Deposito abusivo in via Nuova, una denuncia

MEDICINA
Con il passare del tempo era diventato un deposito di ogni genere di rifiuto, dai pezzi di ferro vecchio ai bancali di legno, dai sanitari da bagno alle guaine per la coibentazione, senza dimenticare pneumatici, parti di auto e furgoni e, forse, anche lastre di amianto. Quando i carabinieri hanno fatto un sopralluogo all’inizio di maggio hanno trovato di tutto. Così, i militari della tenenza di Medicina hanno denunciato un quarantatreenne per gestione non autorizzata di rifiuti non pericolosi.

A puntare l’accento su quanto stava accadendo nell’area attorno all’ex stazione ferroviaria di via Nuova, che face capo all’ormai dismessa linea Budrio-Massa Lombarda, sono stati per primi alcuni esponenti di Legambiente.

I carabinieri ipotizzano che il quarantatreenne si offrisse di raccogliere i rifiuti da privati della zona in cambio di qualche spicciolo, poi utilizzasse il terreno come deposito. Interrogato dai militari, l’uomo si è difeso ammettendo di essere responsabile in parte di quell’ammasso di rifiuti, per lo più del ferro vecchio, perché in effetti in questo momento della sua vita è disoccupato e si guadagna da vivere sgomberando locali e cantine.

Il quarantatreenne, però, avrebbe precisato di non essere stato lui ad aver lasciato lì tutto quel materiale. In particolare, non sarebbero da imputare a lui i pannelli “verosimilmente” di cemento amianto (eternit) rivenuti durante il sopralluogo coperti con un telo fermato con un pneumatico. Qualche giorno fa i carabinieri sono tornati sul posto assieme ai tecnici dell’Arpa che hanno prelevato alcuni campioni per verificare se si tratta effettivamente di eternit e sono in attesa dei risultati. Se l’ipotesi fosse confermata, la denuncia si aggraverebbe ulteriormente includendo la gestione di rifiuti pericolosi.

Altri dettagli su “sabato sera” in edicola dal 21 luglio

I carabinieri mostrano i rifiuti sequestrati in via Nuova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *