Micro-Vett, asta a fine gennaio

IMOLA
I 26 lavoratori della Micro-Vett fallita lo scorso febbraio vedono avvicinarsi la fine dei 12 mesi di cassa integrazione straordinaria, che terminerà il 19 febbraio. “Nel corso dell’ultimo anno abbiamo assistito al rincorrersi di interessamenti di diversi soggetti e ad oggi le due aste fallimentari indette sono andate deserte – spiega Stefano Pedini, segretario generale della Fiom di Imola -. Negli ultimi giorni è arrivata un’offerta di acquisto che sarà presentata all’asta fallimentare prevista per fine gennaio. Tale offerta, avanzata da un’impresa veneta che costruisce motori elettrici, prevede lo spostamento di tutte le attività produttive dal territorio e la disponibilità ad occupare fino ad un massimo di 5 lavoratori, così da ottenere una proroga degli ammortizzatori per tutti di altri 6 mesi, a fronte di un accordo sindacale che autorizzi l’operazione. Il punto è che il 19 febbraio scatteranno i licenziamenti per i 26 lavoratori che così non avranno più alcun legame con l’azienda e pertanto chi la rileverà dopo tale data non sarà tenuto a farsene carico. Quello che chiediamo al territorio e alle istituzioni è capire se entro il 19 febbraio ci sono le condizioni per costruire un progetto che sia in grado di non disperdere le produzioni della Micro-Vett, che in prospettiva possono creare nuovi posti di lavoro considerando il settore innovativo in cui opera, e di mantenerle sul territorio, visto che ci potrebbero essere altri soggetti stranieri interessati all’acquisto e alla prosecuzione delle attività a Imola con l’attuale organico. Abbiamo pertanto chiesto alla Provincia e alle istituzioni locale l’apertura del Tavolo di crisi per la salvaguardia del patrimonio produttivo del territorio”.

Lo stabilimento Micro-Vett di Imola e Stefano Pedini, segretario generale della Fiom di Imola (Isolapress)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *