Fondo di 40 mila euro dal Comune per ridurre la Tari delle famiglie in difficoltà

CASTEL SAN PIETRO
Anche quest’anno il Comune è riuscito a stanziare un fondo per permette di assegnare ai cittadini e alle famiglie più in difficoltà un contributo che restituirà loro
quanto pagato per la Tari del 2016. Si tratta di 40 mila euro complessivi sui quali è stato siglato un accordo con le rappresentanze sindacali della Cgil Cisl e Uil confederati e delle categorie dei pensionati.

“Sono stati messi da parte grazie agli avanzi di bilancio 2016 ottenuti prevalentemente da una mirata attività di accertamenti fiscali e torneranno nelle tasche dei cittadini meno abbienti” precisa l’assessore al bilancio Anna Rita Muzzarelli. Verrà utilizzata la formula già sperimentata l’anno scorso che “ha permesso di restituire a 193 famiglie circa 200 euro ciascuna” aggiunge Muzzarelli. Il primo cittadino Fausto Tinti rilancia: “In questo periodo di difficoltà economiche per molte famiglie è nostro dovere supportare le fasce sociali più deboli con interventi concreti e mirati a sostegno del reddito”. Verrà quindi istituito un bando per fasce Isee inferiori a 18.500 euro che sarà pubblicato agli inizi di settembre e resterà aperto sino a metà ottobre. L’iter si concluderà entro dicembre permettendo così di effettuare i rimborsi entro l’anno in corso.

Parole di apprezzamento anche dal leader della Cisl Danilo Francesconi “E’ un accordo molto importante, che riprende una buona pratica attuata dal 2015, e porterà molte famiglie di Castel San Pietro ad avere un rimborso economico significativo sulla Tari pagata. Altro punto davvero importante è l’impegno della amministrazione a cercare nelle pieghe del bilancio di reperire altri 20.000 euro da destinare in accordo con le organizzazioni sindacali a tutti quei soggetti che insieme alle istituzioni si fanno carico delle fragilità sociali”.

Nella foto: l’assessore Muzzarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *