Muore in casa, sbranato dal cane

CODRIGNANO-BORGO TOSSIGNANO
L’hanno trovato a terra in avanzato stato di decomposizione e il suo cane, di grossa taglia, non lasciava avvicinare nessuno. Ieri i soccorritori hanno impiegato oltre cinque ore per riuscire ad entrare nell’appartamento al civico 20 di via Zampa, nella frazione borghigiana di Codrignano, dove giaceva senza vita G.M., quarantaduenne originario della Campania. Nessuno l’aveva più visto da giovedì scorso, e amici e conoscenti avevano iniziato a preoccuparsi. Poi, spiando dalle finestre dell’appartamento al piano terra, la macabra scoperta. La porta era chiusa dall’interno, per questo, oltre al 118, sono stati chiamati i vigili del fuoco. E’ stato chiaro da subito che il cane, un incrocio con un rottweiler di circa 50 chili, non avrebbe fatto avvicinare nessuno. Oltre ad essere digiuno da giorni, infatti, in passato era già stato segnalato come aggressivo e sul suo proprietario pesava una denuncia per lesioni provocate proprio dall’animale. Inizialmente un veterinario dell’Ausl gli ha sparato un dardo tranquillante, risultato inefficacie. Poi è intervenuta la polizia provinciale con un sedativo più potente. Solo dopo le 19 i carabinieri sono riusciti ad entrare nell’appartamento e si sono trovati davanti il corpo senza vita che presentava parecchi morsi. Un “cadavere straziato”, così lo hanno definito i militari, “ripulito” anche il pavimento, dato che non sono state trovate tracce di sangue.

La casa dove è stata trovato il corpo senza vita di Giovanni Marasco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *