Muore in casa, il corpo sbranato dal cane / 3

CODRIGNANO-BORGO TOSSIGNANO
Dietro front della Procura sulla morte di Giovanni Marasco, il quarantaduenne ritrovato nella sua abitazione in via Zampa a Codrignano con il corpo straziato dal cane, un incrocio con un rottweiler. Dopo aver ipotizzato una rapida archiviazione e la riconsegna del corpo ai familiari (da subito è stato escluso il coinvolgimento di altre persone), ieri il pm Marco Mescolini ha deciso di disporre l’autopsia e in queste ore conferirà l’incarico alla dottoressa Donatella Fedeli, già presente sul posto martedì, quando è stato rinvenuto il cadavere. Marasco era steso a terra, a pancia in su, al centro della sala. Il corpo in avanzato stato di decomposizione, con parecchie ferite soprattutto alle spalle e al volto. Sulle pareti non c’erano schizzi di sangue, né l’uomo presentava ferite alle braccia, elementi che potevano far propendere per un’aggressione del cane quando Marasco era ancora in vita. Più probabile, che il cane si sia avventato sul suo padrone quando questo era già morto, forse stroncato da un malore (ma non si esclude neppure il suicidio). La speranza è che dall’autopsia, che verrà eseguita tra oggi e domani, possano emergere elementi utili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *