In arrivo 6 milioni per Santerno, Idice e Sillaro

IMOLA-MEDICINA-MORDANO
L’accordo è di quelli che “pesano”: oltre 100 milioni di euro che serviranno per sistemare coste, corsi d’acqua e frane dell’Emilia Romagna, con l’obiettivo di evitare il ripetersi di allagamenti e smottamenti che si stanno susseguendo da alcuni anni a questa parte. L’accordo di programma per le aree urbane a rischio è stato siglato a inizio novembre dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e dal presidente della nostra Regione Stefano Bonaccini.

Per il territorio dell’imolese e dintorni a stilare l’elenco delle priorità è stato il Servizio tecnico di bacino Reno (Stb), che si occupa della manutenzione dei corsi d’acqua naturali. Per quanto ci riguarda da vicino, si parla di poco più di 6 milioni di euro per interventi che verranno eseguiti nei prossimi tre anni su tre corsi d’acqua: Santerno, Sillaro e Idice.

Nei tre corsi d’acqua verranno consolidati e riprofilati gli argini se necessario. Inoltre, verranno diradati gli alberi laddove necessario e tagliata la vegetazione che, in alcuni casi, quasi invade fiumi e torrenti. Sempre il Servizio tecnico di bacino, inoltre, ha in previsione altri 20 mila euro da dedicare nel 2016 agli sfalci della vegetazione lungo il torrente Gaiana, un corso d’acqua che proprio quest’anno è esondato almeno un paio di volte. I tagli alla vegetazione verranno fatti nel comune di Medicina, sia a valle del ponte di via dell’Olmo in zona Villa Fontana, che all’altezza della confluenza con il torrente Quaderna.

I dettagli sui singoli interventi sono su “sabato sera” in edicola dal 19 novembre

Il torrente Gaiana invaso da arbusti e rami

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *