Pallamano: ma che bel Romagna

IMOLA
Il Romagna sfodera la miglior prestazione della stagione e chiude il 2013 battendo Teramo, conquistando tre punti fondamentali nella corsa al quarto posto. E’ stata una vera e propria battaglia, con gli abruzzesi che, nonostante il -7 di metà gara, hanno impensierito i bianconeri fino all’ultimo.
L’avvio di partita (2-0 per Teramo) non scompone il Romagna, che inizia a macinare gioco, segnando con continuità e trovando solidità difensiva. Il parziale dopo 10’ (6-3) è il giusto premio al gioco bianconero, ma il Romagna non si ferma e grazie ai siluri di Venturi tenta l’allungo (12-7 al 20’). Fonti chiama timeout e dispone una difesa a tutto campo, aggrappandosi a Vaccaro in attacco; il Romagna reagisce con lucidità, affidandosi alla regia di Fabrizio Tassinari che serve palloni d’oro per Ceso e Ceroni. Se però il Romagna va al riposo sul +7, grande merito va anche a Davide Tassinari, autore di numerosi interventi importanti, compresi due rigori parati a Vaccaro e Gabriele in chiusura di tempo, nel giro di due minuti.
Nel secondo tempo Teramo alza ulteriormente l’intensità e si rifà sotto (19-16 al 40’), trascinato da Vaccaro e Pagano, ma il Romagna sembra reggere l’urto, affidandosi al braccio di Ceso. Il clima in campo si fa sempre più caldo e tra il 49’ e il 54’ domina l’agonismo, tanto che non si registrano reti. A rompere la lunga astinenza ci pensa Santilli, che con un recupero e una rete in transizione firma il 24-18 che a 7’ sembra essere decisivo. Teramo però di crede ancora, trascinata dalla carica agonistica di Nikocevic, che non riesce però a ricucire lo strappo finale.

Romagna Handball – Teknoelettronica Teramo 28-24 (17-10)
Romagna: Dav. Tassinari, Mandelli, D. Bulzamini, Ceroni 4, Man. Folli, Mat. Folli 3, Venturi 5, Santilli 3, Ceso 8, Minoccheri , Dall’Aglio 1, Rossi, F. Tassinari. 4. All. Dom. Tassinari.
Teramo: Leodori 1, Marano 1, Barbuti 1, Gabriele 3, Santucci, Murri, Nikocevic 2, Luongo, Di Giandomenico, Vaccaro 9, Canzanese, Lodato, Pagano 7. All. Fonti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *