Sala Miceti diventa Info, i lavori a settembre

IMOLA
Un unico, grande super-ufficio nel quale riunire Anagrafe, Stato civile e Urp. Come annunciato già a fine 2014, questa sarà la futura nuova vita della sala intitolata al primo sindaco del dopoguerra, Giulio Miceti. Un grande, enorme stanzone che si trova all’ultimo piano dell’edificio che, tra le altre cose, al pian terreno accoglie il Mercato Coperto. Da tempo, l’Amministrazione ha l’intenzione di accorpare in un unico punto gli uffici che maggiormente hanno a che fare con i cittadini, e che oggi risultano collocati tra il piano terra e il primo piano del municipio e nella galleria del Risorgimento. Trasformando i servizi in un vero e proprio front office in grado sia di dare risposte alle richieste di informazioni, sia di fornire i servizi base come il rilascio delle carte di identità o altre pratiche.

La scelta della sala Miceti, 800 metri quadrati di superficie già di proprietà del Comune di Imola, ben si presta per questo scopo. Tra l’altro con l’ulteriore vantaggio di avere a due passi il parcheggio per chi vi si deve recare e realizzare spazi più confortevoli e adeguati.Naturalmente serve una bella rinfrescata agli ambienti che, seppur meno vetusti di quelli del municipio, risalgono agli anni Ottanta, ovvero quando fu trasformato il vecchio capannone di un’officina Fiat nell’immobile attuale. L’intenzione è approfittarne per dare un nuovo volto a tutto l’esterno dell’edificio, per poi concentrarsi nella trasformazione della Sala Miceti. Un progetto curato dallo studio imolese Alba progetti e, per quanto riguarda gli impianti meccanici, da Sergio Beltrami. «L’obiettivo è realizzare all’ultimo piano un grande e moderno open space, nel quale lavoreranno 29 dipendenti pubblici» dettaglia l’architetto Stefania Campomori di Alba progetti.

I lavori, che avranno una durata di circa otto mesi, verranno eseguiti dal Consorzio Opera che si è aggiudicato l’appalto e cominceranno nella seconda metà di settembre. Complessivamente si tratta di un intervento da 1 milione e 200 mila euro, dei quali 990 mila euro relativi ai lavori. L’opera non interferirà con le attività sottostanti, a partire dal Mercato Coperto, molto probabilmente, però, per la durata del cantiere sarà necessario spostare alcune bancarelle del mercato esterno ed eliminare i quattro posti auto collocati davanti all’ingresso principale. Se la tabella di marcia sarà rispettata, presumibilmente tra la primavera e l’estate del 2017 potrà iniziare il trasloco degli uffici comunali.

Altri particolari e rendering di come diventerà il nuovo Info point degli uffici comunali su “sabato sera” del 4 agosto

Come diventerà la Sala Miceti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *