Il vetro della Glastebo piace al Marocco

CASTEL SAN PIETRO
La Glastebo di Castel San Pietro è stata aggiudicata in via provvisoria dal tribunale fallimentare a tre società con sede in Marocco. Attraverso la newco Glastebo Industry, la cordata marocchina, l’unica ad aver partecipato all’asta, ha offerto 1 milione e 620 mila euro, pari al prezzo base fissato dal tribunale di Bologna. Il giudice ha aggiudicato l’azienda in via provvisoria, in attesa che gli offerenti versino entro il 31 agosto l’intero importo della cauzione relativa al contratto di leasing previsto dal bando.

La Glastebo ha una sede in via Meucci a Castello e una a San Cesario sul Panaro (Modena), ed è fallita l’8 luglio 2015 e da allora naviga in esercizio provvisorio. Core business di Glastebo sono le lavorazioni del vetro per il settore edile e navale: lastre per facciate, infissi, pareti divisorie, vetrine, vetri stratificati e temprati, smaltati o serigrafati.

Si sa già che non verrà mantenuto tutto l’organico, ad oggi una quarantina di persone, di cui una trentina in forze nello stabilimento castellano (l’ipotesi è che rimangano 34 dei 42 posti presenti nelle due sedi).

Altri particolari nell’articolo pubblicato su “sabato sera” del 4 agosto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *