Discarica, la Giunta regionale approva la sopraelevazione

IMOLA-BOLOGNA
La Giunta regionale ha approvato la sopraelevazione della discarica Tre Monti e autorizzato lo stoccaggio fino a una capacità di 375 mila tonnellate. Questo l’esito della seduta di oggi con la quale viene dato il via libera definitivo al progetto di ConAmi (proprietà) ed Hera (gestore), recependo così l’esito favorevole della procedura di Valutazione di impatto ambientale (Via) avviata nell’agosto 2015 e conclusasi la scorsa settimana.

“La valutazione di impatto ambientale – sottolinea l’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo– rappresenta la massima garanzia a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente e si è svolta all’insegna della trasparenza e legalità. Non si è mai chiusa la porta all’ascolto delle istanze dei singoli e delle associazioni. Partecipazione però significa anche accettazione e rispetto delle regole e delle procedure. La Conferenza dei servizi ha approfondito con attenzione ogni elemento, lo stesso rigore adottato anche nell’assunzione delle scelte, sulla base di dati tecnici e scientifici attendibili”.

In mattinata, l’assessore Gazzolo ha incontrato anche la delegazione di cittadini e comitati, contrari all’ampliamento della discarica, che si sono trovati per manifestare sotto al sede della Regione, spiegando le motivazioni della scelta della Giunta. “È noto – spiega Gazzolo- che la Tre Monti è una delle poche discariche previste dal Piano regionale dei rifiuti: intendiamo questa modalità come la forma residuale nella gestione dei rifiuti. Abbiamo già raggiunto l’obiettivo europeo di riduzione dei conferimenti in discarica al 10% entro il 2030, con 15 anni di anticipo, e adesso puntiamo al 5% entro il 2020. Di questo dovremmo andare tutti fieri”. L’assessore ha sottolineato poi come le questioni ambientali non possano essere affrontate in un’ottica di strumentalizzazione e propaganda politica. “Serve serietà. Ascoltare, approfondire, verificare. E, infine, decidere, guidati dalle conoscenze tecniche e scientifiche. Questo- chiude Gazzolo- è il metodo che guida l’azione amministrativa della Regione”.

Di tutt’altro parere il M5S che sin dall’inizio ha appoggiato sia a Imola che in Regione i contrari al progetto. “Sulla discarica di Imola la Regione ha preso in giro i cittadini, calpestando i loro diritti e facendosi portavoce esclusivamente delle esigenze di chi ha proposto l’ampliamento” ha commentato Giulia Gibertoni, che ha presentato all’Assemblea regionale un’interrogazione a risposta immediata durante il question time. La scelta di di procedere allo stralcio della sola sopraelevazione dopo lo stop arrivato dal Ministero sul quarto lotto, secondo Gibertoni “ha permesso ai proponenti dell’ampliamento (Herambiente e Con.Ami) continue integrazioni, cambiamenti, modifiche e soprattutto di sezionare il progetto a piacimento senza che fosse imposta, invece, una nuova riapertura dei termini per la partecipazione”.

Detto ciò, ora la palla passa a ConAmi ed Hera che possono procedere con la sopraelevazione, rispettando però le numerose prescrizioni previste proprio dalla Conferenza dei servizi.

I manifestanti questa mattina sotto la sede della Regione a Bologna e la discarica Tre Monti

One Response to Discarica, la Giunta regionale approva la sopraelevazione

  1. Herambiente e Con.Ami, prima di spendere altri soldi dei cittadini utenti, ci pensino bene, perchè non finisce qui: restiamo convinti che c’è stato un vizio di procedura inusuale e già contemplato in negativo dalla Consulta di Stato.
    Per il momento ci riteniamo comunque soddisfatti per la bocciatura dell’ampliamento: ora la parola, oltre che nelle sedi giuridico-legali opportune, passerà all’Assemblea Regionale, la quale dovrà stralciare dal Piano Rifiuti, l’ampliamento della discarica Tre Monti.

    legambiente imolamedicina
    22 dicembre 2016 at 09:46
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *