Non c’era veleno nelle polpette “sospette” trovate in Pedagna

IMOLA
Non è stato trovato alcun tipo di veleno né nella carcassa della cagnolina morta in Pedagna, né nelle polpette trovate lo scorso 3 settembre nell’area verde fra i palazzi delle vie Vivaldi e Puccini.

E’ questo l’esito, reso noto dall’Ausl di Imola, delle analisi fatte, come di prassi in caso di situazioni “sospette”, dall’Istituto zooprofilattico della Lombardia ed Emilia Romagna, dove erano stati portati i campioni per chiarire se si trattava di esche avvelenate, quindi messe di proposito da qualcuno, e se la cagnolina fosse morta dopo averne ingerita una.

Non è la prima volta che delle bocconi sospetti si sono poi rivelati innocui. Dall’Ausl ricordano che, nel dubbio, è comunque sempre meglio segnalarli. Per raccoglierli basta aver l’accortezza di indossare dei guanti e poi consegnare il tutto al servizio Veterinario dell’Ausl di Imola (tel. 0542/604950).

Altre informazioni e curiosità sui ritrovamenti di polpette sospette sono su “sabato sera” in edicola da domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *