Cavalieri, miti, Icaro e Parsifal

MEDICINA
Parte da un vecchio, solo e stanco, che racconta una storia, lo spettacolo in scena sabato 7 e domenica 8 giugno alle 21 al Magazzino Verde di Medicina, nell’Area Pasi. Si tratta di “Un Parsifal un altro” ed è il momento conclusivo del Laboratorio Icaro, un lavoro che vede in scena i venti partecipanti al laboratorio che si è tenuto da ottobre e che è stato condotto da Enrico Montalbani, che spiega: “Negli ultimi cinque anni, in cui sono stato conduttore, abbiamo parlato di migranti, poi di maschi e femmine e delle diversità, quindi della luna immaginando una serie di imbianchini che la dovevano coprire. Anno scorso abbiamo parlato di Antigone, e quest’anno di Parsifal. Siamo partiti dall’ecologia, immaginando una natura che diventa ostile perché gli uomini rompono il patto fatto con lei. In mezzo ai cavalieri spicca Parsifal, che non ha soluzioni ma incrementa i dubbi e propone quella che forse è un’alternativa alla guerra, ovvero il Graal, la fratellanza, la pace creata non con la forza e con la violenza”. Il laboratorio Icaro esiste a Medicina dal 1990. L’età dei partecipanti va dai 14 ai 28-30 anni, si comincia a scuola e poi qualcuno rimane anche dopo. “E’ un luogo aperto, dove potersi raccontare, dove confrontarsi, appropriandosi di storie altrui per parlare di sé. E’ anche un modo per partecipare alla vita sociale del paese Medicina e del Paese Italia, perché creare uno spettacolo è un tipo di linguaggio, di espressione”, conclude Montalbani.

Maggiori informazioni sul numero di “sabato sera” in edicola da giovedì 5 giugno

Un momento del laboratorio 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *