Refurtiva rinvenuta in due casolari

CASTEL SAN PIETRO-OZZANO EMILIA
Prima i fucili nelle campagne di Ozzano, poi auto, attrezzi da officina e pure dei motori da barca nelle campagne di Castel San Pietro. In un paio di giorni i carabinieri hanno trovato una refurtiva piuttosto cospicua nascosta all’interno di due casolari, rispettivamente, nei pressi di Ponte Rizzoli e nelle campagne tra Poggio e Osteria Grande.

Lunedì 2 i militari di Ozzano sono stati contattati dal proprietario di un casolare in via Tombarella nei pressi di Ponte Rizzoli. L’uomo si era accorto che nel fabbricato di sua proprietà, peraltro usato di rado, qualcuno aveva nascosto nel solaio alcune bici, sigarette e anche una decina di fucili da caccia, risultati rubati a due cittadini, un 44enne di Castel San Pietro e un 67enne di Fano, che avevano sporto regolare denuncia del furto.

Due giorni più tardi, invece, i colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile di Imola hanno avviato le indagini per risalire a una banda di malviventi accusata di ricettazione in concorso. Nel corso di un pattugliamento, infatti, i militari avevano scorto alcuni indvidui allontanarsi da un casolare abbandonato situato tra via Bastiana e via Stradelli Guelfi. All’interno del fabbricato i carabinieri hanno poi rinvenuto una Fiat Punto, un furgone Fiat Ducato, sedici motori marini fuoribordo, un tablet, uno smartphone, un fucile da caccia e diversi attrezzi da officina. Stando ai primi accertamenti, sembra che la refurtiva provenga dalla provincia di Pesaro e Urbino. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi con gli inquirenti marchigiani per identificare i legittimi proprietari. Ad ogni modo, chi vesse subito di recente furti di oggetti analoghi, può contattare la Compagnia dei carabinieri di Imola al numero 0542/611800. Quel casolare di via Bastiana già in passato è stato utilizzato come “magazzino”. In meno di un anno, infatti, questa è la quarta volta che gli uomini dell’Arma vi trovano oggetti rubati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *