Parrucchiere “fasullo” scoperto dai Nas

IMOLA-BOLOGNA
Colore e taglio senza avere i documenti in regola. Così i Nas dei carabinieri di Bologna hanno posto sotto sequestro l’attività. Si tratta di un parrucchiere di Imola finito nella rete dei controlli disposti nelle scorse settimane su acconciatori ed estetiste per la tutela della salute dei clienti.

L’operazione è stata fatta nelle province di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini. In tutto sono stati controllati oltre 60 obiettivi, le verifiche fatte sono state incentrate sul possesso dei necessari titoli professionali del personale dipendente, dei requisiti igienico-sanitari e strutturali dei locali e della conformità e regolarità delle attrezzature in uso.

In provincia di Bologna sono state verificate 32 attività, delle quali 11 hanno evidenziato irregolarità di natura penale e amministrativa. Per quanto rigaurda Imola l’attività è stata sequestrata poiché condotta in assenza della prevista Scia (segnalazione certificata di inizio attività) ed avviata mediante il possesso di titoli abilitativi contraffatti. Tra l’altro, il locale presentava carenze igienico-sanitarie e impiegava personale privo dei previsti requisiti professionali. A conclusione degli accertamenti il titolare è stato denunciato per l’esercizio dell’attività con attestati di qualifica professionale di “acconciatore uomo-donna” contraffatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *