Pallamano: Romagna esce alla distanza

IMOLA
Un Romagna appannato per i primi venti minuti, si impone alla distanza su un coriaceo Ancona, capace di impedire ai bianconeri di giocare bene ricorrendo qualche volta anche alle maniere forti, peraltro pagate con diverse esclusioni. La formazione di Tassinari, ancora con una difesa esemplare, specialmente nella ripresa, conquista così la settima vittoria su sette incontri e mantiene la vetta in solitaria.

Coach Tassinari ripropone gli stessi convocati chiamati contro Carpi per questo incontro, ma cambia la formazione iniziale, facendo partire titolare Resca al posto di Davide Bulzamini, pronto a subentrare dalla panchina. Il Romagna da subito si mostra meno brillante che nella trasferta di Carpi. I bianconeri vanno in vantaggio con Resca ma, ben presto gli ospiti con la loro difesa aggressiva li mandano in confusione. Non serve nemmeno l’espulsione per rosso diretto a Sabbatini a migliorare la situazione visti alcuni tiri facili falliti, con i padroni di casa che si mostrano nervosi e poco ispirati. Ancona rimane in vantaggio fino sul 5-6, poi il Romagna cresce alla distanza e impedisce agli ospiti di segnare per 9’, portandosi sul 9-6, anche grazie all’ingresso di Gianni Bulzamini all’ala, autore di tre reti importanti.

Nei primi 7’ della ripresa le polveri delle due squadre sono particolarmente bagnate (1-1 il parziale) con le difese che danno il loro meglio. La svolta arriva con due esclusioni per due minuti ai danni dei dorici, che aprono grandi spazi ai bianconeri per colpire la porta difesa da Sanchez (break di 9-0 e 20-9 al 54’). Da quel momento i biancorossi della Luciana Mosconi non riescono più a risalire la china, complice un infortunio a Campana, che non rientra più nell’ultimo quarto d’ora quando il Romagna ha però già la partita in mano. A conferma di una partita piuttosto ruvida vanno segnalati anche gli infortuni a Davide Bulzamini, atterrato da Santinelli ad inizio ripresa, e a Solustri nel finale che patisce una distorsione al ginocchio. Dopo 20’ di siccità offensiva l’Ancona riesce a ritrovare il gol con Cardile, unico marcatore biancorosso nella ripresa fino a 3’ dalla fine. Nel finale non succede più nulla, col Romagna che amministra il vantaggio. La squadra di Tassinari ha fatto però un passo indietro rispetto all’ottima prova della settimana scorsa, soprattutto nel primo tempo, confermando le difficoltà dell’attacco, come è emerso in altre partite. Il Romagna può dirsi quindi soddisfatto della larga vittoria, ma non di quanto prodotto.

Romagna – Ancona 23-12 (10-7)
Romagna: Malavasi, Ceroni, Rossi 3, F. Tassinari 2, Cavina, D. Bulzamini 1, Santilli 1, Vanoli, Resca 9, Garavina 1, Man. Folli 1, G. Bulzamini 3, Dall’Aglio 2,. 12° Dav. Tassinari. All: Dom. Tassinari.
Ancona: Sanchez, Bastari, Campana 3, Feroce 1, Santinelli 2, Lorenzetti 1, Corelli, Rocchetti, Cardile 4, Sabbatini, Zannini 1, Solustri, 12° Giambartolomei, Principi. All: Guidotti
Note: Espulso Sabbatini al 9’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *