Il Giardino delle rimembranze per lo spargimento delle ceneri sarà pronto a settembre

IMOLA
Un po’ in ritardo sulla tabella di marcia, ma è pressoché ultimato l’intervento per realizzare il Giardino delle rimembranze (o memoria) nel cimitero del Piratello. Si tratta di uno spazio per lo spargimento delle ceneri dei propri cari. Più che mai necessario (e chiesto da tempo) vista la crescente richiesta di cremazioni (ora siamo al 43 per cento sul numero dei decessi).

Il Giardino è costato 85 mila euro ed è stato realizzato dalla ditta Arcadia Impianti Srl di Castel San Pietro. Un corsello pedonale puntellato di cipressi si apre in una piazzetta dove sono state collocate alcune pareti sulle quali sarà possibile affiggere una targa commemorativa (cosa che non avviene nel cinerario comune) ed è stato installato anche un leggio in corten che può essere utilizzato durante la cerimonia prima della dispersione vera e propria delle ceneri. Quest’ultima potrà avvenire nella vasca piena di ciottoli.

Ora resta solo da capire quando diventerà operativo. «Dobbiamo definire alcuni aspetti inerenti la cerimonia e le modalità di utilizzo – dice il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Roberto Visani -. Vorremmo inaugurare il Giardino dopo l’estate, in settembre». Il regolamento comunale di polizia mortuaria prevede già la possibilità e relativa tariffa (115 euro), ma bisognerà chiarire anche i costi per l’apposizione di una targa e la durata della concessione.

Altri particolari e immagini in anteprima e dall’alto (grazie al drone) su “sabato sera” del 29 giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *