Napolitano premia l’Accademia pianistica

IMOLA
Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano premierà l’Accademia Pianistica «Incontri col Maestro» di Imola martedì 24 giugno con il premio nazionale «Presidente della Repubblica» per l’anno 2013. A ritirarlo, nelle sale del Quirinale, sarà il fondatore dell’Accademia, Franco Scala, invitato dal Capo dello Stato insieme al Presidente dell’Accademia Fabio Roversi Monaco e al direttore artistico Angela Maria Gidaro. “Sono orgoglioso perché questo premio cade nel venticinquesimo anno di attività dell’Accademia – ha dichiarato Scala -. Lo dedico alla mia città, ai sostenitori che hanno creduto nella nostra Accademia, e a tutti i docenti che hanno trasmesso il loro sapere ai nostri meravigliosi talenti. E’ un riconoscimento che rappresenta un punto di partenza per continuare a portare l’energia della nostra scuola nel mondo”. Il premio Presidente della Repubblica è stato istituito nel 1950 da Luigi Einaudi come segno di riconoscenza per l’attività degli artisti e degli scienziati e i vincitori sono designati dalle tre Accademie Nazionali Italiane: l’Accademia di Santa Cecilia per la musica, l’Accademia dei Lincei per le scienze e l’Accademia di San Luca per la pittura e la scultura. Soddisfazione arriva dal sindaco di Imola, Daniele Manca, che afferma: “La consegna del premio Presidente della Repubblica 2013 all’Accademia Pianistica Incontri col Maestro è motivo di soddisfazione e di orgoglio per tutti gli imolesi. Da oltre un quarto di secolo, grazie all’Accademia, il nome di Imola è ai vertici della musica mondiale. Oggi il livello di eccellenza raggiunto viene riconosciuto attraverso l’attribuzione di un riconoscimento importantissimo, che premia le migliori espressioni della cultura italiana in ogni campo. Le mie più vive congratulazioni al Maestro Scala, agli allievi e a tutto il gruppo dirigente dell’Accademia”.

Stretta di mano tra il sindaco Daniele Manca e il maestro Franco Scala (sullo sfondo, l’ex assessore alla Cultura, Monica Campagnoli). Foto Isolapress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *