Ginnastica: Biancoverde ancora settima in A2

IMOLA
Squadra imolese ancora al settimo posto a Padova il 23 febbraio; due cadute, una del prestito piemontese Melissa Polo alle Parallele asimmetriche ed una Clara Cappucci alla Trave, purtroppo rendono impossibile in questa seconda tappa di Campionato una possibile scalata della classifica provvisoria.
Ancora livellate le squadre, con punteggi bassi per tutte le partecipanti, che, tolte le poche seniores ed esperte come la nostra olimpionica Carlotta Giovannini che esegue tra l’altro due ottime performance alle parallele ed alla trave, sbagliano molto ed anno ancora (essendo juniores) un livello tecnico basso in contenuti all’interno degli esercizi.
A questo punto le due restanti prove di Bari (16 marzo) e Firenze (6 aprile) diventano determinanti per la permanenza della squadra nella serie A2 italiana.
“La possibilità di piazzare la squadra in una migliore posizione di classifica è concreta” spiega il tecnico Giacomo Zuffa, ma passa per esecuzioni con meno errori , dall’utilizzo su più attrezzi di Martina Paganelli (cosa questa che non è finora stata possibile per problemi legati alla sua emotività in gara) e dalla eventuale partecipazione della finora assente Alessia Pascoli che al volteggio avrebbe un maggiore valore di partenza”.
Sempre bene Noemi Aime al Corpo libero ed al Volteggio ed anche Clara Cappucci, che a parte la caduta alla trave ha gareggiato su tre attrezzi con determinazione, dimostrandosi un importante atleta per la squadra. Sofia Terziari ancora una volta non sbaglia la sua routine alle Parallele sebbene sia costretta a mantenere un basso valore di partenza per limitare le penalità esecutive nelle quali ancora incorrerebbe inserendo ulteriori elementi.
Tre settimane alla terza prova a Bari serviranno tutte per chiarirsi le idee su una eventuale ricomposizione della squadra e/o delle “salite” agli attrezzi, sempre tenendo presente che le ginnaste in squadra in ogni singola prova non possono essere più di sei.

La squadra della Biancoverde di Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *