Incentivi per le idee vincenti

IMOLA
Idee vincenti, innovative, competitive, che hanno tutte le carte in regola per stare sul mercato interno e internazionale. E una buona idea, una volta sviluppata, va tutelata e valorizzata, solo che molto spesso i costi di brevettazione sono elevati e le procedure poco accessibili. Per questo, cinque anni fa, è nato il premio Ipr (Intellectual property right), che tutela e valorizza i brevetti, le invenzioni, l’innovazione di inventori e imprese del comprensorio imolese.
A promuove tale iniziativa sono la Fondazione Cassa di risparmio di Imola attraverso il Centro per lo sviluppo economico del territorio imolese ed il centro per l’innovazione e incubatore d’impresa Innovami. L’obiettivo è quello di stimolare la propensione ad ottenere brevetti europei ed internazionali come ulteriore elemento di competitività.
Il premio Ipr mette a disposizione per il 2014 la cifra di 35.600 euro. I premi assegnati saranno di importo differenziato, perché si baseranno sui risultati conseguiti in sede internazionale dopo l’1 gennaio 2010 e potranno variare da 1.000 a 12.300 euro, al lordo di ogni onere fiscale previsto dalla legge. Inoltre, come lo scorso anno, visti gli effetti sulla competitività, saranno premiate anche le estensioni dirette di concessione in Cina, India, Stati Uniti d’America, Brasile, Russia.
Il bando prevede tre scadenze intermedie per presentare la domanda: 30 giugno, 30 settembre e 31 dicembre. Possono partecipare autori di invenzioni che siano persone fisiche e imprese artigiane, micro e pmi e fondazioni con residenza o sede legale od operativa nei comuni di Bagnara di Romagna, Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Castel del Rio, Castel Guelfo di Bologna, Castel San Pietro Terme, Conselice, Dozza, Fontanelice, Imola, Lugo, Massa Lombarda, Medicina, Mordano, Riolo Terme, Sant’Agata sul Santerno e Solarolo. Il bando integrale è disponibile sul sito di Innovami.
Nelle quattro edizioni del premio, sono stati assegnati quasi 145mila euro, per un totale di 44 domande premiate delle 52 ammesse su 57 presentate. Il 55% delle domande è stato presentato da piccole e medie imprese, il 25% da micro imprese, l’11% da persone fisiche e il 9% da grandi imprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *