E’ arrivato il nuovo dirigente del Commissariato di Imola, si chiama Michele Pascarella

IMOLA
Originario di Maddaloni, tre figli e un curriculum che comprende aver gestito i relativi commissariati di polizia durante il commissariamento per mafia di Pozzuoli e Marcianise. Poi molta esperienza alla stradale e negli ultimi anni in Romagna, e ora gli tocca Imola. Questo l’identikit di Michele Pascarella, 56 anni, che da lunedì è a capo del Commissariato di via Mazzini. Il neo prefetto Matteo Piantedosi durante la sua visita nell’imolese all’inizio di giugno aveva promesso che il posto non sarebbe rimasto vacante a lungo (se ne occupava ad interim Alessandro Lipperini del Due Torri-San Francesco di Bologna).

Pascarella ha trascorso gli ultimi due anni al vertice del Commissariato di Cesena. Imola gli pare “una città molto organizzata e ben tenuta”. Finora la conosceva solo perché “anni fa sono venuto a vedere un Gran Premio di F1” e “per lavoro con la stradale durante la Coppa Placci”.

La sua priorità sarà il controllo del territorio declinato con un “mix equilibrato di prevenzione e repressione”. Per quanto riguarda l’organico si “cercherà di fare al meglio con quello che abbiamo. Al momento siamo come tutti in una situazione di sottorganico fisiologico, non drammatico rispetto ad altri territori”. E a questo proposito, a chi ricordava che più di una volta il sindacato di polizia Sap ha segnalato che mancava il personale anche per fare la pattuglia, Pascarella sia è impegnato “ad avere sempre una pattuglia fuori h24”.

One Response to E’ arrivato il nuovo dirigente del Commissariato di Imola, si chiama Michele Pascarella

  1. Il nuovo commissario chiede la collaborazione di cittadini e associazioni per facilitare il controllo del territorio: forse dovrebbe chiederlo a tutti gli altri organi di controllo che ricevono le segnalazioni, pretendendo l’applicazione delle regole e non l’interpretazione benevola verso chi delinque !

    Legambiente ImolaMedicina
    28 giugno 2017 at 15:14
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *