FantastikA, 4.500 persone e un drago d’oro

DOZZA
Sono stati ben 4.500 le persone che durante i due giorni di FantastikA (sabato 24 e domenica 25) hanno affollato la Rocca sforzesca, “un dato che tiene conto dei biglietti venduti per entrare nel Castello, degli accessi gratuiti consentiti agli under 14, ai disabili e alle scuole, e dei pass distribuiti agli ospiti della manifestazione e ai loro accompagnatori” precisano dall’organizzazione visibilmente soddisfatti.

Vero protagonista della biennale dedicata al fantastico è stato il Drago Fyrstan, creatura alta quasi 4 metri e lunga 9, che ha ispirato il titolo di questa terza edizione (“La nascita del Drago”) e ha attirato grandi e piccoli nella sua “tana” ricavata all’interno del Torrione Maggiore del Castello sforzesco.

Oltre al Drago, hanno registrato un boom di visitatori anche le mostre dei Maestri del Fantasy italiano, mentre le oltre 70 copie disponibili di “Lords for the ring – Art Calendar 2017 Limited Edition”, il calendario tolkeniano realizzato da sette grandi artisti e pubblicato in edizione a tiratura limitata con certificato di autenticità, sono state “bruciate” in pochissimo tempo.

“Questa terza edizione ha definitivamente consacrato FantastikA come Biennale del genere fantastico e dell’arte ad essa dedicata, un evento di elevato livello ma accessibile e fruibile per tutti. Non è un caso che proprio da quest’anno sia partita la collaborazione con Lucca Comics & Games – commenta Ivan Cavini, ideatore e curatore di FantastikA nonché artista ‘padre’ di Fyrstan -. Ora andiamo avanti così, guardando già alla prossima edizione in programma nel settembre 2018”.

Nelle immagini, oltre al “matrimonio elfico” celebrato in Rocca (una coppia che si è davvero sposata), anche Roberto Arduini (presidente Aist), Emanuele Vietina (vicedirettore Lucca Comics & Games) e Angelo Montanini (docente e illustratore) con il Drago d’oro conferito a Vietina e Montanini (e all’artista Paolo Barbieri) per la diffusione dell’arte fantastica in Italia.

Foto Alessio Vissani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *