Mandragora negli spinaci, richiamo nazionale su un lotto di surgelati Bonduelle

IMOLA – CIRCONDARIO
Il ministero della Salute ieri ha pubblicato un richiamo per il ritiro di un lotto di spinaci millefoglie surgelati Bonduelle per “sospetta presenza di foglie di mandragora”. Il prodotto, si legge nel richiamo, “non deve essere consumato”. Il richiamo è a livello nazionale e si riferisce al lotto 15986504-7222 45M63, con data di scadenza 8/2019, confezione da 750 grammi. I carabinieri del Nas stanno provvedendo al ritiro dei prodotti ancora sul mercato.

Come riportato da Ansaweb, sarebbero state delle foglie di mandragora mischiate a quelle degli spinaci surgelati comprati al supermercato, a causare il ricovero di un’intera famiglia al Fatebenefratelli di Milano il 30 settembre scorso. Padre, madre e due figli manifestavano confusione mentale e amnesia, a vari livelli gravità. Le analisi dell’Ast (ex Asl) hanno appurato che “rilievi giudicati compatibili con la contaminazione nell’alimento originario di mandragora, erba che può infestare i campi delle coltivazioni di vegetali commestibili”. Un’erba comune e simile alle foglie degli spinaci, ma molto pericolosa perché contiene alcaloidi che in alte concentrazioni possono provocare guai seri, dalle allucinazioni al vomito fino al decesso.

Da parte sua l’azienda ha ribattuto ad Ansaweb che: “Non esiste nessuna informazione che permette di attribuire la presenza di foglie di mandragora nei prodotti Bonduelle”. Aggiungendo che è in corso “il richiamo di alcuni lotti del prodotto ‘Spinaci Millefoglie Bonduelle’ come misura precauzionale”.

Nella foto: il prodotto «Spinaci Millefoglie Bonduelle» richiamato come da disposizione del Ministero della Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *