Novità per la Tari, addio alla domiciliazione bancaria. Tutti devono pagarla con l’F24 entro il 30 novembre

CIRCONDARIO IMOLESE-OZZANO EMILIA
E’ in arrivo in questi giorni nei Comuni del Circondario Imolese la Tari, cioè la terza rata della tassa per la raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, a copertura del periodo settembre-dicembre 2017. La scadenza è il 30 novembre. Il problema è che c’è una novità nella modalità di pagamento, in sostanza non è più consentita la domiciliazione bancaria, come avvenuto fino ad ora e come scelto da tantissimi cittadini.

La legge nazionale 225 del 2016 richiede l’incasso diretto della Tari nel conto di tesoreria del Comune, quindi l’unico metodo di pagamento consentito è tramite un modulo F24 precompilato. La procedura è entrata in vigore l’1 ottobre 2017 e quindi l’operatività parte con questa rata e si ripeterà con le prossime (Hera, alla quale i Comuni hanno affidato l’invio della Tari, emette le rate con le scadenze previste dai regolamenti comunali, compreso un conguaglio l’anno successivo).

Tutto questo vale, come detto, per tutti gli italiani, quindi anche per i cittadini e le aziende della nostra zona, di Imola e di tutti i dieci comuni del circondario e di Ozzano Emilia.

La nota positiva è che il modulo F24 precompilato arriva da Hera per posta (oppure tramite e-mail per chi ha scelto questa procedura) insieme all’avviso di pagamento e potrà essere pagato gratuitamente presso qualsiasi sportello bancario o postale (sul territorio italiano). Invece i contribuenti titolari di partita Iva hanno l’obbligo di effettuare il pagamento esclusivamente in via telematica.

Da Hera assicurano che “alla banca non arriverà nessuna notifica”, quindi sarebbero scongiurati i timori di eventuali doppi pagamenti per chi finora ha avuto la domiciliazione. Nella lettera di accompagnamento della bolletta sono state indicate le nuove modalità di pagamento e un’attenzione particolare è stata rivolta proprio alle utenze che fino ad ora pagavano con la domiciliazione inserendo un apposito volantino informativo nelle loro buste; “a chi ha reso disponibile il proprio indirizzo di posta elettronica o il numero di cellulare circa 10 giorni prima della scadenza arriverà una e-mail e circa 3 giorni prima un sms come promemoria” viene precisato dal Comune di Imola con un comunicato.

Il problema, però, è che il tempo stringe: mancano appena una ventina di giorni al 30 novembre e, tra ritardi nelle consegne della posta e corse dell’ultimo minuto, è prevedibile che il tutto si ridurrà con file e disguidi e magari ritardi nei pagamenti. Qualche cittadino ha già cominciato a protestare, inviando lettere alle redazioni dei giornali.

Per informazioni Hera mette a disposizione un numero verde dedicato, 800.999.004, dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 22 e il sabato dalle ore 8 alle 18. In alternativa, ci si può rivolgere agli sportelli clienti di Hera sul territorio (per l’elenco e gli orari di apertura consultare la pagina Sportelli Hera).

One Response to Novità per la Tari, addio alla domiciliazione bancaria. Tutti devono pagarla con l’F24 entro il 30 novembre

  1. …fatto salvo che nel conteggio degli utenti virtuosi che conferiscono alle varie stazioni ecologiche del Circondario Imolese i rifiuti differenziati, potrebbero ritrovarsi una nuova voce nella quota variabile “abbattimento per superamento massimale” relativa ai conferimenti individuali conseguente alla mancata detrazione nel periodo precedente,causa un’anomalia tecnica di Hera (http://www.ilrestodelcarlino.it/imola/cronaca/tari-no-sconti-1.3405325). L’inconveniente ha fatto sì che le “agevolazioni quota variabile” riferite ad otto mesi sono state detratte alla “quota variabile” su quattro mesi: da qui il superamento dell’importo della quota variabile.
    Pertanto sarà opportuno che vengano ricalcolate correttamente tali bollette, o che Hera dia garanzie di recupero sul maltolto e fornendo risposte a quanti hanno già segnalato l’ennesima “anomalia tecnica”, cosa che non ha ancora fatto.

    Legambiente ImolaMedicina
    9 novembre 2017 at 12:51
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *