“Meno male è lunedì”

IMOLA
Un gruppo di operai in pensione riprende il lavoro per insegnare il mestiere a tredici detenuti nell’officina-azienda nata all’interno del carcere della Dozza a Bologna. E’ la trama del docufilm “Meno male è lunedì”, che verrà proiettato giovedì 2 aprile, al cinema Osservanza in via Venturini 18 (ore 21, biglietto 5 euro).
Prodotto dalla bolognese Tomato Doc&Film, per la regia di Filippo Vendemmiati, il progetto vede il coinvolgimento dell’Ima di Ozzano e delle aziende meccaniche bolognesi G.d e Marchesini group, che hanno sostenuto la produzione del film insieme alla Regione, con il patrocinio di Articolo 21 e Antigone-Per i diritti e le garanzie nel sistema penale. “La trasmissione del sapere ribalta il rapporto libertà-prigionia – spiegano i curatori del progetto -. Usare la vite giusta diventa metafora della ricostruzione di una vita. ‘L’officina dei detenuti’ è spazio di libertà. Se l’operaio torna metalmeccanico in prigione, il detenuto con quello stesso ruolo
rientra nel gioco della vita. Il film non insiste sul passato dei protagonisti: il tono è leggero, quasi commedia. Nel ‘lavoro fuori’ il lunedì è il giorno peggiore, nel ‘lavoro dentro’ è il migliore. Sabato e domenica per il detenuto operaio sono solo noia e l’attesa del lavoro di chi non vuole ferie”.

La locandina del documentario “Mano male è lunedì” di Filippo Vendemmiati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *