Raccolta dei farmaci non scaduti

MEDICINA
La raccolta dei farmaci non scaduti da riutilizzare per Caritas e associazioni approda anche a Medicina, presso la farmacia Centrale di via Fornasini. Rappresenta lo sviluppo del progetto Farmaco Amico che, fino ad ora, ha coinvolto le quattro farmacie comunali di Imola gestite da Sfera con l’obiettivo di permettere la raccolta e il successivo riutilizzo dei farmaci non scaduti. Dalla fine di novembre del 2012 a metà settembre nella sola Imola sono stati raccolti ben 4.951 confezioni di farmaci e solo il 16% delle confezioni è stato scartato perché non rispondente ai requisiti richiesti (scadute, mal conservate o prive del foglietto illustrativo). Una parte dei farmaci restanti sono utilizzati dall’ambulatorio della Caritas che negli ultimi tempi è così riuscita a soddisfare in parte le esigenze sia di farmaci da banco che di farmaci in classe C su prescrizione medica. In particolare sono richiesti antidolorifici, antipiretici quali tachipirina o aspirina, antibiotici, pomate per eczemi, colliri per congiuntiviti, antistaminici, gastroprotettori, polivitaminici e fermenti lattici. Ad oggi, una parte dei farmaci è destinata anche alla Comunità missionaria di Villaregia, una delle cui sedi è ad Imola, che ha centri medici in Perù, Costa d’Avorio e Mozambico, all’associazione missionaria Croce Coperta Onlus, che aiuta varie missioni in particolare in Kenya, e all’associazione Time4life che porta medicinali e cibo in Siria, presso centri profughi e ospedali.

Il nuovo punto di raccolta inaugurato da Giuseppe Zuffa, presidente comitato territoriale Hera per Imola-Faenza, Marta Fregna, direttore generale Sfera, Elena Buttazzi farmacista della Centrale e Marco Galetti, assessore alle Attività produttive di Medicina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *