Le Iene da Manca per l’ex Vassura-Baroncini | Sabato Sera

Le Iene da Manca per l’ex Vassura-Baroncini

IMOLA
La Iena Veronica Ruggeri nel pomeriggio di oggi (mercoledì 13) ha fatto un’incursione in Consiglio comunale. Obiettivo il sindaco Daniele Manca. Nodo del contendere la vendita della palazzina di viale Carducci 29/A che ha ospitato la scuola di musica Vassura – Baroncini.

L’intervista all’inviata de le Iene Veronica Ruggeri (che è stata anche madrina del Palio di Mordano) e le immagini dell'”assalto” al sindaco Manca

Due informazioni per chi non conoscesse la vicenda. Il Comune ha passato l’immobile, a suo tempo lascito testamentario di Anita Serantoni, al patrimonio che la Sicim ha avuto mandato di cedere al fine di incassare risorse per le casse comunali. La palazzina è stata messa all’asta una prima volta a luglio (base 500 mila euro), ma l’asta è andata deserta. Poi all’inizio di settembre la seconda asta nella quale ha presentato un’offerta soltanto l’avvocato Giuseppe Girani (425 mila euro più Iva, cioè lo stesso l’importo posto a base d’asta). E qui è iniziata la bagarre capitanata dai partiti di minoranza in Consiglio comunale Pdl, Imola migliore – Liberi a sinistra, Movimento5stelle e Insieme si vince. Le opposizioni hanno contestato l’assegnazione a Girani che viene considerato vicino al sindaco Manca e all’Amministrazione, e la stessa vendita visto il vincolo previsto a suo tempo nel lascito la prevedeva come “sede di una scuola ad indirizzo musicale”. Secondo l’interpretazione del notaio Tassinari però il Comune può spostare il vincolo su un altro edificio. Così da gennaio la scuola di musica ha traslocato nel complesso ristrutturato dell’Annunziata e l’allora l’assessore al Patrimonio del Comune di Imola Marco Raccagna ha giustificato l’operato del Comune dicendo che gli spazi dell’Annunziata sono “nuovi ed adeguati alle esigenze della scuola di musica, che è divenuta una delle più belle e funzionali in regione”. Aggiungendo che “gli introiti derivanti dalla vendita (dell’ex Vassura-Baroncini, ndr) saranno destinati all’acquisizione dei locali in cui nasce la nuova scuola”. Il Comune quindi sosteneva di non aver “voltato le spalle alle volontà testamentarie della benemerita Anita Serantoni”, ma al contrario di avervi dato gambe e braccia”.
Per chiudere, Giuseppe Girani in passato è stato esponente di spicco di Forza Italia eletto nel 1999 in Consiglio comunale a Imola, di recente attivo nella lista Fornace viva che ha appoggiato la rielezione a sindaco di Daniele Manca. Girani svolge la sua attività di avvocato anche per conto di Formula Imola, società che gestisce l’autodromo.

4 Responses to Le Iene da Manca per l’ex Vassura-Baroncini

  1. Davvero di pessimo gradimento questo articolo filo-Manca. L’interpretazione del notaio non è rilevante, le disposizioni testamentarie non sono sindacabili, come sa chiunque che faccia il primo anno di legge. Che poi le italianate modifichino interpretino le leggi a proprio uso e consumo è notoriamente vergognosa abitudine.
    Uno stabile di quel tipo senza vincolo di scuola musicale avrebbe raggiunto ben altre cifre, ed avrebbe avuto non pochi partecipanti l’asta.
    Complimenti.

    Andrea T.
    14 November 2013 at 11:12
    Reply

  2. Un edificio di que quel tipo 500000 euro..l’asta deserta…ma per favore.
    Che la piantino di prendere la gente per il naso pensando che sia stupida.
    E’il solito schifo anche a Imola ormai,bravo sindaco, bella figura.
    Davanti all’ Italia.

    Giovanni

    Giovanni F.
    23 November 2013 at 07:07
    Reply

  3. Se lo avessi saputo l’avrei comperata anch’io, assieme a mia figlia, infatti da tempo sto cercando un casa simile a quell’ottimo prezzo.
    Perchè noi cittadini normali non siamo stati informati. Le aste dovrebbero essere pubbliche e se l’asta è andata deserta non è che volutamente non si è voluta dare informazione giusta ?
    Qualche dubbio se permettete mi viene.
    Sig. Sindaco Manca, io mi fidavo di Lei.

    Norma

    Norma
    25 November 2013 at 13:35
    Reply

  4. A onor di verità, Sicim, la società incaricata di vendere l’immobile ex Vassura Barocini posto in via Carducci, ha informato la cittadinanza con inserzioni a pagamento pubblicate su diversi giornali locali. Riguardo il settimanale «sabato sera», tali inserzioni sono state pubblicate sui numeri usciti il 4 luglio (prima asta) e l’1 agosto (seconda asta). Personalmente ritengo che andassero fatte più inserzioni, ed anche più esplicative. Il che, ovviamente, avrebbe comportato una maggiore spesa per Sicim, società del Comune di Imola. E sicuramente qualcuno avrebbe trovato da obiettare anche su questo.

    Fulvio Andalò
    27 November 2013 at 13:35
    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>