Pirati della strada in aumento

IMOLA
Tre incidenti provocati da altrettanti pirati della strada. E’ questo il bilancio sulle strade del circondario in appena tre settimane e purtroppo, ad oggi, nessuno dei colpevoli è stato finora individuato dalle forze dell’ordine.

Si tratta, però, della conferma di un malcostume, ovvero un reato, in preoccupante crescita. Stando ai dati forniti dalla polizia municipale di Imola, che rileva il maggior numero di incidenti sul territorio, dal 2011 ad oggi sono ben 19 i casi di fuga con omissione di soccorso e solo in sei è stato individuato con certezza il responsabile, quindi, fatti due conti meno di un colpevole su tre viene identificato. In altri quattro casi sono state trasmesse all’autorità giudiziaria le indagini effettuate ma l’identità del “pirata” non è stata stabilita con certezza, infine, nei rimanenti ben nove episodi il colpevole è rimasto ignoto.

Alla luce di tutto questo sarà interessante vedere cosa accadrà dopo l’entrata in vigore della nuova legge sull’omicidio stradale, che promette di inasprire non poco la pena non solo di chi provoca la morte di una persona, ma anche in caso di lesioni e fuga. Quest’ultima, in particolare, è un’ulteriore aggravante e, in questo caso, la pena non sarà inferiore a 3 anni di carcere per le sole lesioni oppure a 5 anni di detenzione in caso di omicidio stradale.

Altri dettagli su “sabato sera” in edicola dal 26 novembre

L’incidente sulla via Emilia a Imola avvenuto il 14 ottobre, qui il “pirata” fu subito individuato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *