Sport

Sport 28 luglio 2018

Basket C Gold, coach Serio e il mercato di Castel Guelfo: «Gente stimolata ed effetto rivincita»

Secondo anno in C Gold per la squadra di coach Giampiero Serio che, dopo il quinto posto della passata stagione e la sconfitta in gara-3 nei quarti play-off contro la Salus Bologna, dovrà per forza togliersi di dosso i panni della matricola terribile e cercare di diventare sempre più una solida realtà di questa categoria.

L’estate, grazie al brillante lavoro del diesse Marco Caprara, ha portato in dote, molti giocatori, oltre alle conferme di alcuni protagonisti della passata stagione. «Abbiamo puntato su ragazzi con grandi stimoli – ha spiegato il tecnico gialloblù – che vengono da un’annata negativa insieme alla loro squadra. L’effetto rivincita e la voglia di ripartire pensiamo saranno fondamentali per tenere alto il livello delle nostre prestazioni».

Cosa manca al roster per definirsi completo?

«Dopo la conferma di Musolesi come pivot titolare servono alcuni Under per i quali siamo in contatto con San Lazzaro, visti i buoni rapporti che durano da tempo con la società felsinea».

Un voto al mercato?

«Non mi piace darne. Sono però molto felice e convinto che questa squadra sia la migliore che una piazza come Castel Guelfo possa permettersi. Non abbiamo certo le possibilità economiche di alcune società di C Gold o altre della zona, ma il diesse Caprara mi ha messo tra le mani una squadra stimolante e sicuramente di un livello superiore anche alle più rosee aspettative».

Dopo la fine del campionato ti sei preso circa un mese per riflettere sul tuo futuro. Alla fine cosa ti ha convinto a rimanere?

«I dubbi erano legati esclusivamente ai miei impegni lavorativi. La società si è dimostrata molto aperta e ha fatto di tutto per mettermi in condizione di allenare ancora qui. Non ho mai preso in considerazione altre offerte perché Castel Guelfo è la mia seconda casa».

L’anno scorso siete partiti per salvarvi e avete chiuso al quinto posto. Quali sono gli obiettivi per la stagione ormai alle porte?

«Punteremo a fare ancora meglio e abbiamo tutte le carte in regola per disputare un ottimo campionato. Non sarà semplice e dovremo per forza superarci, ma l’idea di rinnovare parzialmente la squadra va proprio in questa direzione, perché siamo sicuri che ogni elemento del roster potrà dare un importante contributo». 

d.b.

L”articolo completo su «sabato sera» del 26 luglio.

Nella foto: coach Serio

Basket C Gold, coach Serio e il mercato di Castel Guelfo: «Gente stimolata ed effetto rivincita»
Sport 27 luglio 2018

Basket, la Medicivitas trionfa al Torneo del Bar di Medicina. Paolo Testi miglior realizzatore

Ha trionfato la squadra Medicivitas al 60° Torneo dei Bar. In finale ha superato, dopo un supplementare, la Don Diego-Adri Crepes con il punteggio di 67-60. Gli sconfitti si sono però, in parte, consolati con il premio per il miglior realizzatore che è andato a Paolo Testi, autore di oltre 25 punti a partita.

Tabellino

Medicivitas – Don Diego Adri Crepes 67-60 dts

Medicivitas: Buresti 15, Grandi 2, Nanni Luca, Pazzaglia 7, Zanella, Laforgia 3, Magli 24, Lorenzini 14, D’Onofrio, Nanni Luigi 2. All. Ricci.

Don Diego Adri Crepes: Ventura 10, Quartieri 2, Testi 18, Dall’Olio E, Buscaroli M. 15, Baccarini 3, Bandini 2, Buscaroli R, Soldi 8, Dall’Olio C. 2, Traietta. All. Moretti.

r.s.

Nella foto: la squadra del Medicivitas

Basket, la Medicivitas trionfa al Torneo del Bar di Medicina. Paolo Testi miglior realizzatore
Sport 26 luglio 2018

L'Imolese ha presentato la domanda di ripescaggio in serie C. La decisione della Figc attesa per la prossima settimana

La settimana cruciale, o quasi. E’ quella che è cominciata lunedì scorso per l’Imolese, visto che la questione ripescaggio sarà più chiara domani, quando verranno comunicati gli organici dei campionati. «Oggi abbiamo presentato la domanda – ha spiegato il direttore generale rossoblù Fiorella Poggi – alla quale abbiamo allegato il certificato del Comune per i lavori al Galli e speriamo che tutto vada bene, con la risposta che dovrebbe arrivare la settimana prossima».

L’Imolese, insomma, ha accelerato i tempi sullo stadio nel quale verranno aperte le due curve per raggiungere la capienza minima di 1.500 posti: i distinti ed una parte della curva «lato Tamburello» saranno a disposizione dei tifosi ospiti, con una zona cuscinetto riservata alle forze dell’ordine fra la seconda parte della curva e la tribuna. Stesso discorso per la curva lato spogliatoi, che verrà aperta e con una zona cuscinetto fra gli stessi e la curva in modo da evitare eventuali lanci di oggetti pericolosi verso le squadre. Il tutto però deve essere completato il prima possibile per riuscire miracolosamente ad essere pronti già per la prima giornata del campionato, quella di domenica 26 agosto.

E sulla questioni luci?

«Abbiamo affittato un impianto di illuminazione supplementare con pali di 21 metri che andranno ad integrare l’impianto esistente, in modo da raggiungere i 500 lux richiesti. I camion resteranno fissi al Galli finché i lavori di sistemazione dei pali fissi non saranno finiti, senza dimenticare che per far partire il progetto che abbiamo consegnato in Soprintendenza, Area Blu non ha ancora fatto arrivare a Bologna quelle integrazioni che sono state richieste dal 5 giugno scorso».

Altre urgenze?

«L’impianto di videosorveglianza e la copertura wi-fi del Galli sono le opere immediate da realizzare: tutto il materiale necessario lo abbiamo già ordinato, tenendo 20 giorni di margine come tempi di consegna per vedere se effettivamente saremo ripescati in C. Questo è l’ennesimo sforzo che sosteniamo come Imolese visto che il Comune, per tempi tecnici relativi alla variazione di bilancio ed alla necessità degli appalti, non avrebbe potuto far partire i lavori velocemente in modo da essere pronti per la prima giornata di campionato». 

an.mir.

L”articolo completo su «sabato sera» del 26 luglio.

Nella foto: i rossoblù agli ordini di mister Dionisi

 

L'Imolese ha presentato la domanda di ripescaggio in serie C. La decisione della Figc attesa per la prossima settimana
Sport 26 luglio 2018

Futsal, il Bar Aurora si è aggiudicato la 28ª edizione del «Cicceria» di Castel San Pietro

La 28ª edizione del trofeo Trattoria Cicceria si è chiuso con la vittoria del Bar Aurora, che in finale ha battuto 4-3 il Gut Birreria&Cucineria. Vittoria di misura quella dei neri di mister Fabbri, al termine di un incontro dalle mille emozioni, con buon ritmo e belle giocate, a beneficio del numeroso pubblico presente al Casatorre. Per i vincitori hanno segnato Signorini (2) ed El Madi (2), con la rete decisiva di quest’ultimo quasi allo scadere, mentre i rivali hanno risposto con Spadoni e Zanoni (2), mancando il 4-4 con la traversa di Grelle sulla sirena.

Giuliano Giordani, assessore ai Lavori e Patrimonio Pubblico, oltre alle squadre finaliste, ha premiato il capocannoniere Matteo Spadoni (Gut), mentre Alessandro D’Errico, responsabile regionale Figc per il calcio a 5, ha consegnato a Luca Albertazzi (Bar Aurora) il trofeo per il miglior portiere. Il premio Renzo Cerè per il miglior giocatore è andato a Marco Cavina del Bar Basket.

r.s.

Tabellino

Bar Aurora – Gut Birreria&Cucineria 4-3 (3-0)

Bar Aurora: Albertazzi, Caria, Elmanaoui, Miscioscia S., Cammarata, Dolcetti, Mariani, El Madi, Signorini. All. Fabbri.

Gut: Paciaroni, Spadoni, Baraccani, Spada, Ferrara, Greco, Zanoni, Grelle, Nesca. All. Caprara.

Marcatori: 6’ Signorini (A), 7’ El Madi (A), 8’ Signorini (A); 2’ s.t. Spadoni (G), 5’ Zanoni (G), 13’ Zanoni (G), 20’ El Madi (A).

Nella foto: il Bar Aurora con la coppa

Futsal, il Bar Aurora si è aggiudicato la 28ª edizione del «Cicceria» di Castel San Pietro
Sport 25 luglio 2018

Lo show di Nicola Pietrangeli dura più… della finale agli Internazionali di tennis della Tozzona

Dire che è mancata solo la ciliegina sarebbe vagamente riduttivo, perché stavolta la sfortuna si è portata via un discreto pezzo della torta. La 15ª edizione degli Internazionali di Imola, infatti, probabilmente sarà ricordata anche e soprattutto perché la finale non c’è stata.

Anzi, è cominciata ma è durata 7 minuti, più o meno come il tempo di riscaldamento concesso dal regolamento alle giocatrici. Sul 2-0 e 40-15 per Stefania Rubini, la francese Sherezad Reix ha alzato bandiera bianca. Tra le lacrime, la numero uno del seeding si è ritirata, senza nemmeno tentare di farsi assistere dal medico dell’Itf, causa un infortunio evidentemente molto doloroso all’addome. Il torneo imolese finisce così per la prima volta nelle mani di Stefania Rubini, 25enne bolognese che già lo scorso anno aveva raggiunto la finale, dove era stata sconfitta dalla Kuzmova.

Il pubblico presente alla serata finale, più incredulo che deluso, non ha potuto far altro che prendere atto dell’accaduto, e si è consolato con il mezzo show di Nicola Pietrangeli, a cui è stato consegnato il premio intitolato alla memoria di Domenico Dadina, giunto alla terza edizione. Tra una battuta e l’altra (condite da qualche bonaria corbelleria), e pure una risposta al cellulare proprio mentre veniva intervistato e aveva il microfono in mano, l’85enne ex stella del nostro tennis ha divertito i presenti. «Mi piace molto il tennis femminile – ha detto -, mi impressiona vedere quanta potenza abbiano queste ragazze. Il tennis dei miei tempi, anche quello maschile, era decisamente diverso. Onestamente non volevo venire a Imola, invece sono molto contento di essermi fatto convincere da Narducci. Qui state facendo un gran bel lavoro, non è facile mettere in piedi un torneo, ed è merito di realtà come queste se la nostra disciplina ha tanto seguito. Speriamo che il tennis italiano, sia maschile che femminile, torni a crescere e a sfornare qualche campione. Purtroppo la concorrenza è sempre più agguerrita e non sempre i nostri giocatori si sono distinti per voglia di faticare…».

m.b.

L”articolo completo e l”intervista all”organizzatore del torneo Massimilano Narducci su «sabato sera» in edicola dal 26 luglio.

Nella foto (Isolapress): le premiazioni con (da sinistra) Nicola Pietrangeli, Stefania Rubini, Sherezad Reix e Massimiliano Narducci

Lo show di Nicola Pietrangeli dura più… della finale agli Internazionali di tennis della Tozzona
Sport 25 luglio 2018

Basket serie B, svelato il calendario della Sinermatic Ozzano. Il via il 7 ottobre a Crema

Il primo campionato di B nella storia dei Flying Balls, quest”anno targati Sinermatic, partirà domenica 7 ottobre (ore 18) da Crema. La stagione regolare terminerà sabato 20 aprile e saranno due i turni infrasettimanali: giovedì 25 ottobre (in trasferta) e giovedì 31 gennaio (in casa) sempre contro Orzinuovi, squadra del tecnico castellano Stefano Salieri.

L”unico weekend di riposo sarà il primo fine settimana di marzo, mentre si giocherà anche durante le festività con partite in programma il 23 (a Olginate) e il 29 dicembre (in casa contro Cesena), oltre al 6 gennaio quando i biancorossi chiuderanno il girone d”andata a San Vendemiano. 

Già detto della sfida contro Cesena, gli altri derby per Ozzano saranno nell”ordine contro Lugo (2° giornata), Faenza (11° giornata) e Reggio Emilia (12° giornata).

r.s.

Nella foto (dalla pagina facebook dei New Flying Balls): l”esultanza di Gigi Dordei durante la festa promozione

Basket serie B, svelato il calendario della Sinermatic Ozzano. Il via il 7 ottobre a Crema
Sport 25 luglio 2018

Basket A2, ufficiale il calendario dell'Andrea Costa. L'esordio il 7 ottobre al Ruggi contro Udine

Partirà domenica 7 ottobre (ore 18) la nuova stagione dell”Andrea Costa con la squadra di coach Paolantonio che sfiderà, al palaRuggi, Udine. Il campionato terminerà sabato 20 aprile e saranno soltanto due i turni infrasettimanali: mercoledì 24 ottobre (in casa) e mercoledì 30 gennaio (in trasferta) sempre contro Verona.

Il weekend del 2 e 3 marzo ci sarà la pausa per la Coppa Italia, mentre si giocherà anche durante le festività con partite in programma il 23 e il 30 dicembre, oltre al 6 gennaio quando i biancorossi chiuderanno il girone d”andata contro Forlì. Dopo la prima al Ruggi, Prato e compagni avranno il 14 ottobre subito il derby in casa della Fortitudo, mentre il 21 saranno ancora impegnati a domicilio, questa volta a Piacenza. Il 18 novembre (8° giornata) la trasferta più lunga sul campo del Cagliari.

Già detto di Forlì e Fortitudo, le altre sfide sentite per l”Andrea Costa saranno nell”ordine contro Ferrara (6° giornata), Ravenna (7° giornata) e Cento (13° giornata). Il 25 novembre (9° giornata), invece, al palaRuggi arriverà Roseto, ex squadra dell”attuale tecnico Emanuele Di Paolantonio.

r.s.

Nella foto: tifosi della curva biancorossa

Basket A2, ufficiale il calendario dell'Andrea Costa. L'esordio il 7 ottobre al Ruggi contro Udine
Sport 24 luglio 2018

Pallavolo B2 femminile, ufficiale il girone della Csi Clai Imola

Sono stati pubblicati i gironi del prossimo campionato nazionale di serie B2 femminile dove sarà impegnata la Csi Clai Imola che, come nella passata stagione, è stata inserita nel girone E.

La differenza con lo scorso anno, però, riguarda le trasferte fuori regione che non interesseranno più Liguria e Toscana, ma Veneto e Lombardia, esattamente contro Rovigo e Cremona. Le altre avversarie della Csi Clai Imola, tutte romagnole, saranno Bologna, Forlì, Cervia, Lugo, Campagnola Emilia, Sant’Ilario D’Enza, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia, Interclays Reggio Emilia, Rubiera, Stella Rimini e Riviera Volley Rimini.

I calendari saranno pronti dopo il 28 luglio, mentre l’inizio del campionato, salvo diverse disposizioni, è previsto per il 13 e 14 ottobre.

r.s.

Nella foto: momento di gioia della passata stagione in casa Csi Clai Imola 

Pallavolo B2 femminile, ufficiale il girone della Csi Clai Imola
Sport 24 luglio 2018

Basket A2, nel girone «Est» l'Andrea Costa percorrerà oltre 200 km di media a trasferta

Dopo l”ufficializzazione delle squadre che in questa stagione faranno compagnia all”Andrea Costa nel girone «Est» di A2, calcolatrice alla mano si può tranquillamente vedere quanti km, la squadra di coach Di Paolantonio, percorrerà di media a trasferta.

L”unica sorpresa riguarda l”inserimento dei sardi del Cagliari, al posto di Bergamo, ma poi ci sono le venete Treviso, Udine e Verona, la lombarda Mantova, le marchigiane Jesi e Montegranaro e l”abruzzese Roseto. Le altre sono tutte formazioni emiliano romagnole come Fortitudo Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì, Ucc Piacenza e le neopromosse Bakery Piacenza e Cento. 

Per colpa, quindi, dell’inserimento cagliaritano la media delle trasferte biancorosse si allunga a 202,3 km, altrimenti sarebbe stata solo di 167,9. Un numero certamente da record.

r.s.

Nella foto: il palaRuggi, vero fortino dell”Andrea Costa nella passata stagione

Basket A2, nel girone «Est» l'Andrea Costa percorrerà oltre 200 km di media a trasferta
Sport 23 luglio 2018

Una stagione da ricordare per la Ginnastica Biancoverde. Il tecnico Zuffa: «Le ragazze possono puntare all'A1»

Una somma di punteggi che crea un’amicizia. Un forte legame che fa volare più in alto, o atterrare in maniera più elegante, consapevoli che dopo, a terra, arriveranno gli abbracci, non le invidie. Quella che si chiama forza del gruppo, un concetto del quale spesso si abusa, ma che talvolta rende onore alle imprese. Come quella della Biancoverde che, alla fine delle tre prove di serie A, si è piazzata al 15º posto finale, confermandosi in categoria. «Avevamo di fronte una stagione difficile, perché il livello si è alzato parecchio – racconta Giacomo Zuffa, storico allenatore della ginnastica artistica imolese assieme alla moglie Eleonora Gatti -, Nel 2017 arrivammo settimi in A2, dunque al 19º posto italiano considerando anche le 12 squadre della massima categoria».

Quest’anno invece eravate tutte insieme, A1 e A2, dunque avete scalato quattro posizioni.

«E abbiamo scongiurato anche una ipotetica retrocessione, perché ad un certo punto pareva potessero restringere il campo, nel 2019, ad 8 squadre di A1 e 8 di A2, quindi saremmo rimasti fuori dall’elite della ginnastica artistica femminile».

In realtà la Federazione appare un po’ ondivaga nelle sue decisioni…

«Infatti siamo tornati alle 12+12, dunque saremmo sul podio virtuale della serie A2. E se il prossimo anno dovessimo ripetere questo risultato, saremmo promossi in A1».

Tutto questo grazie a che cosa?

«Alla crescita complessiva della squadra. Comprese le più piccole, Cristina Cotroneo e Jennifer Nechyporenko, i cui punteggi sono sempre entrati in classifica. Una cosa che fa ben sperare per il futuro, visto che nel 2019 avranno il posto fisso in squadra assieme a Carolina James, Giada Montanari e Luna Luschi, le nostre punte di diamante».

Anche a livello singolo è stata una stagione da ricordare.

«Sono state tutte molto brave. Carolina James è arrivata quarta nel concorso generale ai campionati italiani Juniores (davanti a Luna Luschi e Ilaria Verna) delle 2004, mentre Giada Montanari è giunta 13ª tra le 2003. Per attrezzo sono arrivati l’argento di Montanari nel volteggio (bronzo alla trave) e i due bronzi di James nella trave e alle parallele. Eccellente anche il 7º posto della Nechyporenko nel tricolore Allieve».

Avete anche aumentato i carichi di lavoro.

«La nostre 5 protagoniste della prossima stagione, da novembre hanno ricominciato il doppio allenamento quotidiano (due mattine ogni settimana, oltre al sabato), con la collaborazione delle varie scuole che ovviamente vanno ringraziate. Inoltre stiamo ricevendo richieste di ragazze da fuori che vogliono allenarsi con noi e quindi potrebbe esserci qualche inserimento nella squadra di A2. Valutazioni che andranno fatte a partire da settembre».

p.z.

L”articolo completo e l”intervista alle ragazze della Bianconverde su «sabato sera» del 19 luglio.

Nella foto: Giada Montanari alla trave

Una stagione da ricordare per la Ginnastica Biancoverde. Il tecnico Zuffa: «Le ragazze possono puntare all'A1»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast