Operaio dell’Agrimola ustionato

CASALFIUMANESE
Non è fortunatamente in pericolo di vita e dovrebbe tornare al lavoro a inizio settembre A.N., l’operaio della Agrimola Spa di Casalfiumanese rimasto ustionato mentre lavorava alla linea che trasforma i marroni in purea. L’incidente si era verificato a metà agosto quando il dipendente, trentacinquenne di nazionalità rumena ma residente a Casale, stava eseguendo lavori di igienizzazione sull’impianto per poi poter lavorare i prodotti in asettico. «Il tubo che stava manovrando – spiega Daniela Musiani, responsabile servizio prevenzione e protezione dell’azienda – contiene acqua mista a vapore a una temperatura di 100 gradi. Neanche lui sa spiegarsi il perché, ma l’ha incautamente sganciato quando era ancora troppo caldo». Il getto di vapore l’ha colpito e A.N. si è procurato ustioni al collo, al braccio e alla gamba sinistra. Immediato l’intervento dell’ambulanza, che ha trasportato il trentacinquenne all’ospedale di Imola e, da qui, al Bufalini di Cesena, dove si trova il centro specializzato in gravi ustioni. Lì è stato medicato e dimesso dopo alcuni giorni. Ora si trova ancora in malattia, «ma – prosegue la Musiani – dovrebbe rientrare a inizio settembre. Come azienda gli abbiamo fatto un richiamo disciplinare. Il nostro è un atto dovuto, un monito per fare più attenzione in futuro, perché è anche responsabile della sicurezza di altri dipendenti ed era stato formato per questa mansione». Sul posto si sono recati anche i carabinieri e i tecnici della medicina del lavoro dell’Ausl. Vista la chiarezza della dinamica, nessun macchinario è stato sottoposto a sequestro e la produzione è ripresa senza intoppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *