I nuovi box per gli autovelox mobili sono comparsi su asse attrezzato e via Correcchio

IMOLA-SASSO MORELLI
I sei box arancioni per gli autovelox mobili hanno fatto la loro comparsa come previsto su asse attrezzato (via della Cooperazione) e via Correcchio, mancano solo quelli in via Lughese ed entro la settimana saranno tutti pronti per essere utilizzati. Si tratta di “armadi” nei quali vengono posizionati gli apparati mobili di controllo degli eccessi di velocità (autovelox mobili), quindi non funzionano sempre ma solo quando nei pressi c’è una pattuglia della polizia municipale. La sanzione può essere fatta sul momento oppure arriva a casa.

Si tratta di un intervento per prevenire gli incidenti stradali che era contenuto nel Piano del traffico approvato nei mesi scorsi dal Comune e finanziato con i soldi ricavati dalle multe.

I punti dove sono stati messi sono quelli considerati più a rischio in base ai dati dell’infortunistica. In via della Cooperazione un box è stato installato in direzione Ravenna e l’altro in direzione Firenze, tra il sottopasso sotto la via Emilia (più o meno dove ci sono gli innesti delle rampe) e il ponte della ferrovia, dove il limite da rispettare sono i 60 chilometri orari.

Sulla via Correcchio sono stati messi nei due sensi di marcia in prossimità del centro abitato della frazione di Sasso Morelli, a ridosso del cartello che indica l’ingresso alla frazione. In entrambi i casi il limite da rispettare sono i 70 chilometri orari.

Infine nei prossimi giorni verranno messi gli ultimi due box sulla via Lughese, in prossimità dell’incrocio con la via Lasie, nei due sensi di marcia. Anche qui il limite da rispettare sono i 70 km orari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *