Impianti mini-idro sul Santerno, dopo la siccità iniziano a produrre e la ciclabile è pronta

IMOLA
Grazie alle prime piogge di settembre e ottobre, i due nuovi impianti mini-idro sul Santerno realizzati dalla società romagnola Acquaenergia Srl hanno cominciato a produrre energia. L’impianto all’altezza della Tosa è stato ultimato a giugno, mentre nelll’altro di Arzella, su via Sbago, gli allacciamenti sono stati ultimati appena un mese fa e la prima produzione di energia è indicativamente in consegna in questi giorni.

Si tratta di due impianti molto simili dal punto di vista del funzionamento e della produzione, quanto diversi per realizzazione. Entrambi hanno turbine e linee di collegamento interrate per non deturpare il paesaggio e producono energia elettrica sfruttando la differenza di energia tra l’acqua a monte e a valle di briglie esistenti nei rispettivi tratti di fiume. L’acqua necessaria viene prelevata subito prima della briglia e restituita al fiume subito dopo, senza lunghi canali di adduzione che rischiano di creare tratti morti del fiume e salvaguardando i pesci grazie a pale ideate per non danneggiarli.

Per la salvaguardia del paesaggio sono state utilizzate mascherature e recinzioni in legno da coprire con piante rampicanti e arbusti. La centrale alla Tosa è completamente sotterranea, tranne che per una piccola cabina di regia dei quadri elettrici. L’impianto in via Sbago, invece, è stato ricavato all’interno del corpo delle preesistenti briglie ed è visibile. Entrambi si prevede che producano a regime circa 2 milioni di kilowattora all’anno, l’equivalente del fabbisogno di un migliaio di famiglie, con un risparmio di oltre mille tonnellate di anidride carbonica.

Per Acquaenergia, che complessivamente si occupa di 12 centrali fra solari e idroelettriche, si è trattato di un investimento di quasi quattro milioni di euro. Della spesa fanno parte anche alcune opere di sistemazione urbana, concordate con l’Amministrazione comunale. Fra via Tiro a Segno e il ponte della Tosa, ad esempio, è già nato il nuovo tratto di pista ciclabile che si collega con via Quarantini, mentre per le nuove piantumazioni promesse si procederà nelle prossime settimane, meteo permettendo. Fra ottobre e la prossima primavera, in date ancora da definire, la società intende inaugurare pubblicamente entrambi gli impianti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *