In arrivo la banda larga per le aree produttive

IMOLA-CASTEL GUELFO-CASTEL SAN PIETRO-DOZZA-MEDICINA-MORDANO-OZZANO EMILIA
La Regione Emilia Romagna ha stanziato 26 milioni di euro per portare la banda larga e ultralarga in 160 aree produttive, artigianali o industriali, segnalate dai Comuni, delle quali 35 in Provincia di Bologna.

Per quanto ci riguarda da vicino, la banda larga arriverà a Imola (area produttiva di Sesto Imolese, centro di riabilitazione di Montecatone, area artigianale esistente e cantina sociale a Sasso Morelli), Castel Guelfo (polo San Carlo), Castel San Pietro (via Viara, via Emilia Levante), Dozza (Meluzza), Medicina (area produttiva sovracomunale Fissatone), Mordano (Winerberger) e Ozzano Emilia (area produttiva Ponte Rizzoli – Quaderna).

La realizzazione degli interventi, a carico della Regione, sarà sostenuta con i fondi del Programma operativo regionale Fesr 2014-2020, che complessivamente destina allo sviluppo dell’Ict e all’attuazione dell’Agenda digitale circa 26 milioni di euro.

“A queste aree– sottolinea l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi– offriamo la possibilità di colmare gli svantaggi infrastrutturali e di favorire lo sviluppo dell’area stessa mettendo le imprese nelle condizioni di competere sul mercato. In questo modo, inoltre, aggiungiamo un tassello alla realizzazione dell’agenda digitale dell’Emilia Romagna, il cui obiettivo è di estendere, entro il 2020, a tutto il territorio la copertura della banda ultra larga a 30 mega”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *