini (al 34’ per Titone) e Miotto (al 42’ per Borrelli). (p.z.)

Imola

Imolese, bel sabato, sperando che serva

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast