Osservanza, riaperto il bando per la gestione de L’Altro Caffè

IMOLA
Per sapere chi gestirà L’Altro Caffè, il locale a margine del parco dell’Osservanza chiuso ormai da un annetto, bisognerà pazientare ancora un po’. Osservanza Srl, la società di proprietà all’80 per cento del ConAmi e al 20 per cento del Comune di Imola che gestisce la riqualificazione dell’omonimo complesso, ha infatti deciso di riaprire i termini della gara per la concessione dell’immobile, scaduti a fine luglio. E questo nonostante fossero già arrivate “alcune offerte” come avevano precisato già a suo tempo dal ConAmi, senza scendere però in ulteriori dettagli.

Ora, con la riapertura dei termini di gara, sono stati precisati meglio alcuni elementi tecnici che riguardano le fideiussioni e le richieste sui progetti. Ma la sostanza non cambia. Il vincitore avrà in gestione l’immobile e la corte esterna per vent’anni, dovrà sistemare gli impianti e arredarlo e pagare un canone a base d’asta di 24 mila euro per i primi due anni, che salgono a 30 mila euro per il terzo e quarto anno e poi ancora a 36 mila euro per gli anni a seguire. In cambio, Osservanza Srl si impegna ad eseguire la ristrutturazione del fabbricato fissata in 300 mila euro.

L’intenzione dichiarata è trasformare L’Altro Caffè in un locale per la ristorazione, un «super ristorante» negli auspici manifestati un paio di mesi fa dal presidente di Osservanza Srl, Augusto Machirelli. Si vedrà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *