In mostra le terracotte di Cleto Tomba a trent’anni dalla morte

CASTEL SAN PIETRO
Scultore, nato a Castel San Pietro nel 1898, è noto soprattutto per le sue statue di piccolo formato in terracotta dipinte. Nel trentennale della sua scomparsa, la sua città natale dedica a Cleto Tomba una mostra intitolata “La contrada della luna” che inaugura sabato 3 giugno alle Cantine Bollini di palazzo Malvasia, in via Palestro 32.

E’ stato un cultore e collezionista delle opere di Tomba, Piero Degliesposti, a patrocinare l’organizzazione, che nasce sotto gli auspici del Comune e della Pro Loco di Castel San Pietro, in stretta collaborazione con la figlia Bianca Maria.

Più di cento pezzi, in gran parte provenienti da collezioni private, che consentono di ripercorre la biografia dell’artista fin dagli esordi, gli anni Venti e Trenta del secolo scorso, giungendo fino ad alcuni degli ultimi lavori. Il gruppo denominato «Manzoniana», allegro e scherzoso, venne esposto all’Internazionale di Barcellona nel 1929; Tomba parteciperà più volte alla Quadriennale d’arte nazionale di Roma e alla Biennale di Venezia, e a diverse esposizioni in tutt’Italia.

Nella vicina chiesa di Santa Maria Maggiore sarà visibile il primo presepe, mentre nella sede del municipio saranno esposte una quindicina di opere concesse dall’amministrazione comunale.

La mostra alle Cantine Bollini sarà visitabile fino al 25 giugno.

Nella foto: una delle opere di Cleto Tomba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *